Eurovision Song Contest 1991

Eurovision Song Contest 1991. Informazioni, dati e curiosità sulla 36a edizione dell’Eurovision Song Contest.

Data: 4 Maggio 1991
Luogo: Studio 15 di Cinecittà, Roma (Italia)
Paesi in gara: 22
Paesi esordienti: nessuno
Emittente organizzatrice: RAI
Conduttore: Toto Cutugno e Gigliola Cinquetti
Votazioni: Le giurie nazionali assegnano da 12 a 1 punto alle 10 migliori canzoni
Audience: pubblico stimato intorno agli 800 milioni  | Per maggiori informazioni, consulta la nostra sezione Ascolti Eurovision anno per anno
Vincitore: Carola con “Fangad ev an stormvind” (Svezia)

Peppino Di Capri

Peppino Di Capri

L’Italia nell’edizione 1991. In gara: “Come è ddoce ‘o mare”, Peppino Di Capri. Direttore d’orchestra Bruno Canfora 7. posto In TV: diretta Rai Uno (ore 21) senza commento fuori campo, annuncio dei voti Rosanna Vaudetti. La trasmissione del 4 Maggio 1991 in diretta su Rai1 ha totalizzato 6.683.000 telespettatori e 32,51% di share. Picco di 8.785.000 alle 23, nel momento dell’esibizione di Peppino Di Capri). In Radio: non programmato.

Curiosità dell’edizione 1991: A tutt’oggi, tolto il caso del 1969, l’edizione 1991 è l’unica ad aver visto un pareggio al comando. La vittoria è andata a Carola (Svezia) invece che ad Amina (Francia) perché, a parità di punti e a parità di 12 punti, la Svezia aveva più 10 punti (5 contro 2).

L’edizione del 1991 doveva in origine tenersi a Sanremo, che fino a fine gennaio prova a tenersi l’organizzazione: alla fine, però, si decide per Roma, ufficialmente per motivi di sicurezza. Al Comune di Sanremo resta il patrocinio dell’evento.

L’Eurovision 1991 funge da rampa di lancio per tre artisti poi diventati famosi nei loro Paesi e non solo: si tratta della portoghese Dulce Pontes (che regala il miglior risultato al suo Paese), del belga Clouseau e dello spagnolo Sergio Dalma.

Oltre che per la caotica organizzazione, l’edizione 1991 è ricordata perché Toto Cutugno e Gigliola Cinquetti presentarono integralmente in italiano, al contrario dell’usuale uso dell’inglese con inserti in francese. Non è più successo (e non può più succedere).


Per consultare l’indice con le schede dedicate ad ogni singola edizione dell’Eurovision Song Contest, clicca qui. Ulteriori approfondimenti sono disponibili su Good Evening Europe, il libro sull’Eurovision Song Contest (una vera e propria enciclopedia dedicata all’evento).

Advertisements