Partecipazioni Eurovision 2013: arriva il SI del Montenegro. NO di Portogallo e Polonia


Si aggiorna ulteriormente la lista delle partecipazioni al prossimo Eurovision Song Contest 2013 che si terrà a Malmo, in terra svedese. Iniziamo con i due NO: quello della Polonia e del Portogallo. L’emittente tv polacca (TVP) si tira fuori dai “giochi” per il secondo anno consecutivo e in questa edizione non vedremo nemmeno il Portogallo. Qui la situazione è un po’ complessa: l’emittente pubblica (RTP) infatti, sta passando un periodo non proprio roseo anche a causa della caduta degli introiti pubblicitari (si stima un calo del 20% a fine anno), con il Governo portoghese che vuole privatizzare uno dei canali pubblici, ma ad oggi nessuno dei principali operatori televisivi europei ha dichiarato interesse all’acquisto.

Non mancano poi le critiche a questa privatizzazione, da molti giudicata insensata. Per questa edizione 2013 dell’Eurovision dunque, il Portogallo non sarà nella lista dei paesi che parteciperanno. Buone notizie invece per il Montenegro, che conferma la sua presenza a Malmo.

9 Risposte

  1. dj GCE ha detto:

    Ti posso confermare che il versamento della quota di partecipazione deve essere fatto dalla tv (ma nulla vieta, per quel che so, che i soldi glieli dia qualcun altro :P)

  2. Ludo ha detto:

    La Macedonia e l’Albania sono fra i paesi più poveri d’Europa…
    Non ne sono sicuro, Emanuele correggimi, ma la fee di partecipazione deve essere pagata dalla tv. La trasferta del cantante viene pagata dalla casa discografica. Ma potrei sbagliarmi!

  3. ISRAEL4EVER ha detto:

    oikotimes

  4. dj GCE ha detto:

    @ISRAEL4EVER
    Fonte? Io su ESC Today vedo che la Slovacchia ha propeso (seppur a settembre) più per il sì che per il no, mentre la Slovenia non ha fatto alcuna conferma in merito.

  5. ISRAEL4EVER ha detto:

    anche slovenia e slovacchia sembra che vogliono ritirarsi

  6. dj GCE ha detto:

    Me l’aspettavo onestamente il ritiro del Portogallo: oltre alla crisi economica c’era da mettere in conto anche la crisi dei risultati, che ha visto il Paese non qualificarsi alla finale per due anni di fila, quindi invece di rischiare di fare il tris e perdere una barca di soldi avranno preferito starne fuori. Mi dispiace soprattutto per gli eurofan portoghesi che non abitano vicino al confine con la Spagna, perché se non si attrezzano in tempo con parabola o tv via cavo non vedranno affatto l’appuntamento di Malmö (dubito che la RTP se ne accollerà i costi di trasmissione senza parteciparvi).

    @Ludo: I 4 Paesi da te citati non hanno una crisi economica come quella del Portogallo, che può essere paragonato solo ad Irlanda e Grecia (e la Grecia partecipa solo perché pagano interamente le major della musica, ma se continuano sull’onda del fuori dalla Top 10 come accaduto quest’anno con Eleftheria Eleftheriou anche questa partecipazione è a rischio).

  7. Franck ha detto:

    E un peccato che non parteciperanno il Portogallo e la Polonia, ma che dire di piu ? Avevo la segreta esperanza che forse avremmo potuto giungere il massimo numero di partecipanti l’anno prossimo… ma non sara cosi.

  8. Ludo ha detto:

    Noooo… il Portogallo nooooo….! Che peccato! Mi dispiace veramente tanto! Idem per la Polonia. La cosa + assurda è che Montenegro e San Marino ci saranno e lo stesso Macedonia e Albania che… ai voglia “la crisi”…

  9. giulio del fiandra ha detto:

    mi dispiace da matti per il portogallo, un paese latino in meno e prenderemo anche qualche punto in meno di sicuro, peccato ancora!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: