La stampa svedese: “L’ESC 2013? Sarà un successo per la Danimarca…”


La decisione della Sverige Television di organizzare l’Eurovision Song Contest 2013 a Malmö sta scatenando, come previsto, le critiche della stampa di Stoccolma. Il concorso musicale, specie in una nazione simbolo come la Svezia, rappresenta un evento di primaria importanza e saranno quindi molteplici i dibattiti che si apriranno su qualsiasi questione da qui fino alla partenza vera e propria dello spettacolo.

A giudicare la scelta della SVT sono Aftonbladet ed Expressen,  due importanti tabloid svedesi. Alla base della considerazione negativa la vicinanza della città di Malmö alla Danimarca, il che porterebbe grossi benefici alla vicina Copenaghen (l’aeroporto della città, situato a Kastrup, dista solo 30 km dall’arena prescelta), dato che le capacità di ospitare turisti nella cittadina svedese sono molto ridotte rispetto a Stoccolma (4000 posti letto a Malmö, 17000 nella capitale).

E’ un tradimento per Stoccolma – scrivono Martin Åkesson, Peter Eriksson e Kenneth Hallström di Aftonbladet – La frustrazione nasce dal non poter usufruire delle grosse entrate fiscali e commerciali che andranno invece nelle casse della Danimarca. (…) Si è persa l’opportunità di promuovere Stoccolma come città modello per gli eventi internazionali grazie alla nuova Arena, attraverso la quale ne avrebbe goduto l’intera economia svedese. (…) Collocare l’evento a Stoccolma avrebbe quadruplicato le capacità di portare beneficio alla Svezia.”

Parole forti che seguono le perplessità di Thomas Perslund, il presidente della Swedbank Arena, il più grande stadio del Nord Europa attualmente in costruzione con apertura prevista il prossimo ottobre. Rispettoso della decisione della SVT, focalizzata sull’aspetto televisivo dell’evento, Perslund allo stesso tempo afferma che l’Eurovision a Stoccolma sarebbe diventato un vero e proprio festival popolare vista la differente potenzialità delle due arene. Sarà a tutti gli effetti possibile soddisfare molti meno appassionati pronti a seguire lo spettacolo dal vivo, compromettendo probabilmente il risultato finale della manifestazione.

L’amministratore delegato della SVT Eva Hamilton ha affermato in un’intervista radio che una città multiculturale come Malmö sia l’ideale per un evento internazionale come l’Eurovision. La grandezza della città per la Hamilton non conta, anzi, sarà un modo per focalizzare tutta l’attenzione sull’ESC con party e tante iniziative collaterali. Anche Christer Bjorkman, produttore del Melodifestivalen, è entusiasta della scelta: “Ogni volta che il Melodifestivalen si è tenuto a Malmö, abbiamo avvertito gioia ed amore attorno al programma“.

Il sindaco di Stoccolma, Sten Nordin, esprime con cautela il proprio parere favorevole verso la scelta congratulandosi con la città ospitante e sottolineando come l’ESC sarà un veicolo pubblicitario a livello internazionale per la Svezia. Per Percy Nilsson, sindaco di Malmö, sarà un’occasione per dimostrare che la città non è così male come si pensa e che la regione dell’Øresund può dare una grossa mano alla nazione intera.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

8 Risposte

  1. eraldo ha detto:

    La Svezia sta facendo una scelta coraggiosa privilegiando lo spettacolo Eurovision , che era e rimane uno spettacolo televisivo, dimostrando un grande amore per la manifestazione. Faranno sicuramente bene, non c’è dubbio …

  2. Michele ha detto:

    Non era la città ad avere costi proibitivi, era l’Arena. La Friends Arena è enorme e l’affittarla, illuminarla, acquistare un impianto adeguato etc etc etc per sei settimane avrebbe inghiottito tutte le risorse economiche. Non volevano ripetere l’esperienza negativa di Danimarca 2001. Per quanto riguarda gli 8 sul palco con i cori registrati so che Björkman so batte da anni, dubito che il reference group lo faccia passare… Ma x il momento non se ne sa nulla

  3. Marcoo97 ha detto:

    Fatto sta che potevano entrare nella storia, e invece resteranno nei soliti canoni

    • aLeX P ha detto:

      Più che altro mi spiace non ci sia la volontà di farlo, perchè non penso che organizzare il tutto a Stoccolma possa avere dei costi così proibitivi rispetto a Malmo (se si vuole ottimizzare sui costi, la strada son convinto che si trovi sempre ..) e cmq regalare così spudoratamente tanto turismo (e soldi) anche alla Danimarca continua a non convincermi come cosa..

      • Marcoo97 ha detto:

        Se organizzarlo a Stoccolma comporta prezzi proibitivi, se avesse vinto l’Italia avremmo dovuto organizzare l’Eurovision a Casalpusterlengo?

  4. Michele ha detto:

    Non sarà assolutamente un flop, gli svedesi non farebbero mai una brutta figura quando si tratta di ESC, semplicemente avrebbe potuto essere qualcosa di irripetibile che invece non sarà

    • Ludo ha detto:

      No, dai, Michele… comunque gli svedesi faranno uno show perfetto in ogni dettaglio e poi con l’arena più piccola i fans si sentiranno di più! Quest’anno a Baku sembrava non ci fosse nessuno…

      Ma… tu che sei da quelle parti, Bjorkman sta lavorando per portare 8 persone sul palco e i cori registrati? Non penso si sia arreso su questa idea, no?!

  5. Marcoo97 ha detto:

    Penso sarà un flop pazzesco

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: