Valentina Monetta ad Eurofestival News: “Terrò alto l’onore di San Marino”


“Quando mi hanno detto che avrei cantato su un palco così importante, mi sono sentita come Cenerentola quando ha visto la fatina”.

Valentina Monetta, la rappresentante di San Marino per l’Eurovision Song Contest è esattamente come uno se l’aspetta. Semplice e diretta, senza maschere. Mentre si prepara alla sua prima tournée all’estero che la porterà intanto in Olanda e Gran Bretagna (“per cominciare, poi vedremo”), trova lo spazio per concedersi ad Eurofestival News per raccontare come sta vivendo la favola eurovisiva. Perchè il fatto che la sua designazione abbia i contorni se non di una favola, almeno di una bella storia è certo.

Complice quel concerto in un locale di Riccione: “E’ stata tutta una serie di fortunate coincidenze – dice Valentina – il concerto, la cantante che stavano cercando e il fatto che quella sera ci fosse a cena il direttore di SM TV Carmen Lasorella.

Per me è stato il coronamento di un periodo straordinario, visto che da poco era uscito il mio primo album “il mio gioco preferito”. Io canto da tempo, ho una buona esperienza di live sui palchi, però è chiaro che questa è un’altra cosa. L’Eurovision Song Contest è un evento che ti carica ed allo stesso tempo ti spaventa.

Sarei ipocrita se dicessi che palchi come quelli non mi daranno emozione. Ne avrò eccome, ed è giusto che sia così in fondo. Ma la cosa che conta è saperla affrontare: un bel respiro e si va sul palco, tirando fuori la voce. E’ la performance che conta, hai tre minuti per farti conoscere dall’Europa. Il resto conta meno, anche se è è chiaro che passare il turno mi farebbe piacere. La cosa più importante per me che sono sammarinese doc è rappresentare al meglio la Repubblica”.

OPINIONI DISCORDANTI – L’Europa, appunto. Quella che quando è uscito il video di “Facebook Uh Oh Oh” si è divisa nei giudizi, non lesinando anche qualche critica feroce e che invece ha mostrato di maggiormente la versione rimaneggiata “The social network song“. Ma anche quell’Europa che dal 16 maggio ad oggi, cioè il soli 14 giorni, ha portato al video “originale”, quello caricato sul canale youtube di Valentina Monetta, oltre 330mila visualizzazioni.

Cifre raggiunte a due mesi dalla manifestazione solo da “Satellite” di Lena nel 2010 o dai Lordi nel 2006. Le critiche però, sono sempre tali: “e certamente non mi hanno fatto piacere – commenta la cantante del Titano – ma io ho le spalle larghe e vado avanti.

Anche perché intanto, si sta parlando di me, di San Marino e della nostra canzone. Certamente siamo rimasti sorpresi quando ci hanno detto che avremmo dovuto cambiare testo: prima di presentare la canzone, lo staff si era mosso tramite avvocati e tutti avevano dato l’ok ritenendo la parola Facebook di uso comune. Ma tant’è. Mi sono rimboccata le maniche, sono ripartita per Monaco, ho inciso di nuovo la canzone e rifatto alcune parti del video…”.

PRONTI, VIA – E adesso che l’avventura è cominciata, la testa di Valentina è tutta rivolta al 22 maggio quando si esibirà per undicesima sul palco di Baku: “Non vedo l’ora, mi sto già facendo tutto un fumetto, come nel video della mia canzone – spiega – ho visto la scorsa edizione, ho parlato con i Miodio, che hanno fatto questa esperienza prima di me e mi hanno dato tanti consigli.

Li conosco da tempo, abbiamo fatto tanti concerti insieme, mi hanno detto di stare tranquilla, di non preoccuparmi troppo del risultato o se canto prima o dopo e cercare solo di fare bella figura e portare sul palco tutto il nostro orgoglio sammarinese, per mostrare nel nostro piccolo tutta la nostra grandezza. Certamente, adesso che sto già lavorando con i coristi e con Ralph Siegel, sto imparando tantissimo. Per me questa è un’esperienza molto formativa sotto tutti i punti di vista, umano e professionale”.

E scorrendo fra i riferimenti musicali di Valentina Monetta, compare Nina Zilli, la rappresentante italiana: “Siamo accomunate dall’estrazione funky – dice – ma in generale mi piace il suo stile canoro, ho diverse sue canzoni nel mio repertorio. Non vedo l’ora di stringerle la mano e per me sarà un onore condividere il palco con lei e con gente come Anggun ed Engelbert Humperdinck”.

FUTURO PROSSIMO – La collaborazione con Ralph Siegel, cominciata con questa esperienza, non si esaurirà qui: “C’è stata subito grande sintonia tra di noi – dice – la canzone, la musica e il testo mi sono piaciuti subito e lavorando con lui ho conosciuto la sua grande professionalità. Credo proprio che dopo l’Eurovision ci sarà la possibilità di mettersi a tavolino per nuove canzoni ed un album.  Prima però c’è da tenere alta in Europa la bandiera del Titano. E io sono orgogliosa di sventolarla a Baku”.

Advertisements

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

6 Risposte

  1. Ludo ha detto:

    Però una bella “italian version” ci starebbe proprio bene…!!!

  2. RENNY ha detto:

    Valentina faremo un gran tifo per te li a Baku!! ho ancora la bandiera dello scorso anno!!
    vedrai che emozione !!! ma la vera sorpresa sarà vederti poi il 26 maggio

  3. gio lugano ha detto:

    E’vero! Valentina portera’un po’di calore,anche romagnolo all’Esc! in bocca al lupo! l’apprezzeranno anche dalla Svizzera italiana!!!

  4. gio lugano ha detto:

    E’vero! vale portera’un po’di calore,anche romagnolo all’esc! in bocca al lupo! anche dal ticino la voterranno!

  5. israelforever ha detto:

    io le daro’ 1/5 dei miei sms, auguri vale e porta un po’ di calore romagnolo all’esc.

  6. Francesco ha detto:

    San Marino ha pescato il jolly trollesco, quest’anno. Con una canzone più controversa di Euro Neuro ed una Monetta più cartoonesca delle babuske russe, non si fa altro che parlare di lei.
    Ci manca solo che a Baku Valentina si cimenti in una coreografia piene di mosse di kung fu in stile Loreen ed il trollaggio sarà perfetto. Io già l’adoro e sono sicuro che voterò per lei entrambe le serate. :D