Maurizio Campo: “Così ho cambiato Coming Home” dei Firelight per l’ESC


Maurizio CampoUn pizzico di italianità in più sul palco dell’Eurovision, nella entry di un paese tradizionalmente amico dell’Italia, che ha grandi rapporti con il nostro paese. Di Maurizio Campo, pianista dell’0rchestra di Sanremo finito a lavorare a Malta al brano “Coming home” dei Firelight eravamo stati fra i primi a dare notizia. A meno di due mesi dal via della rassegna, l’occasione è buona per farci raccontare l’incontro con il team maltese ed il lavoro che è stato fatto sulla canzone.

L’incontro col team maltese non è stato del tutto casuale – racconta Maurizio Campo – perchè nella già scorsa estate ho suonato nel concerto/evento Joseph Calleja and Friends – peraltro trasmesso su Sky 1 – dove tra gli altri è stato ospite anche Zucchero. Il punto di contatto è stato Arturo Pellegrini, sound engineer italiano, che mi ha coinvolto in quella produzione. Adesso c’è stato l’incontro con i Firelight, che hanno da poco vinto il concorso di selezione: la loro produzione – la stessa di Joseph Calleja and friends – ha chiesto ad Arturo Pellegrini e me di seguire artisticamente il progetto per rifinirlo ulteriormente in occasione dell?Eurovision Song Contest.

Capire cosa servisse per rendere più eurovisivo il brano è stato semplice: “C’era bisogno di rendere più pop un brano con una spiccata connotazione folk e così abbiamo effettuato delle modifiche nell’arrangiamento che adesso ci pare migliorato nel sound e più funzionale nella struttura, aspetti fondamentali in una rassegna in cui ti giochi tutto in tre minuti su di un un palco importante a livello internazionale”. Una rassegna, quella europea, che il 47enne musicista di Molfetta già conosceva bene:“Lavorando da anni nell’Orchestra di Sanremo ero a conoscenza dell’Eurovision Song Contest anche perchè per diverse edizioni l’Italia è stata rappresentata del vincitore del Festival appunto”.

Maurizio Campo non seguirà però la comitiva maltese in Danimarca: “Mi avrebbe fatto piacere ma non ci sarò  – spiega – perchè fin qui sono stato coinvolto esclusivamente nella fase di produzione discografica. Certamente seguirò la loro performance nella semifinale dell’8 maggio e poi spero di ritrovarli in finale“.

Con un auspicio personale in conclusione: “E’stata una bella esperienza che spero proprio di poter ripetere, anche una vetrina per chi lavora più dietro le quinte. Questa operazione, oltre che con i Firelight, mi ha permesso di intensificare i rapporti con il mondo musicale maltese, un mondo ricco di talenti“. Intanto, pochi  minuti fa, è stato rilasciato il video ufficiale, che qui sotto vi proponiamo, insieme al confronto con la versione “base”, quella che aveva vinto le selezioni.

“Coming home” nella versione eurovisiva…

…e in quella che ha vinto il concorso nazionale.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. Mattia ha detto:

    Davvero molto emozionante, spero proprio facciano bene all’ESC!

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: