Eurovision 2014: ecco i cinque giurati italiani


RAISono stati pubblicati qualche istante fa dall’EBU i nomi dei giurati  italiani che mercoledì 7 e venerdì  9  maggio saranno riuniti a Milano per giudicare le canzoni della seconda semifinale e della finale dell’Eurovision Song Contest 2014. Ricordiamo che le giurie votano appunto il giorno prima del live show (in questo caso previsti giovedì 8 e sabato 10).

Voteranno seguendo la cosiddetta jury rehearsal, ovvero una prova generale con tanto di conduttori, pubblico e costumi, identica al live e trasmessa a circuito chiuso ad uso delle sole giurie. Questa prova, essendo di fatto uno show vero e proprio, viene però registrata e il segnale scorrerà in contemporanea con quello della diretta, per essere nel caso usato come “backup” su cui switchare in caso di problemi con la diretta. Ecco dunque, la nostra giuria:

  • Luca De Gennaro (presidente di giuria): 55 anni, giornalista e disc jockey, attuale responsabile della programmazione musicale di MTV per Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Grecia. Già docente allo Iulm di Milano e in diverse altre università e centri musicali italiani, vanta collaborazioni con i principali quotidiani e settimanali italiani
  • Paola Folli, 49 anni, cantante e vocal coach. Già in gara a Sanremo, sezione giovani nel 1998, attuale corista di Elio e le storie Tese e collaboratrice di diversi artisti italiani, nel 2012 e 2013 vocal coach per il team di Simona Ventura ad X Factor.
  • Andrea Mirò, all’anagrafe Roberta Mogliotti, 44 anni, cantautrice e polistrumentista, nonchè compagna del cantautore Enrico Ruggeri (ESC 1993 per l’Italia), quattro volte in gara da solista a Sanremo più una in coppia con Ruggeri, più volte direttrice d’orchestra a Sanremo, l’ultima quest’anno al seguito dei Perturbazione.
  • Andrea Laffranchi, 45 anni giornalista, prima firma di musica del Corriere della Sera
  • Francesco Pasquero, 32 anni, discografico della sezione International departement &New artist development and promotion della  Sugar, nel 2011 al seguito di Raphael Gualazzi nella spedizione eurovisiva a Dusseldorf.

La lista completa dei giurati comunicati dall’EBU è disponibile a questo link

La Giuria sammarinese (che volterà lunedì 5 e venerdì 9) è invece composta da:

Sara Jane Ghiotti (Presidente), 32 anni, cantante jazz  anglo-sammarinese e terapista del linguaggio, già protagonista in diversi palchi italiani

Lorenzo “Ilor” Salvatori, 21 anni, rapper (ne parlò il nostro blog partner Euromusica)

Andrea Gattei, 19 anni, dj e compositore 

Maria Giulia Ugolini, 19 anni, cantante

Paolo Macina, 31 anni, chitarrista dei Miodio, primi rappresentanti sammarinesi all’Eurovision 2008 e della rock band italo-sammarinese dei Clamidia


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

7 Risposte

  1. pointless_nostalgic ha detto:

    Mi piace. Promette bene. Speriamo.

  2. israelfurever ha detto:

    le selezioni nazionali per me le possono fare come vogliono, anche con voto giuria che vale per il 99% e televoto che pesa per 1%

  3. israelfurever ha detto:

    pongo una domanda a tutti voi, ma perché noi dovremo spendere dei soldini per televotare, quando le giurie poi dimezzano o annulano tutto cio’? Vedere Romania l’anno scorso dove sia in Italia che in Spagna era prima al televoto e se va bene nel primo caso un punticino l’ha preso, nel secondo neanche quello.

    • aLeX P ha detto:

      Perchè puoi cambiare le cose, proprio come è successo in Spagna.. dove la Ruth Lorenzo non ce l’avrebbe fatta altrimenti. Quindi ben venga un mix di giuria e televoto (il discorso, molto più ampio, vale ovviamente per tutti i candidati.. è già difficile riuscire ad avere un voto trasparente con questo metodo, figurati i rischi se lasciassero solo il televoto o solo le giurie).

    • Anto ha detto:

      Le giurie servono (o servirebbero) per contro bilanciare i voti degli immigrati. Se c’è un motivo per cui non si può votare per il proprio Paese è proprio questo…. e per gli stranieri residenti fuori dal proprio Paese la regola è aggirata (nelle edizioni con 100% televoto i 12/10 punti erano telefonatissimi da quei Paesi con un’alta presenza di immigrati). Oggi non è ancora del tutto risolto, però è un meccanismo attenuato.

  4. vike ha detto:

    Piacevolmente sorpreso per la presenza di Paola Folli :)

  5. Anto ha detto:

    Mi piace soprattutto per la presenza della Mirò e della Folli

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: