La macchina Uk si è messa in moto. Sussurri e grida….


C’è sempre grande attesa relativamente a cosa farà il Regno Unito, soprattutto dopo l’incredibile tonfo dell’anno scorso, con il penultimo posto di Engelbert Humperdinck. Sin dai primi giorni dopo la conclusione dell’edizione 2012 la BBC aveva lasciato intendere di voler puntare su una selezione nazionale con giovani talenti, tuttavia sui media inglesi continuano a rimbalzare notizie di “contatti” con big piccoli e grandi per una eventuale scelta interna.

A muovere l’idea è prima di tutto Paddy O’Connell, il presentatore delle semifinali eurovisive per la BBC, il quale su twitter avrebbe lasciato intendere che si starebbe nuovamente vagliando il campo per una entry “importante” per l’edizione 2013. Non di meno, sul sito della tv britannica c’è scritto chiaramente che l’emittente non ha ancora definito le modalità per l’Eurovision 2013, lasciando intendere di avere ancora tutte le ipotesi in ballo. Vediamole, allora, da quelle più verosimili, a quelle più complicate. Si tratta di ipotesi e voci di corridoio, sia chiaro. Nessuna certezza.

The London Metro Newspaper ha messo in circolo il nome delle Girls Aloud. La girlband lanciata da Pop Idol, con in testa Cheryl Cole, ha recentemente celebrato i 10 anni di attività con una charity song per l’infanzia, “Something new” ed ha annunciato un tour di reunion che si concluderebbe a Marzo, lasciando intendere l’arrivo di un nuovo brano subito dopo. L’operazione potrebbe anche starci visto che delle componenti del gruppo, oggi soliste, la sola Cheryl Cole ha avuto un successo discografico, le altre si sono arrangiate fra tv ed eventi di vario genere.

Chi si è autocandidato – e non è detto che non possa venire quantomeno consultato, visto che ha dietro Gary Barlow dei Take That – è Rylan Clark, prodotto dell’ultimo X Factor: la collaborazione fra lui e il suo giudice è appena cominciata e lo stesso Barlow più volte è stato interpellato in passato, se non altro come possibile autore di un brano. Barlow peraltro, è un pò il prezzemolino della musica Uk, avendo anche diretto il concerto per il giubileo della regina. Sempre in chiave talent show, dall’anno scorso è fra i nomi che circolano anche Gareth Gates, secondo nella prima edizione di PopIdol, da qualche anno più attivo in tv che a livello discografico dopo i successi avuti fino al 2003.

Tornando ad X Factor, un altro nome che circola dall’anno scorso è quello dei JLS, boyband seconda classificata nella quinta edizione dietro ad Alexandra Burke: più attivi a livello di black music, settore nel quale hanno vinto diversi Mobo Awards, gli oscar di settore, potrebbero trovare nel palco eurovisivo un loro proscenio ideale per il grande lancio europeo. Lo ha dichiarato al Daily Star uno dei componenti Oritsè Williams: “Stiamo considerando l’Eurovision come una possibilità – ha detto – seguiamo la rassegna e ci siamo convinti che sia per noi una buona opportunità guardando i Blue. Se non fosse stato per loro non ci saremmo convinti“.

httpv://www.youtube.com/watch?v=mpIsPjiIXNk

Lo stesso quotidiano continua ad insistere su un interesse delle Atomic Kitten per la rassegna. Già l’anno scorso il nome della girlband protagonista degli anni 90, riunitasi recentemente, ma solo per uno show, circolava con insistenza (ne parlammo qui) e le ragazze, in testa Liz McClarnon, smentirono. Tornando ancora al più famoso talent show del mondo, ovvero X Factor, i Diva Fever già l’anno scorso si candidarono via twitter, quest’anno il lor nome è tornato nel cappello dei papabili.

L’altro grosso nome che circola è quello dei Pet Shop Boys. Il gruppo non ha bisogno di presentazioni:50 milioni di dischi venduti dal 1986 ad oggi, 22 dischi di platino in giro per il mondo, un successo planetario che va ancora oggi avanti, anche se l’ultimo album “Elysium” non è andato al pari degli altri. La BBC ha dichiarato di aver tentato più volte la trattativa con la band e il gruppo stesso ha dichiarato di aver scritto il loro brano “Winner” compreso nell’ultimo lavoro pensando all’Eurovision.

httpv://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=S7dBVXiydR8

Infine, i meno noti Deaf Havana. L’alternative rock band del Norfolk ha una nutrita schiera di fan che dall’anno scorso si è mobilitata su facebook per provare a candidarli per l’Eurovision. Difficile che possano essere presi in considerazione, ma vista la grande mobilitazione meritavano almeno una menzione. Tanti nomi, nessuna certezze. Soprattutto, nessun vero “massive act”. Da escludere invece, il nome di Sophie Ellis Bextor, che in una intervista ha rivelato di essere stata interpellata e di avere rifiutato, perchè “non mi va di sentirmi come gettata nella fossa dei leoni e rischiare di venire umiliata”. E allora chissà che la selezione non torni davvero di moda. Meno rischi. O forse no.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

7 Risposte

  1. dj GCE ha detto:

    Io punterei invece su nomi più noti, come Taio Cruz, Tulisa o Example, che possano attrarre i giovani a votare per il Regno Unito, come accaduto nel 2011. Altro artista che potrebbe fare risultato, anche se molto underground, è Redlight, dj di Birmingham che fa una musica da discoteca molto orecchiabile; un suo brano è “Get out of my head”.

  2. Ludo ha detto:

    Se io fossi la BBC punterei su Rylan Clark che è uno dei personaggi del momento oppure i JLS o le Girls Aloud…

  3. TeddyDTE ha detto:

    Le Girls Aloud siii!

  4. Euromusica ha detto:

    Guardate che nessuno ha scritto che il brano è stato composto per proporlo per l’Eurovision. Ma solo “pensando” all’Eurovision, che è diverso….

  5. dj GCE ha detto:

    @Francesco
    Chiaro, le regole sono quelle e Winner non può partecipare, ma nulla vieterebbe loro di scrivere un brano ex-novo, se vogliono davvero partecipare…

    Comunque temo punteranno un’altra volta su una vecchia gloria o su uno sconosciuto e non si farà promozione adeguata, e di questo passo la BBc può davvero concorrere di nuovo per le ultime posizioni…

  6. Francesco ha detto:

    Comunque, se le regole per la partecipazione all’ESC2013 sono come quelle dell’ESC2012, “Winner” non può partecipare, dato che è stato pubblicato a luglio e le canzoni dell’ESC possono uscire solo dopo settembre.

  7. Francesco ha detto:

    I Pet Shop Boys!!!!
    Sarebbe fantastico! Anche se “Winner” non mi sembra esattamente il top della loro produzione.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: