Roberto Meloni (Lettonia 2007 e 2008) commenta per noi la prima semifinale


Ecco un documento eccezionale, in esclusiva italiana. Roberto Meloni, il cantante e showman sardo in gara all’Eurofestival nel 2007  (con i Bonaparti.LV) e 2008 (con i Pirates of the sea) per la Lettonia, commenta per noi le canzoni della prima semifinale. Eccovi i due video, in inglese, con la nostra traduzione in italiano.

“La prima canzone quest’anno è la Moldavia. Uhm. Si si ho capito. L’introduzione di violino mi ricorda molto il brano moldavo del 2007, è un po, copiato. E poi Olia, amica mia, capisco che stai facendo il massimo per portare la Moldavia in finale, ma ok…tu hai fatto VEDERE il massimo ma allora, visto che hai preso in prestito l’introduzione di violino del 2007, perché non ti fai prestare da Natalia barbu gli stessi sexy hotpants? Buona fortuna Moldavia, perché ne hai bisogno.

Numero due della prima semifinale, la Russia…Mi sento come a Vladivostock, in un piccolo bar russo, con un sacco di uomini russi che hanno passato due settimane con la cantante maltese del 2008. Il numero due non è il massimo per l’Eurofetsival e i russi non hanno fatto niente per migliorare questo numero mistico. “Perso e dimenticato”, è il titolo giusto: lo sarà dopo 10 secondi!

Estonia, gran bella canzone, molto bravi gli interpreti, il brano è molto bello, bravi gli interpreti e anche le “backing voice” e l’armonia complessiva. Credo proprio che quest’annon sarà una bella sorpresa, ha mandato all’Eurofesrival  artisti di alta qualità, può entrare nei cinque.

La Slovacchia… Ma cos’è Slovacchia o Giappone. Ma cos’è? Un cartone giapponese? Ok, va bene che è una delle prime esperienze all’Eurofestival  ma insomma….Questa ragazza ha il carisma di una pietra e ha la voce di un Chipmunk (scoiattoli cartoons ndr) e balla come se stesse facendo aerobica.

Finlandia. Il party estivo è già cominciato. Due ragazze bionde. La prima è ok, mi fa sentire parte di questa allegra brigata, ma l’altra, quella, quella con il fiore stilizzato in testa, sembra un po’ persa nel palco, come una vecchia donna che ha un po’ esagerato con l’alcool ed ora cerca compagnia per la notte. In ogni caso, non è un’altra noiosa ballata.

Ed ora la Lettonia. Aisha, con i suoi profondi occhi blu cerca risposte alle sue domande. Pezzo veloce e che ti prende, anche se l’arrangiamento mette un po’ ansia e anche tutto il contorno, i colori grigi e scoraggianti fanno di questa canzone un inno per le persone depresse

Ed ora eccoci tornati al folk party, stavolta quello serbo. Il marchio di Bregovic è inconfondibile. Ma ho un dubbio. Il biondino che canta, mi sembra un personaggio di guerre stellari. Può essere un nuovo inno per tutti i balcani.

Ora e tempo della Bosnia Erzegovina. Quello che mi piace dei Balcani è che loro cantano nella loro lingua…Ma scusate, questo è l’inglese.. Troppo facile. E poi, che è un pigiama party? E quanta gente c’è sul palco? Il massimo  consentito è sei….Per caso ha invitato sul palco la famiglia? Dispiace Bosnia, all’anno prossimo ciao…

Mi piace la Polonia…Gran bella canzone, uptempo, gran bell’arrangiamento. Ma,  Polonia, io penso che avresti dovuto presentare questa canzone l’anno prossimo. Sai, il 2012, la fine del mondo, le metti insieme…va benissimo. Marcin, ti auguro con tutto il cuore lunga vita ma la canzone, spero arrivi ultima per sempre, con il tuo tragico tsunami vocale.

Numero 10, Belgio. Veramente un ragazzo di ottimo carisma che ci salva da altri tre minuti di drammatica ballata. Mi piace il colore della sua voce, mi piace il cambio di ritmo. Penso che dopo anni di eurodisastri, il Belgio si piazzerà  finalmente in alto, forse nelle prime tre.

Canzone numero 11, in rappresentanza della bellissima Malta. Incredibile, ecco la Susan Boyle maltese, ovviamente più giovane e molto più bella. Gran bella voce, gran bella ragazza. Ma pessimo tutto il resto. E poi una domanda. Malta è un’isola nel mezzo del Mediterraneo, perché sei così pallida? L’arrangiamento è migliore, ma penso che manchi qualcosa perché il brano resti in testa alla gente.

E’la volta dell’Albania. Musica! Sorprendentemente buona. Finalmente l’Albania abbandona le struggenti ballate per portare un po’ di fresca brezza. Che si può notare anche nei capelli della cantante..Juliana, sembri uscita da una lavatrice…Ritornello veloce, ottima musica, il vestito non è il massimo ma da qui a Oslo c’è tempo per migliorare. Solo una cosa non mi piace, il modo in cui ti muovi..Uno due, uno due, cos’è? Aerobica? O la tua coreografia? Juliana, attenta, a Oslo mancano due mesi, c’è il rischio che  così ti rompi il collo. Buona fortuna.

Non ci allontaniamo di molto, andiamo in Grecia. “You’re the fire, in desire”. Su Grecia, cos’è questo? Un pezzo per l’Eurofestival? Stai scherzando? Il “bridge” non porta ad alcun ritornello. Passiamo da Sakis Rouvas a questo uomo anziano che esce fuori dal suo sarcofago bianco che ci spaventa col suo “Uh”.

Ed ora di nuovo una ballata…lenta, amorosa, ballata è la volta del Portogallo. Mi piace questa ragazza, è così appassionata. Ma Filipa, cuore mio, lavora sulla voce perché i tuoi cambi di tonalità diventano urli di tortura cinese. Rilassati, Filippa, tutto è ok.

Numero 15, rock dai Balcani, Macedonia. Voce forte e potente  che si sposa bene  con l’arrangiamento. Il rap a centro pezzo dà più forza al brano Ed è aiutato anche dalla posizione, fra le lacrime di Filipa e le farfalle addormentate della Bielarussia. Buona Fortuna Gjoko & Co. Il rock mi carica.

Bielorussia……….zzzzzzzzzzzzz. Non capisco una cosa. Perché Bielorussia manda ogni anno canzoni cantate in un orribile inglese. Questa canzone potrebbe vincere l’Eurofestival. Si, se si svolgesse il giorno di Natale. Non c’è lavoro in questo progetto, prima di tutto nel nome: 3 + 2, ma che è, una lezione di matematica? Zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz

Ehi svegliatevi, dopo la Bielorussia, è tempo dell’ultima canzone, Islanda…. Si, si. Vedo  che sei grande  e forte. Hera è brava, è stata “Backing voice” all?Esc per molti anni e lo sentiamo, perché ha una grande estensione vocale. Ma Hera, ora sei la protagonista, è tempo di  stare lontano dal frigo…. La canzone è molto bella, molto disco style e il fatto che canti per ultima l’aiuta. Ricorda il brano islandese del 2008. Hera puoi far bene, specialmente se migliori trucco e cambi parrucchiere (telefono) Hera….come stai amica mia?? Come? No, non ho detto che si un pò robusta no…..Ottimo lavoro Islanda!

Ed ora ecco i voti del pirata. 12  punti Estonia, 10 Belgio 8 Serbia 7 Lettonia 6 Finlancia 5 Islanda 4 Malta 3 Grecia 2 Albania 1 Portogallo.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

3 Risposte

  1. Claudio Pilia ha detto:

    Roby ses maccu furiosu ahah comunque l’Eurodance proposto dall’islandese (a proposito… Hera sarà mica la risposta alla maltese Chiara? E, domanda numero due, il fumo che si vede sul palco della finale nazionale è quello del vulcano?) devo dire che può essere un buon appiglio per i nostalgici di Corona, Alexia e compagnia… mi aspetterei un bel 12 punti dalla Finlandia. Che ne dite?? :D

  2. aLeX P ha detto:

    Grande il nostro pirata lettone :)

  3. Cristina ha detto:

    Roberto, mi hai fatto morire dalle risate! Anche se non sempre mi trovi d’accordo sulle canzoni. Però approvo e superapprovo i 12 punti all’Estonia. Classe pura!

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: