Rai pronta al debutto nello Junior Eurovision Song Contest


La notizia non è ancora ufficiale, ma è trapelata al margine dell’assemblea generale dell’EBU in corso si svolgimento a Napoli. L’Italia è pronta a debuttare allo Junior Eurovision Song Contest, l’Eurovision per bambini e ragazzi dai 10 ai 15 anni e l’ufficializzazione dovrebbe arrivare nelle prossime settimane.

L’evento è in programma, in una sola sera, il prossimo 15 novembre, a Marsa, sull’isola di Malta e come per l’ESC 2014, il palco sarà allestito all’interno di un ex cantiere navale. Il Malta Shipuilding si trova a circa 10 minuti  dalla capitale del piccolo stato, La Valletta ed avrà una capacità di circa 4500 spettatori. L’anno scorso si impose Gaia Cauchi, una bambina maltese 12enne ex partecipante del talent show per ragazzi di Rai Uno “Ti lascio una canzone”, ma va detto che allo JESC non c’è l’obbligo di ospitare l’anno dopo per chi vince e dunque quella di portare la rassegna sull’Isola è stata una scelta di TVM, la tv maltese, per celebrare il primo storico successo di un artista maltese in un festival canoro internazionale.

JESC_2014_logo

Dell’ultima edizione riferimmo anche noi, perché segnò il debutto della Repubblica di San Marino, peraltro con un cantante italiano, il 15enne Michele Perniola, allora fresco vincitore dello stesso talent show di Rai Uno e quest’anno poi spokeperson all’ESC proprio per il Titano. Mancando ancora l’ufficializzazione, è chiaro che non c’è ancora niente a riguardo del canale su cui il programma verrà trasmesso (va ricordato che proprio per il target cui è rivolto, l’evento va in diretta dalle ore 19 italiane) ma è probabile che possa venire sfruttato qualche canale nativo digitale (come per esempio Rai Gulp). Va detto che non c’è neanche l’obbligo stretto della diretta, per consentirne la messa in onda  nell’orario di miglior ascolto per i bambini e ragazzi.

IL REGOLAMENTO – Il format è identico a quello dell’Eurovision, con alcune lievi differenze: la presenza di eventuali cori registrati sulla base, il fatto che gli interpreti debbano essere anche coinvolti nella stesura del brano, il fatto che tutti partano da 12 punti “bonus” assegnati in partenza dall’EBU (sono comunque bambini…), la presenza massima sul palco di 8 persone  e che oltre alle giurie di ciascun paese e al televoto è presente una giuria internazionale composta da un bambino per ogni paese in gara. Inoltre, le canzoni devono essere eseguite per almeno il 70% della durata nella lingua o nelle lingue nazionali.

Inoltre, anche se formalmente c’è l’obbligo di organizzare una selezione nazionale, l’EBU concede delle deroghe, come è successo proprio con San Marino l’anno scorso con “Ooh-ooh-Ooh sole intorno a me” selezionata internamente. Allo stesso modo, gli artisti devono essere del paese che rappresentano o avervi vissuto per due anni (San Marino qui ebbe esplicita deroga limitata alla possibilità di schierare italiani).

httpv://www.youtube.com/watch?v=3Z3kEwbwYOc

Dunque la presenza della Rai porterà allo JESC il secondo artista italiano dopo Michele Perniola e la terza canzone in italiano dopo quella che nel 2004 rappresentò la Svizzera (“Birichino” di Demis Mirarchi) e appunto quella di Perniola. Infine, sempre a  proposito di “Ti lascio una canzone”: uscirà di nuovo da lì la cantante maltese, visto che è già stata annunciata l’undicenne Federica Falzon, vincitrice dell’ultima edizione del programma di Rai Uno. Non resta che attendere, dunque. Certo è che questa notizia fa ben sperare anche in chiave “maggiore” per la partecipazione della Rai all’Eurovision Song Contest 2015.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

9 Risposte

  1. linomar ganz ha detto:

    …L’italia all’J.E.S.C. 2014 ?….Finalmente!!!… E se fosse anche il “preludio” per la partecipazione al prossimo E:S:C: 2015?!?…Speriamo bene….

  2. Duff ha detto:

    Sono molto contento che anche l’Italia partecipi quest’anno! Abbiamo un sacco di talenti, è un peccato vederli rappresentare chi Malta chi San Marino! Se poi dura un’ora e mezza (i partecipanti so pochi, arriveranno massimo a 13) si può trasmettere benissimo su rai2 dato che il tg2 sta alle 20:30!

    • aLeX P ha detto:

      Difficilmente andrà su un canale generalista.. molto più probabile su un canale nativo digitale, come scritto nell’articolo.. tipo Rai Gulp.. e non essendoci obbligo di diretta, potrebbe andare in onda anche il giorno dopo ;)

    • ale83_webmaster ha detto:

      Gaia Cauchi e Federica Falzon sono maltesi, mica italiane, e quindi in gara rappresentano, come da regolamento, il proprio paese. L’unico italiano a rappresentare un altro paese è stato Michele Perniola grazie ad una deroga concessa dall’EBU, anche se spero rappresenti un caso unico, visto che il regolamento dovrebbe valere per tutti e che non credo che a San Marino non ci sia qualche bambino particolarmente dotato dal punto di vista canoro.

      • Duff ha detto:

        Si lo so che Falzon e Cauchi sono maltesi e come tali rappresentano Malta. Io intendevo dire che ospitiamo e abbiamo molti talenti in tv che partecipano in un modo o nell’altro allo JESC…e poi noi siamo i primi a non partecipare. Insomma, é un po’ contraddittorio!

  3. israelfurever ha detto:

    allora devo cominciare a mettere da parte i soldini per il televoto

  4. Bozzy ha detto:

    Non amo lo Jesc quanto l’Esc ma comunque credo sia positiva questa sempre maggior apertura della Rai all’Europa. Credo sia proprio da escludere la trasmissione sui tre generalisti in diretta in quanto dalle 19 alle 20 vanno in onda i tg che non si possono spostare. Bene Rai Gulp comunque!

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: