Raffaella Carrà: ‘se credo in un progetto come quello dell’Eurovision, lo faccio, altrimenti no’


[ANSA] “Se non ho un editore che crede in quello che si fa non mi sento felice. Di recente non c’era il clima giusto”: così Raffaella Carrà parla della possibilità di un suo ritorno in Rai, alla conferenza stampa di presentazione dell’Eurovision Song Contest 2011 che verrà trasmesso in diretta su rai2 sabato 14 maggio, condotto per l’Italia dalla popolare star televisiva. L’artista che rappresenterà il nostro Paese sarà Raphael Gualazzi. “La cosa peggiore che mi è successa in Rai è preparare un programma in un mese e mezzo – ha aggiunto Raffaella Carrà riferendosi ad un suo precedente progetto – ora sto scrivendo per il quarto anno il Gran Concerto, un programma per bambini che non può avere spot pubblicitari in tv. Spero che il nuovo direttore generale, Lorenza Lei, a cui faccio i miei auguri, queste cose cambino”. “Le mie idee in tv vivono ancora – ha poi sottolineato la Carrà – ogni tanto vedo girare in tv uno spezzone di ‘Carramba’. Non si possono pretendere da me idee nuove per cui altri ci vivono per tre o quattro anni”. “Mi fa tristezza cose che non mi piacciano -ha poi ribadito Raffaella Carrà – se credo in un progetto come quello dell’Eurovision, lo faccio, altrimenti no. Io sono un’anima libera e faccio quello che voglio. Se c’é un progetto che mi piace torno e rischio – ha concluso la popolare star televisiva – alla mia età se rischio, rischio molto alto e ci devo pensare bene”.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Una risposta

  1. 4 Maggio 2011

    […] E’ stata poi la volta di Raphael Gualazzi e di Caterina Caselli. ”La musica deve essere un confronto inteso come collaborazione, come dialogo dinamico in cui ci si mette in discussione continuamente. Diversi generi musicali, diversi colori, in cui possono entrare in gioco delle collaborazioni”, ha spiegato il crooner urbinate, cui ha fatto seguito la discografica. ”Sappiamo quanto sia difficile esportare la nostra musica all’estero, però abbiamo tanti successi e per noi questa è una grande opportunita’ di confronto”.  Ulteriori informazioni in quest’ altro post di Eurofestival News.  […]

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: