Semifinali ESC 2014: l’intervista ai commentatori Marco Ardemagni e Filippo Solibello

Li abbiamo sentiti commentare l’Eurovision Song Contest su Rai2 negli ultimi due anni, hanno condotto il DopoFestival di Sanremo 2014, insieme a Natascha Lusenti e Cinzia Poli accompagnano il risveglio di tantissimi italiani sulle frequenze di Radio2, in uno dei programmi di maggior successo (Caterpillar AM). Loro sono Marco Ardemagni e Filippo Solibello, il duo  che quest’anno accompagnerà tutti i telespettatori di Rai4 nel commento della prima e della seconda semifinale dell’Eurovision 2014, naturalmente il 6 e l’8 Maggio in diretta tv dalle 21 (qui tutte le modalità per seguire l’evento).

Ardemagni Solibello

In attesa di ascoltarli “live”, abbiamo avuto il piacere di intervistarli in esclusiva: ecco la nostra “chiacchierata” con Marco e Filippo, che tra le altre cose, ci hanno svelato che il prossimo 4 maggio…

EN – Due anni di finali, quest’anno raddoppiate con le semifinali. Come vi state preparando all’evento?

Ardemagni/Solibello – Le semifinali sono ancora più interessanti (e al tempo stesso insidiose) della finale per due motivi: ci sono più interpreti rispetto alla finale e li vedi tutti per la prima volta. Sarà divertentissimo.

EN – Niente Italia, perchè è già in finale, ma ci sarà comunque da fare il tifo per gli amici di San Marino (hanno una semifinale difficile…). E c’è tanta Italia, con tanti artisti che vivono in Italia (l’albanese) o parlano italiano (Albania, Slovenia, San Marino e il ticinese della Svizzera, ma parlano italiano anche la Macedone e l’ucraina, che pare abbia antichi avi italiani). Ce n’è abbastanza per goderci le semifinali in chiave “azzurra”… Tracciamo un bilancio personale di due anni di Eurovision. C’è qualcosa che non rifareste nelle vostre due finali commentate?

Ardemagni/Solibello – Abbiamo diversi materiali su cui prepararci, ma soprattutto la splendida Guida all’Eurovision Song Contest 2014. Se riuscite a metterci in contatto con gli autori, vorremmo far loro molti complimenti.

EN – In questi anni la vostra trasmissione del mattino, Caterpillar AM ha dato ampio spazio all’Eurovision. Sarà così’ anche quest’anno? E che feedback avete ricevuto dal vostro pubblico, sia attraverso i messaggi che sui social?

Ardemagni/Solibello – Il sempre maggiore riscontro del pubblico italiano, e anche dei nostri ascoltatori radiofonici è nei fatti, sia nella percezione degli addetti ai lavori, sia nei dati di ascolto, sempre crescenti delle ultime tre edizioni.

EN – A vostro parere, e dopo aver commentato due edizioni, perchè l’Eurovision fatica ancora a far breccia in Italia?

Ardemagni/Solibello – La sensazione è che la settimana clou arrivi ancora un po’ troppo all’improvviso. La soluzione più semplice e diretta sarebbe quella di utilizzare qualche programma, magari un talent, per le selezioni come fanno all’estero.

EN – Che idea vi siete fatti della rassegna di quest’anno?

Ardemagni/Solibello – Da questo punto di vista, quest’anno una fetta maggiore degli ascoltatori ha ben chiaro che ESC sta arrivando, anche se forse ancora non abbastanza. Sarà certamente un’edizione molto curata e vivace.

EN – Siete riusciti in questo periodo a farvi un’idea di come i vostri colleghi del mondo dei media vedono l’Eurovision?

Ardemagni/Solibello – Da questo punto di vista c’è ancora molto da lavorare. Iniziative come la vostra guida sono davvero fondamentali. Noi, dal nostro punto di vista, cerchiamo di essere un po’ gli ambasciatori dell’iniziativa. E non dimentichiamoci che arriva nel bel mezzo di una campagna elettorale fondamentale per l’Europa: rassegne come queste servono a rinsaldare i legami tra i paesi membri (e non solo). In questo il rammarico maggiore è per quei paesi, come la Turchia, che, anche per considerazioni politiche, hanno deciso di non partecipare.

EN – Quale potrebbe essere la messa in scena vincente per il nostro paese? Di esibizioni ormai ne avete viste abbastanza..

Ardemagni/Solibello – Nelle precedenti edizioni le messe in scena italiane erano comunque stilosissime e in linea con la personalità dell’interprete. Due punti fondamentali. Continuiamo così!

EN – Avete mai avuto l’occasione di conoscere la nostra rappresentante? In ogni caso che idea vi siete fatti di lei come persona ed artista? Qual è il pezzo del suo repertorio che preferite?

Ardemagni/Solibello – Non abbiamo ancora conosciuto Emma personalmente, ma non vediamo l’ora di farlo. Da questo punto di vista potrebbero esserci delle sorprese divertenti… Come artista è una vera, energica, passionale con una voce molto interessante. La sua canzone più bella forse è Tra passione e lacrime.

EN – Avendo lavorato per il Festival di Sanremo, sapreste sottolineare le differenze fra le due manifestazioni?

Ardemagni/Solibello – Il tratto comune è che in entrambe le manifestazioni (sembra una banalità, ma non lo è) la cosa fantastica è la professionalità degli artisti, la loro qualità, che molto spesso va oltre quello che riescono a mostrare nei pochi minuti dell’esibizione.

EN – Sappiamo che il 4 maggio sarete in diretta da Copenaghen per Quelli che.. su Rai2… cosa avete in serbo per la platea televisiva?

Ardemagni/Solibello – Ma era questa la sorpresa della domanda 8! Ma allora lo sapete già, diavoli!

EN – Rimarrete lì e commenterete le semifinali dal vivo o tornerete in Italia?

Ardemagni/Solibello – Le commenteremo dall’Italia ma gonfi e tronfi di tutte le informazioni che avremo raccolto sul posto. Buon Eurovision Song Contest 2014 a tutti!

Ricordiamo l’appuntamento con Marco e Filippo che è per il 6 e l’8 Maggio su Rai4 dalle ore 21, con le due semifinali dell’Eurovision Song Contest. Noi naturalmente li ringraziamo per il tempo che ci hanno dedicato e per i complimenti sulla nostra Guida all’Eurovision 2014, che non possiamo che apprezzare!

Advertisements

3 Risposte

  1. Chiara ha detto:

    Felice di risentirvi anche quest’anno!! ;) Forza forza!!

  2. Francesco ha detto:

    Grandi ragazzi! Vi vogliamo in forma come nella vostra prima edizione.. son sicuro che sarete apprezzati da tutti ;)

  3. israelfurever ha detto:

    eh certo che lo sappiamo gia’ chi commentera’ le semi, non e’ come vent’anni fa nel 1994 che non sapevamo nulla fino alla serata finale