Eurovision 2016, intervista a Laura Tesoro: “Voglio rendere il Belgio orgoglioso di me”


Un’altra artista che vedremo sul palco dell’Eurovision Song Contest 2016 si presenta al pubblico italiano e ad Eurofestival NEWS: è Laura Tesoro, la giovanissima ventenne di origini italiane che canterà “What’s the pressure?”, in rappresentanza del Belgio. Ecco di seguito la nostra intervista.

Laura Tesoro

EN: Prima di tutto, le tue origini sono italiane, per parte di padre. Che rapporto hai col nostro paese? Vieni spesso qui da noi? I tuoi parenti in Italia come stanno supportando questa avventura?

LT: Si è vero, mio padre è italiano, io sono per metà italiana! Adoro la pasta alla carbonara, è il mio piatto preferito e parlo anche un po’ di italiano. I miei genitori mi supportano molto, mia madre fra l’altro è una make up artist e quindi sarà con me a Stoccolma. Questo è molto bello, avere il suo supporto da vicino sarà importante.

EN: Hai cominciato come attrice in una soap opera, preferisci cantare o recitare?

LT: Prima ancora della soap opera, ho preso parte ad un musical quindi ho sempre fatto entrambe le cose, mi piacciono entrambe. Però amo soprattutto la musica, quindi voglio essere prima di tutto una cantante.

 EN: L’anno scorso Loïc Nottet ha regalato al Belgio il miglior risultato degli ultimi 12 anni, con il quarto posto. Senti un po’ il peso della responsabilità?

LT: Ho adorato la performance e la canzone di Loïc Nottet e spero che il Belgio possa sentirsi orgoglioso anche di me così come è stato di lui. Ma non sento la pressione, voglio soltanto salire sul palco, divertirmi ed essere me stessa. La cosa più importante è il messaggio che io trasmetto con la mia canzone What’s the pressure.

EN: La tua canzone porta anche la firma di una big come Selah Sue. Come è nata la collaborazione?

LT: Ho subito pensato che quella canzone che mi era stata proposta mi calzasse a pennello, ho amato da subito il testo, quindi l’ho scelta per Stoccolma. Ho fatto soltanto qualche piccolo aggiustamento per mettere un po’ più di “Laura” al suo interno.

EN: Quando uscirà il tuo primo album?

LT: Stiamo parlando in questi giorni con le etichette discografiche (attualmente non ne ha una e la sua canzone è pubblicata direttamente dalla tv belga, ndr) ma credo che le cose si concretizzeranno soltanto dopo Stoccolma perché adesso sono molto impegnata e mi sto concentrando per fare una grande performance.

EN: Quali sono le tue entry eurovisive preferite, sia per il Belgio che in generale?

LT: Come dicevo prima, ho veramente adorato “Rhythm inside” di Loic Nottet, mentre per quanto riguarda le entry in generale, assolutamente “Euphoria” di Loreen. Grande canzone e grande performance!

EN: Conosci la musica italiana? E se si, quali sono le tue canzoni preferite?

LT: A dire il vero non seguo molto la musica italiana: ho imparato la lingua da poco, quindi penso che adesso sia arrivato il tempo di recuperare terreno e dare un’ascolto ad un po’ di musica italiana!

EN: Canterai nella seconda semifinale, dove l’Italia sarà chiamata a votare? Hai qualcosa da dire al pubblico italiano in vista della tua performance?

LT: Un saluto a tutti voi, vi ringrazio per aver letto questa intervista e per aver voluto conoscermi un po’ meglio. Spero che la performance che metterò in scena vi piacerà e chissà, magari avrò la possibilità di conoscere qualcuno di voi a Stoccolma!

Advertisements

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. escfan ha detto:

    Schietta,simpatica…e la sua canzone è una ventata d’estate.
    Auguro il meglio a questa ragazza! :)