San Marino, non eleggibile nemmeno “I’ll follow the sunshine”


San Marino potrebbe cambiare del tutto la canzone e non soltanto alcune parole, mantenendo la struttura di “Facebok Uh oh oh (a satirical song)” come richiesto ufficialmente dall’Ebu. Non trapela ancora nulla di ufficiale, ma una nota apparsa sul sito di Sm TV a firma del direttore generale Carmen Lasorella lascarebbe presagire proprio questo. Si legge nel dettaglio nella nota:

Non immaginavo che una canzone dedicata al social networks, una parodia del nostro nuovo mondo che chatta, scambiando pensieri, immagini e notizie, potesse sollevare un polverone. Potenza della parola “Facebook”. La Direzione di SMtv San Marino, insieme al produttore Ralph Siegel, autore anche della musica, si era naturalmente posta al questione: una …parola di uso comune, ma associata anche al brand di un’azienda, può essere usata nell’ambito di un’opera artistica o no? Gli avvocati consultati, tanto in Italia, quanto in Germania avevano dato parere favorevole sulla base del diritto di satira, internazionalmente riconosciuto. Un punto di vista, naturalmente. Il Reference Group dell’Eurovision Song Contest è stato invece di avviso contrario ed ha chiesto a San Marino di modificare il testo della sua canzone, poiché ha ritenuto prevalente il risvolto commerciale. E pazienza, se ogni secondo in ogni angolo del mondo, migliaia di persone usano ed abusano di Facebook o ne parlano e ne scrivono sui diversi media. Non è stata accettata la tesi del sinonimo, che rappresenta un fenomeno, del bene comune. In proposito la rete si è divisa. Rimbalzano messaggi, si chatta dai cinque continenti: sono critiche ed incoraggiamenti. Senza timore di sbagliare perché è stato un grande successo di Vasco, accadde per una altra canzone qualcosa di analogo e la parola era “Coca Cola”. Rimanendo nel mondo della canzone italiana, inoltre, i Pooh nel 1990 vissero un’esperienza, che a tutt’oggi non hanno dimenticato. Nella canzone che presentarono a San Remo in quell’anno il riferimento a “Il Corriere della Sera” fu ritenuto in contrasto con le norme, che vietavano riferimenti commerciali e lo staff del Festival pretese un cambiamento nel testo. Diventò “Il giornale della sera”. I Pooh vinsero. Non osiamo pensare a tanto, ma è ben augurale. La proposta di quest’anno di San Marino all’Eurovision Song Contest è fresca, simpatica, come del resto lo è la sua cantante sammarinese, Valentina Monetta, un’artista di talento. E poi c’è il tema della canzone, un tuffo nell’attualità dei social network, raccontati con ironia. Le manie, si sa, funzionano nella leggerezza. Al momento però non escludiamo nulla. Abbiamo un’altra canzone. Vedremo.”

La canzone in questione non potrà essere “I’ll follow the sunshine” che è contenuta nell’ep di Valentina Monetta dal titolo “Facebook Uh oh oh” prodotto da Ralph Siegel e che esce in contemporanea con la sua partecipazione all’Eurovision. Ci sono, come su più vedere sopra, tre versioni del brano principale e appunto quest’altro brano. Che è scritto da Ralph Siegel e Bernd Meinunger, ma che è stato presentato alle selezioni maltesi dell’anno scorso da Dominique Azzoppardi (questo il video)


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...