Eurovision Song Contest 1971

Eurovision Song Contest 1971. Informazioni, dati e curiosità sulla sedicesima edizione dell’Eurovision Song Contest.

Data: 3 Aprile 1971
Luogo: Gaiety Theatre, Dublino (Irlanda)
Paesi in gara: 18
Paesi rientrati: Finlandia, Norvegia, Portogallo, Svezia, Austria
Paesi esordienti: Malta
Emittente organizzatrice: RTE
Conduttrice: Bernadette Ni Galichoir
Votazioni: Ogni paese ha due giurati, uno sotto e uno sopra i venticinque anni (non oltre i cinquantacinque) che vota ogni canzone con punti dall’uno al cinque.
Audience: 250 milioni in diretta (dato certificato a fine anno), stimati 500 milioni complessivi | Per maggiori informazioni, consulta la nostra sezione Ascolti Eurovision anno per anno
Vincitore: “Un banc, un arbre, une rue”,Sevérine (Monaco)

Eurovision 1971

Logo dell’edizione 1971 dell’Eurovision Song Contest

L’Italia nell’edizione 1956. In gara: “L’amore è un attimo”, Massimo Ranieri; Direttore d’orchestra: Enrico Polito, 5. posto

In TV: diretta Programma Nazionale * (ore 21.45), commento Renato Tagliani, votazioni in sala. In Radio: diretta Secondo Programma (ore 21.45), commento Renato Tagliani; TSI: diretta (ore 21.45), commento Giovanni Bertini, votazioni in sala.

Curiosità dell’edizione 1971: A discapito di molti che pensavano fosse giunta la morte della rassegna, nel 1971, oltre ad essere trasmessa anche negli Stati Uniti, in Africa e ad Hong Kong, ritornarono i paesi che si erano ritirati negli ultimi due anni(Austria, Finlandia, Norvegia, Svezia, Portogallo) con il nuovo arrivo di Malta che con Joe Grech portò per la prima volta sul palco eurovisivo l’idioma maltese, una lingua con influenze italiane e arabe. In realtà non fu l’unico nuovo idioma: la presentatrice, Bernadette Ni Galichoir, infatti, introdusse il concorso in lingua gaelica irlandese (dopo in francese ed in inglese).

Un’altra novità importante è che ogni cantante dovette diffondere il video della propria canzone per l’Europa: in questo modo i brani erano già noti alle giurie determinando gli esiti delle classifiche.

Inoltre per le votazioni ogni paese ebbe due giurati, uno under 25 ed uno over 25 (fino a 55 anni), che assegnarono ciascuno un voto fra uno e cinque ad ogni canzone. Questo metodo, però, suscitò polemiche perché palesemente alcuni paesi assegnarono molti meno punti rispetto ad altri per favorire la propria vittoria.

Peter, Sue e Marc, in rappresentanza della Svizzera, fu il primo gruppo (inteso come ensemble musicale composta da più di due persone) a calcare il palco dell’Eurovision: dal 1971, infatti, fu concessa la partecipazione alle band purché non fossero composte da più di sei persone.

La rappresentante norvegese, Hanne Krogh, arrivata penultima nel 1971, riuscì a vincere nel 1985 con il famoso gruppo delle Bobbysocks. Clodagh Rogers, una cantante nordirlandese, di famiglia protestante, in rappresentanza della Gran Bretagna, a causa di tensioni religiose e politiche, fu sorvegliata sia al suo arrivo a Dublino che in albergo.


Per consultare l’indice con le schede dedicate ad ogni singola edizione dell’Eurovision Song Contest, clicca qui. Ulteriori approfondimenti sono disponibili su Good Evening Europe, il libro sull’Eurovision Song Contest (una vera e propria enciclopedia dedicata all’evento).


* Programma Nazionale: denominazione di quella che successivamente è diventata Rai1 per il canale televisivo e Radio1 per il canale radiofonico. Secondo Programma: denominazione di quella che successivamente è diventata Rai2 per quanto riguarda il canale televisivo e Radio2 per il canale radiofonico.

Advertisements