Charts: De Forest padrona, Mengoni c’è. Ma l’Italia è senza ESC…


Emmelie de ForestLe charts ufficiali, quelle pubblicate dagli istituti ufficiali di rilevazione dei singoli paesi e che comprendono tutte le vendite (fisiche, download su Itunes e su altri supporti) non sorridono quest’anno all’Eurovision Song Contest. La sola Emmelie De Forest raccoglie unanimi consensi (come aveva già fatto su Itunes)  mentre per gli altri “big” i risultati sono di medio livello, anche se sono diversi quelli che hanno raggiunto la vetta o la top 10 almeno nel proprio paese. Marco Mengoni entra in classifica in diversi paesi ma nelle posizioni di rincalzo (fa comunque meglio di Nina Zilli l’anno scorso, presente in più paesi ma in posizioni nettamente più basse) ma l’Italia è  anche l’unico paese “big” in concorso dove non è entrato in classifica nessun brano dell’Eurovision (eccetto “L’essenziale”): e dire che eccetto “Glorious”,  “Ljubav je svuda” e quello di Cezar erano tutti disponibili da noi. Da noi è entrata in classifica solo la compilation, nella speciale chart di categoria, al numero 20 (la posizione più bassa d’Europa). ESC assente anche in Bulgaria, almeno sinora, in Slovenia presente solo nell’airplay (De Forest numero 3). L’anno scorso Loreen arrivò anche in paesi fuori concorso come Repubblica Ceca e Slovacchia (dove è ancora in classifica, come in altri paesi), la De Forest per ora non sembra in grado di eguagliarla.

Per quanto concerne Amandine Bourgeois, per il momento è “not charted” anche in Francia: figura esclusivamente nella chart dell’airplay nazionale in posizione 193. Due soli i brani capaci di entrare nella top 100 europea: oltre al vincitore (numero 2), quello dei Cascada (8). Disfatta per Bonnie Tyler ed El Sueño de Morfeo, la vera sorpresa è Gianluca Bezzina, capace di raggiungere la top 10 della indie britannica ma entrato anche in quella assoluta (66) e in diversi altri paesi. Tengono bene Anouk, Margaret BergerRoberto Bellarosa e ByeAlex (gli ultimi due confermano gli ottimi riscontri di Itunes), medi riscontri e in pochi paesi per Farid Mammadov, che fa meno bene rispetto ad ITunes. Nota a margine: “It’s my life” di Cezar non è uscita in singolo e non è scaricabile singolarmente dalla compilation: è comunque significativo che non sia presente in alcun paese, Romania compresa, nemmeno nelle classifiche airplay.

httpv://www.youtube.com/watch?v=p3f9v8ebuD4

Di seguito, ecco le cifre di questa edizione, con qualche accortezza per leggere bene le classifiche:

  • In Belgio esistono due classifiche separate, una per le Fiandre ed una per la Vallonia, che comprende anche la parte di lingua tedesca. A loro volta, queste sono suddivise in “Ultratop” (solo vendite e download) e “Ultratip” (mista vendite, download, airplay e passaggi tv con un peso proporzionale alle emittenti: ha un peso minore rispetto alla precedente). Da queste si ricava anche una classifica cumulativa. Esiste poi una quarta chart ufficiale, solo per l’airplay, che rileva i brani nella zona di lingua tedesca.
  • In Russia ed Ucraina, la classifica è complessiva (airplay, download, vendite fisiche)
  • In alcuni paesi (Macedonia, Estonia, Croazia, Moldavia, Romania, Lituania e non solo) le uniche rilevazioni  ufficiali dei singoli sono quelle dell’airplay, alcuni paesi sono sprovvisti di charts ufficiali
  • Abbiamo incluso nella classifica, visto il peso rilevante dei network, anche gli ingressi nelle classifiche di Viva (la tv musicale europea con base in Germania). Non ci sono invece per ora brani nella top20 europea di MTV, né su NRJ (il principale network francese) e Los 40 (la maggiore radio privata spagnola).
  • La voce “entra in classifica” si riferisce, dove non indicato diversamente, a posizioni dopo la 30 e i paesi sono indicati in ordine progressivo di classifica

Only teardrops” raggiunge la vetta in Grecia e Danimarca (disco d’oro), la posione 2 in Lussemburgo e nella chart Europea, 3 in Svezia e Svizzera, 5 in Irlanda, Germania, Macedonia e nella chart di Viva, 6 in Islanda, 7 in Austria, 8 in Slovenia, Spagna, Cipro e Malta, 9 in Estonia. Lituania e Norvegia,  11 nelle Fiandre, 15 nel Regno Unito 17 in Finlandia, 20 nel Belgio germanofono. Top 30 in Romania, in classifica anche in Vallonia, Australia, Austria e Francia. “L’essenziale” è multiplatino  in Italia,  in Europa la posizione più alta è la numero 27 in Vallonia. Entra in classifica dopo il numero 30 in Svizzera, Spagna, Austria, Olanda, Germania, chart di Viva e Fiandre. Male, come detto, gli altri big, tranne “Glorious” dei Cascada, già numero 8 in Europa prima della rassegna (numero 33 su Viva). Poi numero  6 in Germania, 9 in Serbia, 20 in Estonia, 29 in Austria e in classifica in Svezia, Svizzera,  Repubblica Ceca, Regno Unito, Romania, Irlanda.  Entrano anche nella chart  britannica dance (27) e in quella indie (18). Da notare che i Cascada senza mai toccare la vetta neanche in patria sono entrati nella top 10 europea, a testimonianza del “peso” del mercato tedesco sull’Europa. Abbastanza singolare, peraltro, che la Zooland Records, l’etichetta di proprietà dei Cascada abbia escluso l’Italia dalla diffusione del singolo su ITunes.

httpv://www.youtube.com/watch?v=8WmJXIR9xtw

Believe in me” di Bonnie Tyler, in patria si ferma in posizione 93  (numero 10 della chart Indie), mentre “Contigo hasta el final” replica anche nella chart la posizione 32 dell’airplay. “Birds” di Anouk prima in patria (49 su Viva), poi numero 12 nelle Fiandre, 16 nel Belgio germanofono, 26 nella mista Vallonia, 28 Islanda e in classifica in Germania, Irlanda, Austria, Regno Unito. “I feed you my love” di Margaret Berger è numero 4 in Norvegia, poi 16 in Islanda,  24 in Germania e su Viva, 26 in Svizzera e in classifica in Svezia, Danimarca, nella mista Fiandre, Regno Unito, Olanda e Austria. “Kedvesem” di Bye Alex primo in patria (anche nell’airplay) poi in classifica in Olanda, Germania, su Viva, nella mista Vallonia, Regno Unito, mista Fiandre e Austria. “You” di Robin Stjernberg è prima in Svezia, poi 26 in Islanda, 27 in Finlandia (primo nell’airplay), in classifica in Olanda,  Regno Unito,  Mista Fiandre, Germania, Austria e su Viva. “Love kills” di Roberto Bellarosa è secondo nel Belgio germanofono, sesto in Vallonia, numero 14 nelle Fiandre, in classifca in Olanda, Belgio, Germania,  Regno Unito  e su Viva. “Tomorrow” di Gianluca Bezzina è sesto a Malta, numero 10 nella chart Indie del Regno Unito e in classifica in Olanda, Regno Unito, mista Vallonia, Irlanda, Germania, mista Fiandre e su Viva. “Hold me” di Farid Mammadov  è dodicesima in Grecia ed entra in classifica nella mista Fiandre, in Svizzera e in Olanda.

Toccano le posizioni di vertice anche “Here we go” (prima in Lettonia), “Eg a lif” (prima in Islanda, 8 nel Belgio germanofono e in classifica in Svizzera, Germania, Olanda, Regno Unito e su Viva), “Et uus saks alguse” (prima in Estonia), “Igranka” (prima in Montenegro e in classifica in Croazia); “O mie” (sesta in Moldavia nella versione inglese); “Gravity” (terza in Ucraina, 29 nella chart Indie britannica, in classifica in Olanda, mista Fiandre, Regno Unito), “Alchohol is free” (7 in Grecia, 30 nella Indie britannica, in classifica in Germania, Olanda, Regno Unito e su Viva).

Gli altri: “Only love survives” è numero 13 in Irlanda e nella Indie Regno Unito (in classifica nella mista Fiandre e nel Regno Unito), “You and me” numero 21 in Svizzera; “Shine” numero 26 in Austria; “Mizerija” 14 in Croazia; “What if” in classifica in Olanda, mista Fiandre, Svizzera, Germania, Regno Unito, Russia e su Viva, “Marry me” numero 24 in Finlandia e in classifica in Svezia, Regno Unito, Germania, Irlanda e su Viva. Infine, “We write the story”, l’inno ufficiale che era disponibile solo su Itunes, con i soli download  è entrato in classifica in Olanda e nel Regno Unito.

ALBUM: “#Prontoacorrere” è primo e disco di platino in Italia e numero 26 in Svizzera. “Emmelie de Forest” è quinto in Danimarca e in classifica in Svezia; “Sad singalong songs” di Anouk primo in Olanda, 21 nelle Fiandre, in classifica in Vallonia; “Ding dong”di Krista Siegfrids numero 19 in patria, “Rocks and honey” di Bonnie Tyler in classifica in Danimarca

COMPILATION: nei paesi dove è censita insieme agli album è prima in Islanda, Danimarca, Norvegia, Svezia, nona in Finlandia. Nelle charts di settore numero 2 in Germania, 3 in Olanda e Vallonia, 4 in Irlanda, 7 in Svizzera e nelle Fiandre, 8 in Spagna, 10 in Austria, 14 nel Regno Unito, 20 in Italia

 httpv://www.youtube.com/watch?v=n5iazXvMw5o

 

 

 

 

 


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

5 Risposte

  1. Andrea ha detto:

    Le copie vendute in UK nella prima settimana post ESC sono state

    Emmelie 18,443
    Gianluca 4,007
    Robin 3,720
    (Euphoria 3,451)
    Margaret 3,322
    Krista 2,432
    Cascada 1,931
    Bonnie 1,842
    Anouk 1,661
    Garipova 1,641

    Gli altri erano fuori dall top 200 e, quindi, non so il dato. Nella seconda settimana (in pratica settimana scorsa) Emmelie crolla a 3,404 copie (perchè sostanzialmente è prova di un significativo airplay radiofonico pure lì) e gli altri spariscono.

    Nella Top 50 Euro Digital Chart (sono 18 paesi considerati: Austria, Belgium, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Ireland, Italy, Luxembourg, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom) per la settimana 13-19 maggio:
    Emmelie 40933 copie, Anouk 14711. Il resto non era tra i 50 (il 50esimo vende 10457 downloads).

  2. Bozzy ha detto:

    Purtroppo finchè i brani non passano costantemente in radio anche da noi non credo che il pubblico italiano abbia la possibilità di apprezarli. E’ un peccato, per esempio, che fino ad ora in Italia non sia stato fatto il radio date del singolo Only Teardrops (distribuito da Sony giusto?). Alla fine credo che sia un pezzo che possa funzionare discretamente anche sul nostro mercato.

    • aLeX P ha detto:

      Già.. in realtà di brani radiofonici quest’anno ce ne sono diversi, che piaccia o meno il singolo artista (ovvio). Finchè ci sarà questa ottusità da parte delle case discografiche scordiamoci compilation/singoli/album “eurovisivi” in classifica. E pensare che se lo si vuole basterebbe poco :(

      • Bozzy ha detto:

        Si vero, non comprendo proprio questa “chiusura”. Io ne so poco di mercato discografico per cui chiedo: senza pensare a promozioni particolari, fare il semplice radio date in un Paese di un singolo bello pronto ha dei costi elevati per una casa discografica? è complicato materialmente (non so magari passaggi burocratici vari)?

        • zonavenerdi ha detto:

          Questa “chiusdura” è ovvia, visto che l’evento televisivo ha solo il 10% di share. (ed è pure in ascesa).

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: