Eurovision 2014, Azerbaijan: Dilara Kazimova canta “Start a fire”


DilaraKazimovaSi intitola Start a fire, il brano che Dilara Kazimova, la vincitrice del talent show Böyük Səhnə, canterà sul palco dell’Eurovision Song Contest 2014 in rappresentanza dell’Azerbaijan.

Una toccante ballad di stampo americano firmata da un trio di autori svedese (un’abitudine ormai per il paese caucasico) con qualche incursione nel sound popolare azero. A firmarla Stefan Örn, già autore delle entry azere Drip drop (2010), Running scared (2011) e When the music dies (2012), Johan Kronlund e Alessandra Günthardt.

Dilara descrive la canzone come “la confessione di una donna al contempo forte ma vulnerabile“. Un brano “non legato solo all’amore ma alla gentilezza, l’umanità e il rispetto. Parla anche del sentirsi soli in un mondo che può essere crudele“.

Start a fire è stata scelta dalla cantante in collaborazione con la giuria che l’ha accompagnata nelle puntate del talent vinto. “La melodia è quasi ipnotizzante e la storia profonda e toccante. Ha un che di tragico ma non manca la speranza” racconta la Kazimova.

httpv://www.youtube.com/watch?v=ipQswujA5gw


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

4 Risposte

  1. Mattia ha detto:

    Sicuramente meglio della canzone dello yogurt che vinse .-.

  2. Anto ha detto:

    Non mi piace… ma con tutti i soliti “appoggi” arriverà sicuramente in top10

  3. linomar ganz ha detto:

    ….oh yeeessssss!!!!!….cantante, voce, canzone…per sognare …ad occhi aperti.

  4. AlessandroAcq ha detto:

    La canzone per quanto sia totalmente diversa mi ricorda leggermente l’Azerbaigian nel 2012, per la faccia della cantante e per il fatto che è una ballata pop,lenta e melensa che presenta al suo interno gli strumenti tipici azeri, come per trovare nella canzone un legame col paese che la manda, legame chese non fosse per quegli strumenti sarebbe assente.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: