Valentina Monetta: “Con l’Eurovision sono diventata più professionale”


Valentina Monetta e il team di San Marino in conferenza stampa @Denis Stechel (EBU)

Valentina Monetta con Alessandro Capicchioni (sin) e Mauro Balestri in conferenza stampa @Denis Stechel (EBU)

Valentina Monetta e tutto il team di San Marino arrivano nella press room per la prima conferenza stampa accolti dagli applausi dei giornalisti in sala, che non lesinano complimenti alla sua performance: “Questa canzone è una esperienza molto personale – esordisce la cantante alternando l’italiano all’inglese– è un po’ la mia storia, ma in fondo è una storia che riguarda un po’ tutti”. Il concetto è il solito, ma ribadito con ancora più forza: “Non c’è stata una preparazione particolare per questo evento – spiega – perché voglio essere vera. La tecnica per me è  sempre stata un lavoro distante dal mio essere, perché sono una molto  istintiva nell’approccio alla musica. Tuttavia, grazie all’esperienza che ho fatto l’anno scorso riesco ad essere più professionale, l’Eurofestival mi ha aiutato molto in questo, mi ha fatto diventare più professionale. Non ci sono solo i sogni, bisogna essere ogni tanto anche sulla terra.  Che obiettivi mi sono posta? Solo, uno, arrivare al cuore della gente”.

La versatilità, mostrata da Valentina Monetta in queste due esperienze eurovisive si fonde inevitabilmente con la sua formazione jazz e così quando arriva l’inevitabile domanda su cosa preferisca cantare fra i brani jazz e “Vola”, cosa la rappresenti meglio lei risponde senza esitazioni: “Il jazz per me non è soltanto uno stile musicale, è una filosofia di vita, ma anche “Crisalide” la sento mila, perché parla di libertà, di cambiamento, riguarda anche me”.

Quando poi il discorso si sposta sulla canzone, sul cambio di tonalità e sulla scelta di affidarsi di nuovo a Valentina, è Ralph Siegel a rispondere. Gli chiedono quale sia il “key change”  da lui preferito in tanti anni di canzoni eurovisive: “Non si può decidere – spiega – perché dipende sempre dal testo del brano, da come si adatta alle parole, al messaggio che vuoi lanciare. Quello di quest’anno con “Crisalide” è perfetto, perché va su, in alto, come il testo che dice di “Volare, volare alto”. Relativamente al discorso su se non fosse stato meglio portare questo brano già l’anno scorso in concorso per San Marino, il compositore tedesco è chiaro: “Probabilmente senza il brano dell’anno scorso, non saremmo arrivati a questo. L’anno passato la canzone non era pensata per Valentina Monetta. Quest’anno, quando ho composto la melodia di questa canzone, insieme a Mauro Balestri il paroliere, ci è venuta subito l’idea di una Crisalide e l’abbiamo scritta pensando proprio alla voce di Valentina Monetta”.

Valentina Monetta Fra Ralph Siegel e Mauro Balestri @Dennis Stechel (EBU)

Valentina Monetta Fra Ralph Siegel e Mauro Balestri @Dennis Stechel (EBU)

Poi la parola torna di nuovo alla cantante sammarinese che parla delle sue emozioni e del suo rapporto con la musica come gara: “So benissimo che l’Eurovision è una competizione  – spiega –  ma io canto per esprimere la mia anima, è soprattutto questo che conta, per me è un sogno, sto vivendo un sogno e voglio godermelo appieno. Quest’anno per me è molto differente, ricordo la mia storia la proto sul palco e questo è per me molto forte, canto me stessa, sento tutto molto più vicino, molto più mio e quando canto io provo tantissime emozioni, mi espongo, sono completamente aperta. Sono anche più tranquilla rispetto a Baku”.

E mentre c’è spazio per un messaggio d’amore ai fan eurovisivi della Carolina del Nord, di cui si fa portavoce un giovane cronista presente  in sala, la chiosa finale è per i pronostici che vedono San Marino molto ben piazzata nella classifica dei fan: “Ma se doveste vincere – chiede un cronista– abbiamo bisogno di una location o l’Eurovision l’organizzerete nel soggiorno di Valentina Monetta?”. La risposta delegazione Alessandro Capicchioni è diplomatica e con un sorriso: “E’presto per pensarci, ma certo l’Eurovision è interessante, per tutta una serie di motivazioni, dunque se dovessimo vincere abbiamo diverse soluzioni alternative…”


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...