MTV Days: twitter al veleno fra Luca Dondoni e Nina Zilli


L’esibizione di NIna Zilli agli MTV Days 2012 a Torino, che trovate qui sotto, non ha mancato di fare discutere. La cantautrice piacentina, che ha rappresentato l’Italia all‘Eurovision Song Contest, infatti, è stata oggetto di una forte polemica da parte di Luca Dondoni, prima firma musicale del quotidiano “La Stampa” che su twitter non ha mancato di manifestare il proprio disappunto per l’esibizione di Nina Zilli. La quale ha risposto per le rime.

Uno scambio di tweet al veleno che qui vi proponiamo e che poi ha visto la partecipazione indiretta dei fan della Zilli (fra cui anche il fanclub ufficiale dell’artista, gli ArZilli), che hanno voluto dire la loro, sottolineando come il giornalista del quotidiano piemontese avrebbe a loro dire un atteggiamento contrario alla Zilli “per partito preso” e che invece si comporterebbe diversamente con i cantanti usciti da Amici, programma del quale è stato ospite fisso.

Se volete farvi una idea di quello che hanno risposto andate pure qui. E sempre secondo alcuni, il tweet “in terza persona” di Dondoni sarebbe in realtà in prima e sarebbe lui coloro che “dicono” che la Zilli non era in forma nel corso della sua esibizione torinese.

 httpv://www.youtube.com/watch?v=icDWFkD3sQo


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

15 Risposte

  1. Euromusica ha detto:

    per chi non l’avesse letto questo è il “meraviglioso” articolo de La Stampa sulla finale
    http://www3.lastampa.it/spettacoli/sezioni/articolo/lstp/455820/

  2. Michele ha detto:

    Il pop è infinitamente più ampio di quel che pensi tu. Per quanto mi riguarda un artista non merita più rispetto solo in base al genere di musica che fa, per me pop e soul sono due generi diversi ma che meritano lo stesso identico rispetto. Oggi giorno fa peró più fico definirsi soul, r’n’b, jazz o quant’altro… Il perché non l’ho mai capito.

  3. Michele ha detto:

    Evidentemente capisci quello che vuoi tu. A parte il fatto che nessuno ha nominato Loreen e nessuno ha detto che Nina Zilli fa schifo. Non mettere in bocca cose che non sono mai state dette. Il genere della Zilli è pop con atmosfere retró e, in alcuni caso, basi di liscio. Tu hai deciso che il liscio è qualcosa da deridere, io non ho detto nulla di tutto ciò. La Zilli ha portato una proposta dignitosissima e commerciale (decidi tu se il termine “commerciale” è negativo o positivo, per me non è nessuno dei due, è semplicemente una definizione). Iniziamo a chiamare le cose con il proprio nome. Mi fa semplicemente sorridere quando la Zilli si definisce rock’n’roll (Elvis si ribalterà nella tomba), soul e quant’altro quando, fondamentalmente, fa RETRO POP commerciale. Il pezzo di Sanremo era un classicissimo ballatone anni 60 all’italiana. “L’uomo che amava le donne” e “50mila” possono Benissimo rientrare nel calderone del “retro pop” insieme a roba come “Dentro a ogni brivido” di Marco Carta e “Non ti scordar mai di me” di Giusy Ferreri, che poi l’interprete possa fare la differenza è un dato di fatto. Tutto il mio rispetto al pop commerciale che amo, semplicemente, ripeto, chiamiamo le cose con il proprio nome. Per come la vedo io pure le ultime produzioni della Nannini sono fondalmente liscio arrangiato in maniera un po’ più corposa, “Sei nell’anima” ne è un esempio sublime, tu hai deciso che il liscio è un genere denigrante, io ho rispetto anche per quello.

    • Ludo ha detto:

      Vabbeh… vorrà dire che quando andrò a comprare il prossimo cd di Nina Zilli lo cercherò nella categoria “liscio”…!!!

  4. Michele ha detto:

    Si, retro pop, con radici nel liscio

    • Ludo ha detto:

      Ok, abbiamo capito tutti che Loreen è la migliore, che “Euphoria” è un capolavoro e il video è meraviglioso! Nina Zilli fa schifo, è la EmiWainaus de noaltri e la sua esibizione è degna di Fiocco Di Neve dai provini di XFactor… Però adesso dire che fa liscio (la sfumatura delle “radici nel liscio” non tiene!)…!?!?

    • Francesco ha detto:

      Immagino che tu intenda un qualcosa che si rifà al pop italiano di 50 anni fa, e sicuramente questo è uno dei pilastri (insieme al soul e al reggae) dello stile della Zilli. Ma il “retro pop” non esiste, come genere, ed il pop odierno è così lontano da ciò che canta Nina, da essere più corretta per lei l’etichetta soul che non quella pop.

  5. Ludo ha detto:

    Io adoro Nina Zilli però devo ammettere che il genere “50mila”, “L’uomo che amava le donne”, “L’amore è femmina” è perfetto per lei! “Per sempre” o “Per le strade” sono più pop e secondo me è molto portata anche per questo tipo di canzoni. Ai suoi concerti canta pezzi r’n’b, soul e reggae e gli riescono bene lo stesso!
    Forse certi pezzi dell’ultimo album come “La casa sull’albero” o “La felicità” non mi sembrano alla sua altezza… però… ognuno ha i suoi gusti. La cosa che, secondo me, nessuno può obiettare è la sua professionalità e tutto quello che è Nina Zilli! E sul palco di Baku lo ha dimostrato! In fondo le giurie di qualità l’hanno notato e premiata!

  6. Michele ha detto:

    E vabbé… De Gustibus. E cmq non è che la Zilli faccia musica da Premio Tenco, l’ho detto precedentemente, i suoi pezzi potrebbe benissimo cantarli qualcuno uscito dal programma della De Filippi, si tratta di retro pop commerciale, non di Rock’N’Roll och soul.

    • Francesco ha detto:

      Da premio Tenco no(n ancora). Da premio Mia Martini sì.

      “i suoi pezzi potrebbe benissimo cantarli qualcuno uscito dal programma della De Filippi”

      “Potrebbe cantarli”, ok. “Benissimo”, ho qualche dubbio al riguardo (poi tocca vedere caso per caso).

      Poi, a parte il fatto che la qualità di un’artista non la si vede tanto dal genere musicale, quanto dalla creatività e dall’interpretazione, ma “Per sempre” o “50mila” o “L’uomo che amava le donne” ti sembrano pop?

  7. gigg78 ha detto:

    dondoni è un venduto e un poveraccio. non so con quale coraggio scriva e dica certe cose. un’artista come la zilli di questi tempi andrebbe portata in palmo di mano. ma in fondo, lui è un amico di maria, cosa ne sa di musica vera? mi sembra più che evidente che abbia meschinamente infamato una grande artista, che ha fatto una grande performance.

  8. Francesco ha detto:

    Niente di nuovo. L’antipatia di Dondoni per Ninona nostra risale almeno a Sanremo:
    https://twitter.com/lucadondoni/statuses/169555046374182912

    ======================
    Luca Dondoni ‏@lucadondoni
    Ecco con Nina Zilli un’altra canzone inutile. Un’artista che….peccato fa la pipì sennó sarebbe perfetta per il mio comodino! ‪#Sanremo
    ======================

    e prosegue con l’Eurovision

    http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:hEp9h3AgEqQJ:fr.twitter.com/lucadondoni/status/206521783195672577+&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it

    ======================
    Luca Dondoni ‏@lucadondoni
    Vedo che molti di voi hanno perso tempo con l’Eurofestival sperando vincesse la Wynehouse denoantri.Credete a Pinocchio? Masochisti? No Sky?
    ======================

    Stavolta è assurto agli onori della cronaca solo perchè Nina l’ha degnato di una sua replica.

    • Francesco ha detto:

      Mi era sfuggito questo (seconda serata di Sanremo):

      https://twitter.com/lucadondoni/status/169856302862958593
      ==================
      Luca Dondoni ‏@lucadondoni
      (In onda) WOW! Ho appena ricevuto la scaletta e indovinate chi inizia a cantare? W O W Nina Zilli. (fuori onda) Posso perdermi l’inizio.
      ==================

    • aLeX P ha detto:

      Infatti in questi casi è sempre meglio ignorarli certi personaggini .. e cmq su Dondoni avrei da dire tantissimo, ma mi astengo, di sicuro non sarebbero complimenti. Diciamo che non è di certo uno dai commenti imparziali ecco..

    • dj GCE ha detto:

      Si può capire che non gli piaccia la Zilli, ma dire che “guardare l’Eurofestival è una perdita di tempo” è proprio irrispettoso nei confronti degli altri artisti in gara; si vada a ripassare un bel po’ di questa manifestazione prima di sparare un tweet inutile contro l’ESC!

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: