ESC 2013: vince “Only teardrops” di Emmelie De Forest. Mengoni settimo


Emmelie De Forest @Thomas Hanses (EBU)

Emmelie De Forest @Thomas Hanses (EBU)

Quando la Malmö Arena si svuoterà, basterà soltanto mettersi in macchina e attraversare il ponte di Øresund, perchè il prossimo Eurovision Song Contest sarà ad appena 16 chilometri di distanza, appunto giusto dall’altra parte del ponte. Emmelie De Forest con “Only teardrorps” ha vinto l’edizione 2013 della manifestazione che dunque dopo 13 anni sarà di nuovo ospitata dalla Danimarca.

L’ultima vittoria danese risale al 2000, quando alla Globen Arena di Stoccolma gli Olsen Brothers vinsero a sorpresa (erano dati 500 a 1) con “Fly on the wings of love“, stracciando poi ogni record di vendita in patria (tuttora in loro possesso). Dalla Svezia alla Danimarca, tredici anni dopo la storia si ripete, ma stavolta non si può certo dire che il successo della ragazza di origini nobili, pro-pro nipote della Regina Vittoria (suo nonno, imparentato con la monarchia svedese è stato censito come figlio illegittimo del re Edoardo II) fosse fuori pronostico.

Dato quasi per scontato da subito, una volta che è stata completata la lista dei partecipanti, anche i bookmakers hanno subito deciso di puntare sulla immagine pulita e sulla canzone pop con influenze folk della ventenne di Randers. E nemmeno le incertezze (notevoli) mostrate più volte nelle prove, hanno scalfito le sue quotazioni e  le certezze danesi. I quali dunque, dopo aver beneficiato di riflesso della presenza dell’Eurovision nella vicina Malmö, si apprestano dunque con ogni probabilità a ricambiare il favore. Emmelie De Forest ha visto con 281 punti, ed aveva già trionfato a 4 votazioni dalla fine. Sul podio si piazzano anche Farid Mammadov (Azerbaigian) con “Hold me” (234) e “Gravity” di Zlata Ognevich (Ucraina) con 214.

Mengoni @ Dennis Stachel (EBU)

Mengoni @ Dennis Stachel (EBU)

Quella del 2013 è la terza vittoria danese: la prima, contestatissima, fu nel 1963, quando “Dansevise” di Grethe e Jorgen Ingemann, primi coniugi della storia eurovisiva, batte per due soli punti la Svizzera, dopo un voting controverso (allora il sistema era diverso) funestato da problemi tecnici e strani cambiamenti. L’edizione 2001 a Copenaghen fu invece a suo modo rivoluzionaria perchè per la prima volta portò la rassegna in uno stadio (30mila persone nell’impianto cittadino).

“L’essenziale” di Marco Mengoni ha tenuto alti i colori dell’Italia. Esibitosi come ventitreesimo, il cantante di Ronciglione non ha mostrato emozione, sciorinando una ottima performance e il settimo posto finale (126 punti) rende comunque onore ad una partecipazione che ha convinto molti addetti ai lavori, oltre ad aver contribuito a farlo conoscere ai fan stranieri. Perfetta, precisa, senza sbavature. L’esibizione di Mengoni ha convinto anche gli stranieri, che non gli hanno tributato il successo ma tanti applausi di approvazione

L’Italia ha ricevuto 12 punti da Albania, Spagna e Svizzera, 10 punti da Macedonia, Francia e Austria,  8 punti da Slovenia, Malta, Croazia,  6 punti da Belgio, Grecia, Montenegro, Cipro, 4 da San Marino e Serbia, 2 dalla Georgia, 1 da Romania e Armenia.

Questo  il voting dell’Italia, annunciato da Federica Gentile: 12 Danimarca, 10 Malta, 8 Norvegia, 7 Grecia, 6 Lituania, 5 Ucraina, 4 Moldavia, 3 Ungheria, 2 Spagna, 1 Romania.

Così ha votato invece giuria sammarinese (unica deputata a giudicare, non essendoci televoto): 12 Grecia, 10 Malta, 8 Francia, 7 Paesi Bassi, 6 Ungheria, 5 Belgio, 4 Italia, 3 Finlandia, 2 Azerbaigian, 1 Armenia

Sono stati assegnati anche i premi collaterali  “Marcel Bezençon Awards”, intitolati alla memoria del fondatore della rassegna:  PRESS AWARD:Waterfall (Geo), BEST COMPOSER:Robin Stjernberg (Sve),  BEST ARTIST:Farid Mammadov (Aze). Sotto, lo scoreboard, completo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=s6mnUCP6FMM

Voting


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

28 Risposte

  1. giulio ha detto:

    Finalmente dopo tanto ha vinto una delle mie canzoni preferite, comunque
    ho sempre riscontrato che Eurovision song contest ci sono sempre delle manovre oscure,infatti sembra strano,che guarda caso,tra i paesi scandinavi e ex repubblica russa,si aiutano tra di loro,invece tra i paesi confinanti (francia,spagna,italia,Austria,ecc….),ciò non si riesce a fare,e guarda caso,
    i vincitori sono sempre gli stati a nord dell’europa,e mai quelli a sud,(togliendo
    il caso eccezionale della vittoria di lena, in questi 4 anni).
    Adesso mi piacerebbe vedere cosa farà italia,e che decisioni prenderanno,per quando riguarda il prossimo evento.

  2. Bsl ha detto:

    L’unica vera vincitrice della serata è stata l’annunciatrice dei voti tedeschi XD
    Lo spettacolo è stato buono, mi è piaciuta molto l’entrata in sfilata dei cantanti stile olimpiadi all’inizio. Il commento italiano mi era sembrato più brillante lo scorso anno, quest’anno salvo solo la Lusenti che ogni tanto diceva anche qualche chicca interessante. Pessimi tutti quei paragoni con i cantanti italiani, non mi sono proprio piaciuti. Invece mi hanno divertito abbastanza i commenti un po’ acidini sui vari annunciatori dei voti.
    La classifica finale, boh, trovo da criminali il 23esimo posto della Francia. L’ho anche votata tre volte, mi è dispiaciuto molto che da noi non ha preso punti (come mi è dispiaciuto anche che non abbiamo dato nulla ad Anouk, ma almeno lei ha fatto un risultato quasi storico visti i precedenti recenti del paese). L’ultimo posto se lo doveva aggiudicare a mani basse la bielorussa, canzone orribile e performance ancor peggiore; lei un tronco, anche la Adamou l’anno scorso si muoveva meglio. E si è presa pure sette punti da noi in semifinale.
    Il risultato della Germania mi sembra la debacle più significativa della competizione, davvero inaspettato. Mengoni invece ha fatto molto più di quanto mi aspettassi, forse giovando dell’assenza totale dei balcani; se ce ne fosse stato qualcuno in finale non avrebbe preso così tanti punti.
    Le cose che mi sono piaciute meno:
    – il risultato dell’Azerbaijan: canzone tutt’altro che da secondo posto, esibizione vocalmente perfetta (come quasi tutte le altre) ma lo show, il tizio nel vetro, la donna tendone in rosso mi sono parsi di poco gusto. Ormai potrebbero anche evitare di far fare loro le semifinali e anche di esibirsi in finale, tanto comunque in top5 arrivano. (cosa quest’anno ancor più prevedibile vista l’assenza della Turchia, l’ultima volta che la Turchia non era in finale hanno vinto)
    – l’esibizione della Romania: già il pezzo è particolare, se ci metti anche i vestiti, i ballerini ignudi, il telone fai un carrozzone
    – l’annuncio del vincitore e l’intervista con interruzione dell’annuncio dei voti, davvero pessima scelta. Il tizio di Cipro mi è sembrato un po’ in difficoltà, hanno del tutto sminuito i voti delle ultime quattro nazioni
    – come detto, la Bielorussia
    – il solito pattern di voti, anche se quest’anno c’è stata qualche sorpresa. E non capisco nemmeno la giustificazione della vicinanza culturale, la canzone azera, russa, ucraina (per fare tre esempi) potevano benissimo essere portate da qualsiasi altro paese sulla faccia della terra

    • Euromusica ha detto:

      Ma l’annunciatrice dei voti tedeschi non era una qualsiasi..era Lena, lanciata dall’esc 2010, da lei stravinto e ora regina del pop europeo. Solo che quei tre non l’hanno riconosciuta…

      • Alessandro Acq ha detto:

        Volevo farlo notare anch’io, non è una qualsiasi, lei è molto famosa (per fortuna, vissto che la adoro) e soprattutto è alla quarta edizione in cui è presente, dopo due edizioni da cantante e un esibizione nell’interval act nella seconda semifinale l’anno scorso

      • Alessandro Acq ha detto:

        Tra l’altro a blob su rai tre stanno scorrendo immagini dell’eurovision, per adesso hanno fatto vedere Romania e Ucraina

  3. fran ha detto:

    Yu84 condivido il 90% delle cose che hai detto ma devo dissentire sulla telecronaca, è stata troppo di cattivo gusto e avvolte irritante, mentre c’erano gli stacchi pubblicitari sulla Rai ho fatto cambiato canale per guardare le clip non mandate in onda dal servizio pubblico italiano, e ho visto che su Das erste (canale pubblico tedesco) che il commentatore si limitava a ripetere quello che diceva Petra facendo assaporare la comicità e la parte ironica di Sarah Dawn Finner e della stessa Petra Mede…
    immaginando un futuro eurovision in Italia vedrei bene Federica Gentile alla conduzione ma ieri durante il voting sembrava quasi ubriaca…
    ma la rispetto perchè molto professionale e molto capace…

  4. Yu84 ha detto:

    Dal punto di vista dello show è stata un’edizione straordinaria, considerando ke è costata meno della metà di quanto speso lo scorso anno dall’Azerbaijan, ke cmq aveva tutti i suoi buoni motivi di investire in questo evento, considerando anke l’opportunità di pubblicizzare turisticamente un Paese ancora molto giovane e poco conosciuto. Forse, se volessimo cercare il pelo nell’uovo, la conduzione della presentatrice non è stata al top, probabilmente avrebbero potuto individuare un conduttore più adatto, ma tutto sommato ha portato a casa la serata dignitosamente. Le scenografie, la fotografia, gli effetti, tutto davvero straordinario, complimenti all’organizzazione svedese, impeccabile!
    Per quanto riguarda i commentatori della rai, io mi sono divertito, è stato un commento easy, spensierato, ironico, a volte pungente, e nella fase voting anche un tantino “nazionalista” e ci può stare, sempre se preso in maniera ironica. L’unica cosa ke invece mi ha davvero infastidito è stato un tweet riguardo alla Grecia, in cui si diceva ke i greci a causa della mancanza di soldi dovuta alla crisi non avrebbero potuto votare al televoto, e ke i commentatori italiani hanno letto in diretta. Sinceramente penso ke il tweet sia stato di cattivissimo gusto, e ke avrebbero fatto meglio a non leggerlo, lasciandolo all’indifferenza della rete, invece di condividerlo con quasi 2 milioni di persone.
    Dal punto di vista musicale, sono rimasto abbastanza soddisfatto, ma a mio modesto parere, solo poche canzoni su 26 meritavano, la maggior parte erano piuttosto sentite, simili e ke basavano la loro forza sulla spettacolarità delle esibizioni piuttosto ke sulla “bellezza” del brano in sè. Certo, l’eurovision è uno show, non ci sono dubbi, ma a volte bisognerebbe ricordarsi ke si tratta pur sempre di una manifestazione canora, dove bisognerebbe votare il brano più bello, e non il belloccio di turno oppure il paese vicino.
    La classifica secondo me è molto ingiusta: il primo posto della Danimarca ci può stare, anche se secondo me c’erano brani ke meritavano maggiormente. Sono SCONVOLTO del secondo posto dell’Azerbaijan, ma skerziamo?!?!Siamo alla frutta!Marco Mengoni io l’avrei visto tra i primi 5, sicuramente davanti a Norvegia. Sono contento per Russia e Grecia, canzoni molto diverse ma molto interessanti ed orekkiabili. Sono inorridito per l’Olanda al nono posto, secondo me è anke troppo, la canzone era orribile, noiosa, ripetitiva, monotono, sempre uguale, il pubblico in sala si stava addormentando stile ninna nanna, aiutoooo!!Da Anouk mi sarei aspettato un brano più sul suo vecchio stile, così invece l’hanno premiata anke troppo, io l’avrei messa tra gli ultimi. Mi è dispiaciuto per l’Estonia, ke secondo me meritava di più, e anke x la Germania. Ma cmq c’è una riflessione ke vorrei condividere con tutti voi, e ke x ora non ho letto ancora in altri commenti, quest’anno più ke mai ho notato la “penalizzazione” dei big5 (ad eccezione dell’Italia), infatti Regno Unito, Spagna, Francia e Germania, hanno collezionato posizioni imbarazzanti. A mio parere un po’ ingiuste, soprattutto x Germania e Spagna, ma anke la Francia. Cmq si vede ke non è un voto di merito ai brani e agli artisti, ma è un voto quasi “punitivo” x i paesi privilegiati ke accedono alla finale, tranne x noi. E’ abbastanza preoccupante. Anke xkè questi Paesi potrebbero stufarsi a lungo andare (tranne la Germania, forse, ke ha vinto nel 2010), soprattutto UK e Spagna.
    Per il resto delle votazioni, sempre il solito discorso dei blocchi, quello scandinavo, quello russo-exrusso, ecc., ok, ormai lo sappiamo, finchè le regole rimarranno queste, i risultati non cambieranno. Ci vorrebbe più peso alle giurie e meno al televoto, tipo 60%-40%, o inventarsi nuove norme x regolare questo fenomeno ormai dilagante. Se tra un anno l’eurovision si sposterà di soli 16 km, non mi stupirei se nel 2015 venisse ospitato dalla Norvegia, e l’anno dopo dalla Finlandia.

    • Ranma25783 ha detto:

      Punitivo per le altre big? Bonnie ha cantato malissimo, La pesadilla de Morfeo (cosi un sito spagnolo ha definito il disastro iberico) peggio ancora, i Cascada pagano lo scotto di sentirsi dire “copiata Loreen”, solo la Francia è stata davvero punita eccessivamente. Dico solo: portino canzoni migliori che i risultati arrivano.

  5. pointless_nostalgic ha detto:

    Devo dire anche che mi è dispiaciuto vedere Robin un po’ triste. La Svezia a mio giudizio ha portato la sua seconda canzone migliore degli ultimi 10 anni, dopo The Worrying Kind, e ha fatto una grandissima figura.

  6. DG93 ha detto:

    Vorrei segnalare “Only Teardrops” al 105° posto su iTunes e il ritorno di “Euphoria” alla 140° :)

  7. Alessandro Acq ha detto:

    Prima di tutto, anche quest’anno, la mia cantante preferita, ovvero Lena, è stata fantastica!!!
    Ma andiamo a commentare la finale.Sono molto deluso, tranne per la Danimarca che era la mia preferita mi aspettavo posizioni più alte per Lituania, Spagna e Germania che erano due canzoni stupende e che sono rimast molto penalizzate dal block vote per i paesi dell’est (anche perchè se i paesi yugoslavi non potevano votare per gli altri ex yugoslavi avranno votato per gli ex Unione Sovietica), delusissimo per la Romania che per me doveva chiudere con i soli12 punti della Moldavia e BASTA, Italia invece troppo in alto, c’erano troppe belle canzoni che dovevano finire davanti a Marco che comunque ha fatto un ottima esibizione, e quindi effettivamente si può dire meritata la posizione.Felicissimo per Malta, Grecia e Olanda, soprattutto i primi e gli ultimi secondo me ingiustamente superati dall’Italia.
    Potevamo avere una delle finali più belle di sempre con canzoni come quellaaustriaca, quella lettone, quella svizzera, quella albanese, in aggiunta a Germania, Spagna, Grecia, Malta, Olanda, Danimarca, Islanda, Lituania, avevamo la possibilità di cacciare fuori per la prima volta la ROmania (io sono dell’idea che la canzone sarebbe stata più carina se Cezar ne avesse fatta una versione totalmente lirica senza quell’orrendo sottofondo musicale e un’altra con quel sottofondo ma cantata senza la sua voce da contralto.
    Insomma, finale fantasticaperscenografia, intervalact e tutti gli spettacoli extra alla gara, male per il risultato finale della gara, e ci vediamo a Copenhagen!!!

  8. Franco ha detto:

    Anch’io sono molto deluso da com’è stata commentata la finale. L’anno scorso ero entusiasta di loro, ma quest’anno quelli di Caterpillar sono stati davvero pessimi! Spero che non li chiamino mai più!
    E poi non mi va giù la composizione della giuria italiana: abbiamo proprio toccato il fondo con quei nomi.
    No, sono proprio rimasto con l’amaro in bocca, e stavolta non si può dare la colpa agli europei, ma è tutta vergogna made in Italy. Mi sa che è l’ultimo eurovision che seguo. :(

  9. knot ha detto:

    Nel complesso devo dire che la qualità media delle canzoni è migliorata rispetto alle ultime edizioni (le canzoni, a mio modesto parere, di scarsissimo valore erano 3o4) anche se sono mancati dei brani di altissimo valore, ad esclusione di Anouk, la quale ha portato un pezzo davvero particolare, delicato e coinvolgente (peccato che la scenografia, praticamente assente, l’abbia leggermente penalizzata). Altri brani interessanti sono stati quelli di Grecia (anche se non l’ho trovato così innovativo), Ungheria e Norvegia; quello dell’Ucraina era alquanto anonimo ma devo dire che la voce della cantante è eccezionale, la migliore tra quelle dei concorrenti. Per quanto riguarda Mengoni, il quale ha anche lui ampiamente beneficiato dei voti “amici” (dai paesi confinanti con il nostro e da quelli dell’area mediterranea), la posizione raggiunta dal suo brano è quella che quest’ultimo meritava.
    Detto ciò, spero che nelle prossimi edizioni l’Eurovision riesca a sfornare un maggior numero di brani qualitativamente degni di nota ed esportabili fuori dai confini nazionali (quest’anno solo “only teardrops” è a mio parere capace di avere almeno un discreto successo in Europa). E a tal proposito ci tengo a sottolineare l’inconcepibile caso del Regno Unito il quale, nonostante possieda un armamento musicale che compete tranquillamente con quello americano, continua a portare cantanti oramai stracotti e canzoni indegne della tradizione britannica, mah..
    Ma la principale, e purtroppo consueta, nota dolente dell’Eurovision rimane la questione delle alleanze, davvero sgradevole e totalmente opposta ai principi di unità che vengono richiamati dal concorso. Solo l’Italia, il Regno Unito e qualche altro paese riescono più o meno a sfuggire dalla logica di votare sulla base delle vicinanze e delle simpatie. L’EBU dovrebbe invitare vigorosamente le singole emittenti televisive a spingere costantemente gli spettatori, durante lo show, a votare esclusivamente in base alla qualità dei pezzi e delle performances. In direzione totalmente opposta sono andati la “simpatica” tripletta dei nostri commentatori che erano bravi a criticare l’alleanza nordica e poi ringraziavano gli svizzeri per averci votato in maniera fraterna e criticavano San Marino per averci dato solo 4punti, vergogna!
    E proprio parlando dei commentatori trovo altrettanto vergognoso, come già avete giustamente sottolineato, gli attacchi continui nei confronti dei paesi bassi e del belgio. A ciò si aggiungano pure le diverse imprecisioni. Spero con tutto il cuore di non riascoltarli l’anno prossimo.
    In conclusione è stato secondo me un discreto Eurovision e Dio benedica la Danimarca per aver evitato un’ennesima scandalosa vittoria dell’Azerbaijan! E viva comunque l’Eurovision, l’unico evento, per ora, capace di unire ogni anno gli spettatori di tutta Europa (esclusa ahimè l’Italia)!

    • Mattia ha detto:

      Commento quotabilissimo in toto, però sfugge secondo me un dettaglio.Il voto politico esiste, ma è realmente limitato a pochi casi (Cipro – Grecia o Belgio – Olanda). Il fatto che ci siano molti Russi in Finlandia o diversi Svedesi in Danimarca, od anche il grandissimo crogiuolo di etnie presenti nella ex Jugoslavia che facevano comunque parte dello stesso stato poco più di 20 anni fa, giustifica più del dovuto questi casi di pseudo voti politici. Se guardate bene i voti di quest’anno ad esempio, noterete che nonostante ci fosse un folto blocco di paesi ex-Jugoslavi nella prima semifinale, non ne è passata nessuna. Questo è stato anche attenuato da alcune migliorie fatte sul sistema di votazione della giuria. Ma purtroppo col televoto si può afre davvero ben poco. Quello che mi ha invece davvero sconvolto è stato questo boom di voti per l’Azerbaigian. La canzone non era nulla di speciale. Ma pare che piaccia più del dovuto ad alcuni paesi, nemmeno poi così vicini agli Azeri geograficamente. La cosa io la trovo alquanto inspiegabile. Perché, va bene che tu prenda i 12 punti dalla Georgia o da Israele, ma quando a darteli sono Austria e Lithuania qualche dubbio mi viene. ecco, io ci ho visto una voglia netta di riportare l’ESC a Baku. Ecco, più che i voti “amici” a me ha dato fastidio questo…

      • knot ha detto:

        Forse mi sbaglio ma secondo me i continui exploit dei concorrenti azeri sono dovuti a questo mix: simpatia per un paese piccolo e non troppo coinvolto nell’opposizione est-ovest (non penso che venga dato peso al fatto che in questo pezzo di terra opera un sistema tutt’altro che democratico e non eccezionale nel rispetto dei diritti umani), dinamiche gestuali e scenografiche delle performances studiatissime (nonchè una spiccata attenzione all’estetica dei cantanti), brani semplici, orecchiabili e “smielosi” che possono facilmente far colpo su porzioni più o meno ampie di ascoltatori. Inoltre, a voler essere malpensanti, ci sarebbe anche la possibile pressione dei soldoni provenienti dal mar caspio sulle giurie di quaità di diversi paesi…
        Per quanto riguarda la questione del voto politico, beh, non riesco proprio a trovare delle attenuanti. Giustissimo il discorso delle minoranze e dei grovigli etnici ma anche considerando ciò non riesco a giustificare l’automatico supporto al proprio paese di origine o ad un altro a cui si era uniti in un passato più o meno recente. L’anno scorso io ero in Finlandia ma comunque non ho votato la canzone di nina zilli, semplicemente perchè non mi piaceva, a prescindere dal fatto che rappresentasse l’Italia. Non voglio di certo recitare il ruolo dello spettatore virtuoso dell’Eurovision però penso che si possa condividere l’idea che il voto vada dato senza guardare la carta di identità dei concorrenti, a prescindere da qualsiasi ragione culturale, storica o politica. D’altronde sarebbe un po’ come dire che io, pugliese, al festival di sanremo voto per Albano solo perchè viene da un paesino del Salento.

  10. Ludo ha detto:

    Grande spettacolo, grande commento, GRANDE MARCO! Il commento era ironico! Ma non l’avete capito?! Io vorrei che commentassero ogni anno! E’ logico tifare Italia e voler superare chi sta sopra di noi. Il loro era un discorso di classifica non di qualità. Passata l’Olanda hanno detto “adesso andiamo all’attaco di Malta”… suvvia.. un po’ di ironia!

  11. guglielmo ha detto:

    ha vinto la canzone migliore ed il mio voto almeno è servito!! peccato per la francia cosi’ in basso. non ho parole per i soli 4 punti di san marino, ancora meno dei 7 della zilli, quasi quasi sono contento che la monetta non sia passata, a questo punto!

  12. Panormus ha detto:

    Mattia se i loro giudizi sono stati davvero cosi orribili (io sono in Spagna adesso) hanno solo dimostarato di essere dei volgari prinicpianti e basta cosicché l’anno prossimo che se ne stiano alla loro house!

  13. vincenzo ha detto:

    Condivido il commento di vike! infatti dopo aver sentito quelle cose ho pensato “ma quanto siamo provinciali?!” e mi sono messo ad ascoltare l’evento in streaming dalla tv officiale (senza commenti lol)

  14. Mattia ha detto:

    Una sola cosa: prima della finale era il caso di far guardare una cartina geografica ai commentatori italiani! Davvero squallidi!!! Ma sentito un commento così pessimo. Per non parlare dei giudizi assolutamente orribili che hanno dato sia agli artisti che agli spokes. Di cattivo gusto, e davvero fuori luogo le critiche ad Anouk. Ok che può non piacere il pezzo, ma ritenerla addirittura indegna di stare al di sopra dell’Italia. Mamma mia….

    • TeddyDTE ha detto:

      Vogliamo parlare poi degli elogi a quello schifo della Romania?! Si sono permessi addirittura di sminuire Bonnie Tyler! Santo dio, ma con che coraggio!?

    • pointless_nostalgic ha detto:

      Fichissima!

    • pointless_nostalgic ha detto:

      Vediamo commenti veloci a caldo

      -Inizio un po’ troppo pomposo, fantastico interval act, arena favolosa. Svt ha fatto un ottimo lavoro. Non mi è piaciuto l’annuncio del vincitore prima della fine del voting e a volte sono andati troppo veloci con i punti.

      -speravo in un filino di più, ma ottima posizione per l’Italia. Abbiamo battuto gli alri big5 alla grandissima e ci confermiamo top10. Ottimo lavoro Rai.

      -a me il commento ha divertito, come l’anno scorso. Bravissima Lusenti.

      -la Danimarca ha proposto ottime canzoni negli ultimi anni e ora raccoglie i frutti anche se non con la loro migliore canzone.

      -super super super felice per la Grecia, Malta e Ungheria

      -mi girano le scatole perché contavo che le ex-yu votassero grecia, italia o azerbaijan – e ci avevo messo dei soldini su Farid ;) – e invece niente. Mah a pensar male si potrebbe dire che abbiano voluto ingraziarsi un po’ i Paesi nordici, un po’ come ha fatto l’Italia del resto.

      -interessante notare come l’Italia non abbia preso alcun punto da tutta l’Europa del Nord. Bisognerebbe cercare di capire il perché.

      -felicissimo per la pessima posizione della Finlandia: ci hanno privato di quella che sarebbe stata una delle più belle canzoni degli ultimi anni, We Should Be Through di Mikael Saari. E con questo chiudo ;)

  15. Gennaro ha detto:

    Il fatto è che il televoto ci distrugge parecchio.Magari nelle classifiche della giuria di qualità siamo tra i primi ma appena entra il televoto a fare peso,cambia tutto (vedi la Zilli l’anno scorso). Noi non abbiamo blocchi a favore ( tranne le solite Spagna,Francia,Svizzera e Albania ,peccato. Migliora il risultato dell’anno,solo questo …. FORZAITALIA!

  16. bozzy ha detto:

    Per me è un ottimo risultato quello dell’Italia, siamo rientrati da poco e siamo sempre in top10, firmerei per continuare così per i prossimi 10 anni. E poi esportiamo sempre buona musica.
    Bene, un grazie a SVT (tv svedese) per aver costruito uno show bello e energico spendendo molto meno del solito e, quindi, dimostrando che organizzare l’ESC è più un’opportunità che un onere,
    Un grazie alla delegazione italiana che ha fatto bella figura. E un grazie anche alla Rai che ci ha regalato una serata finale in un’ottima alta definizione su Rai HD.

  17. vike ha detto:

    Anouk 9…bene, per una canzone come la sua sono molto contento =) (anche se meritava di vincere, ma vabbe’). La vincitrice abbastanza scontata, la classifica un po’ meno, con le sorprese di Grecia, Russia, Malta e Azerbaijan, e comunque si è riconfermato il block vote, in una maniera molto più esagerata rispetto agli altri anni…aspetto domani per un commento più approfondito…
    Nota riguardo al commento: non mi sono piaciuti per niente. Ho preferito il commento preciso degli speakers sammarinesi, e non l’ironia non molto simpatica dei commentatori italiani (eccezion fatta per Natasha)…non mi sono piaciuti i paragoni dei vari cantanti con cantanti italiani (non fa affatto bene al programma che i commentatori prendano in giro gli altri cantanti, soprattutto se ad ascoltarli sono persone che non hanno mai seguito l’evento), essere faziosi ci poteva stare, però alcuni giudizi sono stati abbastanza duri (specialmente per Anouk, che cantava secondo loro una canzone tanto brutta da non essere “degna” di trovarsi sopra l’Italia)…altro neo le frequenti imprecisioni e superficialità, ricordo per adesso solo il fatto che scambiavano nomi dei Paesi (con un nome non affatto simile)…be’ complessivamente devo dire che non mi sono piaciuti, sarò stato duro, ma questa è stata la mia impressione e anche quella di altre persone che hanno visto con me l’evento (era la prima volta che lo vedevano) e non hanno apprezzato il commento
    Come detto sopra, domani farò un commento più approfondito.

    VAI MARCO!

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: