Eurovision Song Contest 1993

Eurovision Song Contest 1993. Informazioni, dati e curiosità sulla 38a edizione dell’Eurovision Song Contest.

Data: 15 maggio 1993
Luogo: Green Glens Arena, Millstreet (Irlanda)
Paesi in gara: 25 (22 ammessi direttamente +3 su 7 dalle qualificazioni)
Paesi esordienti: Bosnia  Erzegovina, Croazia, Slovenia
Emittente organizzatrice: RTE
Conduttore: Fionnula Sweeney
Votazioni: Le giurie nazionali assegnano da 12 a 1 punto alle 10 migliori canzoni
Audience: pubblico stimato intorno ai 300 milioni | Per maggiori informazioni, consulta la nostra sezione Ascolti Eurovision anno per anno
Vincitore: Niamh Kavanagh con “In your eyes” (Irlanda)

Enrico Ruggeri

Enrico Ruggeri

L’Italia nell’edizione 1993. In gara: “Sole d’Europa”, Enrico Ruggeri. Direttore d’orchestra Vittorio Cosma. Dodicesimo posto In TV: differita Rai Uno (ore 23.05) commento Ettore Andenna, annuncio dei voti Peppi Franzelin (l’ascolto medio registrato è stato di 944.878 telespettatori e il 16.80% di share). In Radio: non programmato.

Curiosità dell’edizione 1993: i Paesi che vogliono entrare sono così tanti che viene organizzata, a Lubiana, una qualificazione riguardante alcuni tra quelli dell’Est. La passano tre Repubbliche staccatesi dalla Yugoslavia nell’ambito di un conflitto che, in quel periodo, è ancora drammaticamente in corso.

Niamh Kavanagh, al momento della vittoria, di professione faceva l’impiegata di banca. Quando i colleghi vengono a sapere che va a Millstreet, le dicono per scherzo di prendersi il lunedì successivo di ferie in caso di vittoria. Chissà se l’ha fatto sul serio.

Millstreet è la città più piccola in cui si sia tenuto l’Eurovision, con 1500 abitanti. Merito dell’imprenditore locale Joel Duggan, che sfida la sorte in una città da 223 giorni di pioggia all’anno. Alla fine, l’edizione della Green Glens Arena ha un’organizzazione pressoché perfetta.

L’esperienza di Millstreet è un ricordo caro a Enrico Ruggeri, al di là dei problemi occorsi tra il suo staff e quello Rai. Si ricorda, in particolare, il breve ma intenso flirt con l’islandese Inga, giunta peraltro nona in concorso.


Per consultare l’indice con le schede dedicate ad ogni singola edizione dell’Eurovision Song Contest, clicca qui. Ulteriori approfondimenti sono disponibili su Good Evening Europe, il libro sull’Eurovision Song Contest (una vera e propria enciclopedia dedicata all’evento).

Advertisements