Raphael Gualazzi firma con l’etichetta Blue Note (e sbarca negli Usa)


Un altro colpo grosso per Raphael Gualazzi. A dispetto di chi continua a dire che la sua partecipazione eurovisiva ha avuto scarso riscontro discografico, il crooner di Urbino si è guadagnato un contratto con l’etichetta discografica Blue Note. Ai più non dice niente, in realtà si tratta di una famosissima etichetta statunitense (fondata nel 1939), oggi sotto l’egida della Emi Music specializzata in jazz e blues.

Un’etichetta che ha lanciato gente come Norah Jones ed Herbie Hancock, tanto per fare due nomi e che pubblica praticamente il meglio degli artisti made in Usa (presenti e passati) nei due ambiti musicali, ma anche artisti di generi diversi come Dj Smash, gli Incognito, la brasiliana Marisa Monte (in Italia nota per il progetto Tribalistas), il folk singer nordirlandese Van Morrison, Suzanne Vega (“My name is Luka”)

Gualazzi non lascerà la Sugar, che continuerà ad essere il suo riferimento italiano ed anzi è proprio attraverso la casa discografica della Caselli che è arrivato il contatto. E l’album “Reality and fantasy”, già uscito con successo in Europa uscirà ora rieditato nella versione con “Madness  of love” ed in più con sei bonus tracks negli States ed in tutto il mondo a settembre  con la nuova etichetta.

httpv://www.youtube.com/watch?v=TE0uNLp3LuU


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

2 Risposte

  1. Bozzy ha detto:

    Raphael è un esempio di come con l’Eurovision si possano lanciare nuovi talenti non solo in Europa ma nel mondo intero. Felicissimo per questo gran colpo

    • dj GCE ha detto:

      Concordo; soprattutto, a differenza della Zilli, cantando metà in inglese e metà in italiano ha eliminato le steccature che aveva nel canto ed ha reso il brano una delle pietre miliari dell’ESC 2011.
      Se la Rai parteciperà nel 2013 dovrà tenerne certamente conto…

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: