Junior Eurovision 2015: intervista a Chiara e Martina Scarpari

Manca ormai poco più di un mese al grande appuntamento di Sofia: il 21 novembre alle ore 19.30 italiane, in diretta dalla Arena Aarmec e su Rai Gulp andrà in scena l’edizione 2015 dello Junior Eurovision Song Contest. A commentare ci sarà ancora, come da noi annunciato Simone Lijoi, con Vincenzo Cantiello nell’arena di Sofia ad annunciare i  voti.

E allora scaldiamo i motori con questa intervista a Chiara e Martina Scarpari, le gemelle calabresi che ci rappresenteranno, proprio nel giorno in cui è stata ufficialmente presentata “Viva“, la canzone scritta da Gigi D’Alessio, che canteranno a Sofia.

Gemelle Scarpari

EN: Come era nata la partecipazione a Ti Lascio una canzone e che effetto vi ha fatto ritornare quest’anno scelte fra le migliori interpreti per questa selezione internazionale?

CM: Ti lascio una canzone è stata un’opportunità nata in modo abbastanza casuale e inaspettato. Avevamo da poco vinto un contest locale e ci proposero queste audizioni. Non ci aspettavamo minimamente di superarle al primo tentativo, invece è andata bene.  Ritornare su quel palco un anno dopo è stata una bella emozione, eravamo felici soprattutto perché abbiamo rivisto tante persone alle quali ormai volevamo molto bene.

EN: Raccontateci la vostra emozione al momento della vittoria nella prima puntata e come avete invece vissuto il fatto che la finale è stata poi annullata e avete dovuto ripeterla. Avete mai pensato che avreste potuto perdere il remake della finale?

CM:La prima vittoria è stata qualcosa di inaspettato, eravamo davvero frastornate e ci guardavamo intorno disorientate, tanta era l’emozione. La notizia della revoca è stata una doccia fredda, ma una doccia fredda in pieno agosto, non l’abbiamo presa troppo male. Abbiamo pensato che era giusto che il nostro avversario avesse le nostre stesse opportunità, non volevamo una vittoria tra le polemiche. Alla fine ci stavano soltanto chiedendo di cantare un’altra volta, per noi non poteva diventare un problema, è quello che più amiamo fare, non diamo troppa importanza alla competizione. Di sicuro abbiamo avuto un po’ di paura, potevamo veder svanire un sogno, ma in quella settimana siamo state invase di affetto, era così bello quello che ci accadeva intorno che non abbiamo avuto tempo per farci prendere dal panico.

EN: Avete visto lo show Junior Eurovision Song Contest l’anno scorso, che idea vi siete fatti e che cosa vi aspettate voi personalmente dalla partecipazione? 

CM: Abbiamo seguito la scorsa edizione perché gareggiavano Vincenzo Cantiello e Federica Falzon, due dei amici che avevamo conosciuto a Ti lascio una canzone. Vincenzo è stato eccezionale, oltretutto è riuscito a vincere, ma anche Federica è stata veramente straordinaria, con tutta l’ansia di cantare nella sua Malta. I partecipanti erano tutti di altissimo livello, sappiamo che anche quest’anno sarà una gara durissima. E poi Sofia è una città bellissima, siamo sicure che ci divertiremo tantissimo.

EN: Ne avete parlato con Vincenzo Cantiello? Vi ha dato qualche consiglio?

CM: Abbiamo incontrato Vincenzo la sera della finale di Ti lascio una canzone ma non abbiamo parlato dello Junior Eurovision, non sapevamo ancora che avremmo raccolto noi il suo testimone. Lo rivedremo presto e ci faremo svelare tutti i segreti che servono per stupire il pubblico della rassegna.

EN: Sappiamo che avete preso parte anche allo Junior New Wave Contest. Raccontateci quell’esperienza? Cosa vi aspettate di diverso allo Junior Eurovision?

CM: Il Junior New Wave è stata in assoluto l’esperienza più bella che abbiamo fatto finora. Ci siamo state due volte: la prima in gara ed è stato un successo, la scorsa estate poi siamo ritornate come ospiti. In quei giorni si respirava un’atmosfera bellissima, abbiamo vissuto la musica dei professionisti, ci aspettiamo di ritrovare un’atmosfera simile anche a Sofia. Sappiamo che ci saranno alcuni dei ragazzi che abbiamo già conosciuto in Crimea, non vediamo l’ora di incontrali di nuovo.

EN:  Di cosa parla il brano “Viva”, cui avete collaborato nel testo, come da regolamento?

CM: “Viva” parla di emozioni, tutta quella sfera di emozioni che interessa la nostra età. Dentro “Viva” ci sono gli amici, i primi amori, le vacanze e la scuola, ma c’è anche un passaggio significativo sulla figura del nonno, è un verso a cui teniamo molto, ci emoziona perché è legato ad un bagaglio particolare di bei ricordi a cui siamo molto legate.

EN: Come è stato lavorare con Gigi D’Alessio e il maestro De Amicis e in genere che sensazione avete avuto dall’incidere il vostro primo brano?

CM: Non abbiamo ancora conosciuto personalmente Gigi ma anche a distanza ci ha dato comunque un grosso sostegno, speriamo di incontrarlo presto per ringraziarlo per tutto il lavoro che ha fatto per noi. Lavorare con De Amicis invece è ogni volta più bello, lui ormai ci conosce un po’ e sa quali sono i nostri peggior difetti. È un professionista straordinario, ci ha aiutato tantissimo nella nostra crescita artistica, è sempre prezioso lavorare con lui, si impara tanto.

EN: In futuro vi vedete sempre come duo anche in futuro o pensate prima o poi di prendere strade diverse?

CM: Per ora non pensiamo ad un futuro separate, abbiamo sempre cantato insieme fin da bambine. Le nostre voci è come se fossero complementari, sarebbe difficile immaginarle da soliste. Poi in futuro mai dire mai, abbiamo caratteri diversi e qualche volta ascoltiamo generi musicali differenti, magari questo ci porterà a fare cose diverse nella vita, chi può dirlo. Ma per adesso non vogliamo assolutamente pensarci.

EN: Quali sono i vostri riferimenti musicali? Cosa ascoltate di solito e quali cantanti invece vi ispirate?

CM: Ascoltiamo un po’ di tutto, non abbiamo uno standard definito. I nostri interessi spaziano dalla musica classica al pop, in particolare ci piacciono molto Christina Aguilera e Marco Mengoni. Ma ascoltiamo anche tanti “vecchi” successi della musica leggera italiana.

EN: Avete in programma un album?

CM: Non possiamo anticipare molto sull’argomento ma possiamo assicurarvi che stiamo lavorando a qualcosa. Per adesso siamo concentrate per fare bella figura in Bulgaria ma il nostro futuro rimane un cantiere aperto, quindi aspettatevi delle novità nei prossimi mesi. Un grosso abbraccio da Chiara e Martina a tutti i lettori di Eurofestival News, ci vediamo a Sofia.


Di seguito il videosaluto delle nostre rappresentanti allo Junior Eurovision 2015 a tutti i lettori di Eurofestival.News

Advertisements

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. Federico Murruni ha detto:

    BELLA CANZONE E BRAVISSIME CHIARA & MARTINA