Quella volta che i Radiohead…


Nei giorni scorsi abbiamo parlato delle proteste di Francia e Regno Unito, uscite pesantemente battute nell’ultima edizione dell‘Eurovision Song Contest, relativamente al voto “di prossimità e alle influenza geopolitiche ed avevamo parlato della necessaria svolta che le rispettive emittenti nazionali dovrebbero dare alle loro scelte artistiche per ridurre i rischi e migliorare i risultati.

Certe volte però, sono le stesse televisioni a non voler rischiare. Un esempio? Nel 2003 il Regno Unito incassò la più grande sconfitta eurovisiva della sua storia, con i Jemini che chiusero ultimi a zero punti con la loro Cry baby”. Un insuccesso che scosse il mondo della musica britannica. Tuttavia alla BBc capitò l’occasione di rialzarsi in grande stile. All tv di stato arrivò infatti nientemeno che l’offerta dei Radiohead.

All’apice della loro carriera, la band aveva offerto alcune canzoni non incluse nell’album “Kid A” per la rassegna continentale proponendosi come possibile partecipante. Thom Yorke, leader della band dichiarò alla stampa: “Vogliamo veramente fare l’Eurovision, ne abbiamo parlato con la casa discografica”.La Bbc non li prese sul serio e selezionò James Fox. Non solo.

Nel 2007 sfumò la trattativa con Morrissey, l’ex leader degli Smiths, che aveva espresso la volontà di prendere parte alla rassegna dopo il quintultimo posto di Daz Sampson e “Teenage life”:Sono schifato ma non sorpreso di questo fallimento – disse allora – Perchè non mi hanno interpellato?”. Fu contattato allora per il 2007, ma  la trattativa come dettò, si arenò.Così da un possibile candidato sold out (e qualcuno provò a fare anche i nomi di Muse e Snow Patrol) si arrivò agli Scooch. Come andò a finire, lo sapete tutti.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

2 Risposte

  1. Ludo ha detto:

    Troppo spesso la BBC si è fatta scappare i grossi nomi. All’epoca, mi sembra di ricordare, erano fissati con la selezione in tv e quindi avrebbero voluto che tutti questi cantanti famosi avessero partecipato al “Song for Europe” (o come si chiamava) con il rischio di farsi “fregare” la vittoria dallo sconosciuto di turno…!!

  2. paky ha detto:

    Mi state dicendo che nel 2003 neanche l’Irlanda diede almeno 1 punto alla Gran Bretagna??

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: