Ecco “Allez! Ola Olè” di Jessy Matador (Francia) e “To be free” di Alyosha (Ucraina)


httpv://www.youtube.com/watch?v=HoWUrYlBZbA

E adesso possiamo dirlo finalmente. Il parco dei partecipanti al prossimo Eurofestival è ufficialmente completo, con le ultime due “nomine” di stasera. Abbiamo dunque il quadro ufficiale della rassegna in programma  dal 25 al 29 maggio ad Oslo, in Norvegia. La Francia, che al termine di un tortuoso cammino è approdata a Jessy Matador (come si è arrivati a questa scelta lo raccontavamo su questo blog,, più precisamente qui) ha reso pubblico il brano “Allez Ola Olè”, che trovate sopra. Come è noto, sarà anche l’inno della Francia ai prossimi Mondiali di Calcio che si svolgeranno in Sudafrica a Giugno. E ovviamente il tono “da stadio” è legato anche a questo, pur se – va detto – questo è un pò lo stile del rapper franco-congolese. Non c’è pericolo che vinca – speriamo che la Francia ce la faccia prima o poi, è un grande paese musicalmente  – ma almeno, in un festival ricco di ballate almeno porta un pò di allegria e ci fa alzare dalla sedia. Il rischio grosso però è che la Francia – ottava l’anno scorso con Patricia Kaas, dopo un periodo buio – finisca di nuovo come negli anni passati sul fondo della classifica.

httpv://www.youtube.com/watch?v=qsWJgagWjFs

La selezione messa in piedi a tempo di record, quella dell’Ucraina, ha invece premiato i suoni un pò particolari della insolita ballata (tanto per cambiare) di Alyosha: “To be free” è il pezzo vincitore del concorso, che ha rimpiazzato quello inizialmente scelto tramite decisione interna, che era “I love you” di Vasyl Lazarovich. Il perchè di una nuova selezione – voluta dal nuovo presidente della tv ucraina, nominato dal Governo, come in Italia – lo avevamo riferito qui. Tranquilli, non c’è pericolo. In Ucraina non ci andiamo, l’anno prossimo. Anche perchè oltrettutto, non se lo meirtano proprio. Nei prossimi giorni, pubblicheremo tutte le schede relative ai brani in gara e tutti i video ufficiali. Nel frattempo,se volete avere uno sguardo di insieme, lo trovate sul nostro blog partner Euromusica: qui la prima semifinale (più Germania e Spagna), qui la seconda (più Gran Bretagna, Francia e Norvegia)

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...