Junior Eurovision 2016, ascolti al minimo: in 50.000 su Rai Gulp


E’ il peggior dato dal 2014 ad oggi, seppur va interpretato in maniera diversa dalle edizioni 2014 e 2015, visto che questa volta lo Junior Eurovision è andato in onda la domenica pomeriggio (dalle 16 alle 18:45). Sono stati in 50.000 a seguire l’evento in diretta tv su Rai Gulp, con uno share dello 0.31%.

Rai Gulp

Rai Gulp è stata la rete dedicata ai più piccoli che ha fatto l’ascolto più basso tra i suoi diretti concorrenti sul Digitale Terrestre durante la diretta dello Junior Eurovision. Rai YoYo ha totalizzato 256.000 telespettatori (grazie a Masha e Orso – Peppa Pig e gli altri cartoons in onda); K2 154.000; Frisbee 97.000; Boing 94.000; Cartoonito 82.000 e Super! 70.000.

L’anteprima dalle 15:55 alle 16 con Simone Lijoi e Laura Carusino è stata seguita da 50.000 telespettatori e lo 0.32% di share. L’esibizione di Fiamma Boccia, la nostra rappresentante allo Junior Eurovision 2016, è stata seguita da 49.000 telespettatori. Il risultato nel complesso è stato anche al di sotto della media di rete: nelle prime domeniche di novembre infatti, nella stessa fascia oraria la media è stata di 71.000 telespettatori e lo 0.55% di share.

Picco di telespettatori e share si è registrato alle 18, con 119.000 persone sintonizzate su Rai Gulp e uno share dello 0.72% durante il recap e l’inizio di tutta la lunga sequenza di annuncio dei voti. Lo share più alto è stato registrato nel pubblico tra i 4 e i 14 anni di età (1.06%) e tra i 25 e 34 anni (0.93%). In pratica il classico target bambini e genitori.

Ulteriori picchi si sono avuti alle 18:21 (101.000 telespettatori durante l’ultima parte di voting) e alle 18:30 con 80.000 telespettatori durante l’esibizione della vincitrice (Georgia).

Advertisements

2 Risposte

  1. Dario ha detto:

    Certo, non lo publicizano, poi quando nel 2014 l’Italoa ha vinto, si è rifiutato di organizzare l’evento l’anno successivo (npn serve spendee una cifra esorbitante, per un evento minore rispetto all’ESC

  2. Kath Lockett ha detto:

    That is awful! Choosing such a terrible timeslot as part of the Executive Supervisor’s ‘changes’ showed how little he cared about JESC. And the children.