Ritiro fuori tempo: stangata Ebu sull’Armenia


L’Ebu aveva promesso il pugno duro con l’Armenia e così è stato. All’indomani del ritiro dalla competizione fuori tempo massimo da parte di Arm Tv, l’emittente di Erevan (comunicato ufficialmente il 12 marzo), Jan Ola Sand, il supervisore dell’evento aveva definito “scarsamente professionale” il comportamento dell’emittente. La quale dopo un lungo tira e molla culminato con l’iscrizione nell’ultimo giorno utile, aveva rinunciato per motivi di sicurezza.

Quegli stessi motivi di sicurezza che dal momento in cui è stata proclamata la vittoria dell’Azerbaigian, aveva cominciato a chiudere sia ad Ictimai Tv che all’Ebu come garanzia per partecipare alla rassegna in un paese tradizionalmente “nemico” con il quale è ancora in atto una guerra civile per la regione contesa del Nagorno Karabakh mai chiusa del tutto (esiste un cessate il fuoco che dura dal 1994, ma non è mai stata dichiarata conclusa).

Ebbene, l’Ebu ha multato pesantemente la tv armena che non solo sarà obbligata a trasmettere tutte e tre le serate senza alcuna interruzione, ma dovrà pagare la quota di partecipazione per intero, come se fosse effettivamente in gara, maggiorata di un altro cinquanta percento. Se non ottempererà anche ad una sola di queste tre sanzioni, rischia una lunga squalifica dal concorso.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

6 Risposte

  1. dj GCE ha detto:

    Secondo me paga anche le sparate fatte nel 2009: se riguardate il festival di quell’anno sul sito ufficiale della manifestazione, noterete che nello sfondo del collegamento armeno vi stanno molti simboli del Nagorno-Karabach (ed il regolamento chiaramente vietava simboli politici sia nell’esibizione che nei collegamenti dei portavoce).
    Spero solo che, se l’Armenia riuscisse prima o poi a tornare in gara, la prossima volta che l’Azerbaigian dovesse permettersi di fermare in stato d’arresto tutti coloro che hanno votato per l’Armenia o peggio ancora impedire la visione delle istruzioni per votarli gli arrivi una multa di quelle che non si dimenticherà mai…

  2. SimoneMLK ha detto:

    Gli armeni avevano tutte le ragioni per ritirarsi, ma dovevano farlo PRIMA della scadenza e quindi è giusto che siano sanzionati. Anche se forse la tassa d’iscrizione + il 50% è un po’ troppo…

  3. Ludo ha detto:

    L’EBU ha fatto bene! In fondo le regole devono essere rispettate e l’Armenia sapeva benissimo che non sarebbe mai andata a Baku! L’EBU ha promesso sicurezza ma loro non si sono fidati con il risultato che tutti conosciamo!
    In passato molti altri paesi si sono fidati dell’EBU ed è tutto andato per il meglio (tipo Cipro in Turchia nel 2004 o la Macedonia in Grecia nel 2006)… La Georgia in Russia nel 2009 ma poi è stata squalificata (comunque ci sarebbe andata!)… ma questa è un’altra storia!

  4. Ranma25783 ha detto:

    giustissimo!

  5. vike ha detto:

    Secondo me non è assolutamente giusto questo provvedimento…il mondo riversa in una forte crisi economica e Paesi come l’Armenia, molto in difficoltà, dovrebbero essere aiutati…poi il ritiro è stato fatto oltre i termini, ma a causa di una questione non risolta che l’Europa ha trascurato…un popolo come quello degli armeni, fra genocidi, guerre e odio da parte dei turchi e degli azeri…soccombe alla potenza dei petroldollari di questi ultimi

  6. radda ha detto:

    facile avere il pugno di ferro con i piccoli.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: