ESC 2014: live dalla B&W Hallerne la prima prova dei Big


In diretta dalla sala stampa per le prove dei BIG 5. Abbiamo perso le prove della Germania perché, come in molti avranno forse già letto da altre fonti, i danesi hanno gestito il discorso “trasporti” in maniera al quanto dozzinale. L’Arena si trova su un isola lontana e non facilmente raggiungibile dalla città, gli autobus sono lenti e sporadici, il battello sembra non volerlo testare nessuno. L’esterno dell’arena è intaccato. Nel senso negativo della parola. Si tratta di un’isola adibita a zona industriale e poi più o meno abbandonata. L’interno dell’arena è imponente, l’esterno un incubo. Una giungla di cemento e polvere con recinti di ferro malconci. Per i danesi quello che importa è quello che verrà visto in TV… e sotto quel punto di vista il palcoscenico è veramente notevole, un passo avanti rispetto a Malmö.
Inviato da Copenaghen
I secondi in scaletta dopo i tedeschi sono i britannici. Il pezzo era buono già in partenza. Il numero è semplice e allo stesso imponente e suggestivo. Molly canta benissimo. Sul pavimento del palcoscenico vengono proiettati simboli arabeggianti il che da all’act un’atmosfera più indie. Parte l’applauso generale della sala stampa (c’è da dire che c’è un’intera tavolata di stampa britannica). Il risultato é comunque ottimo. In corsa per i piani più alti della classifica.

I secondi in scaletta dopo gli inglesi sono stati i francesi. Il pezzo è forte, loro sono carismatici e il live vocale è stato più che buono, c’è ancora tanto da fare per quello che riguarda il numero e la regia. Il tutto risulta improvvisato, colori e sfondi troppo forti, riprese troppo spesso statiche. Hanno ancora una settimana. Nell’ultima prova le inquadrature sono più effettive.
Emma Live

Emma Marrone sul palco – Credits eurovision.tv

Provano i danesi. La prestazione vocale è buona anche se alcune parti vengono lasciate mute, forse per risparmiare sulla voce. Il numero e elegante nonostante il pezzo sia molto spensierato. Nulla di nuovo e il riferimento a Bruno Mars è evidente. Basim é in abito nero con camicia bianca con papillon nero, classico. Si balla e si sorride per 3 minuti leggeri leggeri. Vagamente anonimo ma sicuramente effettivo. Non giocano per vincere ma per cavarsela in maniera dignitosa. Dovrebbero farcela.

Arriva Emma. Dimenticatevi l’esibizione sobria e pacata di Marco Mengoni lo scorso anno. Quest’anno si va in direzione opposta. Emma parte inquadrata di spalle. I famigerati ragazzi vestiti di bianco sono i componenti della band. I colori dominanti dell’esibizione sono il giallo e l’azzurro, tanta luce, televisivamente bella. Emma canta come sa fare lei. C’è carica nell’esibizione italiana. Un po’ di tensione data dal fatto che è la prima prova e ambientarsi un’arena di tali dimensioni richiede un paio di esibizioni. Sullo sfondo appaiono fulmini, un sole stilizzato, gli occhi di Emma, le labbra, cerchi e greche. Nella seconda prova Emma si lascia andare, leva il giubbetto e ci mette ancora più carica. A meta canzone Emma scende dal palco e attraversa il catwalk per poi attraversarlo trascinandosi a terra in chiusura. Televisivamente forte, dal ritorno nel 2011 ad oggi quella di Emma è sicuramente la partecipazione italiana più pensata, studiata e preparata. Il team ha fatto un lavoro ottimo, indistintamente dal risultato.
Emma sul palco

Scenografia Emma Marrone – Credits eurovision.tv

Arriva la Spagna. Il rischio di Ruth Lorenzo è sempre quello stato di non riuscire a tenere a bada la carica rischiando di esagerare. Qualcuno deve averglielo fatto notare… e l’esibizione è stata magistrale. La sala stampa è esplosa in un applauso già dalla prima esibizione. Il numero parte sobrio con uno sfondo blu ed il rumore della pioggia in sottofondo e finisce in un esplosione di luce. Effettivo e vocalmente perfetto. Dark Horse Warning.

Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...