Il 20 giugno la sede e le date dell’edizione 2012. Ictimai tv: “Una vittoria della nostra cultura”


Mentre si respira ancora nell’aria azera il clima di festa per la vittoria di Ell & Nikki, Ictimai TV, la tv dell’Azerbagian (l’unica delle due ammessa alla Ebu: AZ TV è infatti ritenuta non democratica perchè controllata dal Governo) ha tenuto una conferenza stampa nella sede di Baku. Il direttore della tv Ismayl Omarov, accompagnato dai due vincitori, ha delineato il quadro in vista dell’edizione 2012.

L’annuncio è stato innanzitutto che il 20 giugno sarà definita ufficialmente la location e saranno confermate le date che orientativamente sono quelle del 22, 24 e 26 maggio 2012. “Sarà il  festival più bello e più grande – ha detto Omarov, puntando l’accento più che sul lato economico, su quello culturale – Non credo che la nostra sia stata una vittoria dovuta al nostro momento economico. Piuttosto è stata una vittoria della nostra cultura e della nostra musica. Ell & Nikki erano tra i favoriti ed hanno vinto”. La macchina organizzativa si è già messa in moto. Il presidente della Repubblica Aliyev ha annunciato i componenti del comitato organizzatore del quale fanno parte, oltre ai dirigenti della tv anche ministri e massimi esponenti del Governo. Ciò significa che come fu per la Serbia nel 2008 e per i russi nel 2009, l’Eurovision Song Contest sarà anche- se non soprattutto – una occasione di promozione del “marchio” Azerbaigian nel mondo.

“Il quale – ha detto Omarov – insieme alle sedi diplomatiche si sta già organizzando affinchè a tutti gli operatori, i cantanti e giornalisti sia garantito il visto per entrare in Azerbaigian”. Iltimas Mammadov, ministro delle comunicazioni, ha invece sottolineato come si stia già lavorando per garantire a tutti gli operatori di telefonia mobile di poter gestire il traffico telefonico e di sms: “Da tre anni stiamo lavorando su questo fronte – ha spiegato – ed il risultato è una moderna tecnologia installata per la tv pubblica e per altri organismi”.  Quanto alla location, come abbiamo detto, il Governo ha promesso la costruzione di una nuova arena indoor da 20mila posti entro aprile, ma nelle ultime ore sono cresciute le candidature dello stadio nazionale, il Tafik Bakhramov (37mila spettatori) oppure la principale arena musicale,  l’Heydar Aliyev Palace, che però sarà sicuramente ampliato perchè ha appena 2000 posti a sedere. Se si opterà per una nuova arena, questa sorgerà accanto alla National Flag Square, la piazza centrale di Baku, dove si trova la bandiera più alta del mondo, sita a 162 metri di altezza e che misura 70 x 35 metri.

Inevitabile che il discorso scendesse poi sull’Armenia. A caldo Ell & Nikki avevano detto, insieme al capodelegazione azero di volere anche i “nemici” in concorso, ma lo stesso capo della tv nazionale di Baku ha invece sottolineato come probabilmente gli armeni non ci saranno (pare sia in arrivo l’ufficialità del ritiro). Soddisfazione per la vittoria azera ha espresso anche Roland Kobia, capo delegazione dell’Unione Europea in Azerbaigian, sottolineando come “la vittoria consentirà sicuramente al paese di proseguire nel processo di modernizzazione intrapreso”.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

3 Risposte

  1. Ludo ha detto:

    Eh… cosa?! Uhm… come?! “Running scared” una vittoria della musica e della cultura azera?! Ma da quando?! Ma se la canzone è stata scritta da svedesi e cantanta in inglese?! E la musica? Forse non l’ho ascoltata bene (impossibile!) ma non ho sentito ritmi/strumenti tradizionali! Vabbeh… delirano!
    Perché l’Armenia si dovrebbe ritirare? Partecipare sarebbe un buon segnale di pace e l’EBU insiste sempre che la musica non ha niente a che fare con la politica.
    Se il motivo è il mancato passaggio alla finale…. beh… potevano scegliere un’altra canzone!

  2. israelforever ha detto:

    Meglio che si ritiri l’Armenia, con la canzone boom boom quest’anno era caduta veramente in basso, sembra pero’ che la Ceka prendera’ il suo posto, wiki Italia la da ritornante.

  3. SimoneMLK ha detto:

    Brutta, bruttissima cosa quella dell’Armenia. :(

    P.S. AZ TV è ritenuta non democratica perché controllata dal governo? Perché, invece, la Rai…? ;)

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: