Television International Key Facts 2014: Eurovision ancora leader in Europa


Television 2014 International Key FactsIl consumo della televisione resta ad un livello molto alto in tutto il mondo. Gli europei nel 2013 hanno visto la tv per una media di quasi quattro ore al giorno (236 minuti, che salgono a 246 nel target “Adulti”), molto meno però degli americani, con 293 minuti al giorno (la media a livello globale si attesta a 196 minuti). Questi solo alcuni dei dati presenti nel report “Television International Key Facts 2014“, redatto come ogni anno da IP Network e RTL Group (in distribuzione da questa settimana). E proprio come ogni anno, non mancano analisi e audience dei programmi televisivi di maggior successo in tutto il mondo (e anche qualche curiosità).

Tempo davanti la tv: record della Romania. Se c’è una popolazione che ama stare davanti la tv, questa è quella romena. E’ loro infatti il record del 2013, con ben 340 minuti al giorno (+15 minuti rispetto all’anno precedente, dove erano ancora una volta primi!). Cresce anche il Portogallo, con 298 minuti al giorno (+14 minuti rispetto all’anno precedente) e Cipro, che sale a 202 minuti al giorno (+23 minuti rispetto all’anno precedente). Ai vertici nel “consumo” di tv a livello globale, troviamo:

  1. Romania: 340 minuti al giorno
  2. Serbia: 306 minuti al giorno
  3. Portogallo: 298 minuti al giorno
  4. USA: 293 minuti al giorno

Complessivamente, in Sud America la tv è stata guardata in media per 208 minuti al giorno, in Africa per 212 minuti, in Medio Oriente per 279 minuti e in Asia per 161 minuti.

ESC 2013I programmi di maggior successo. La maggior parte del pubblico televisivo nel 2013 ha premiato i grandi eventi sportivi e i programmi di spettacolo. 198 milioni di telespettatori hanno seguito in tv il Capodanno cinese (noto anche come Festa di Primavera), trasmesso da CCTV. Sono stati invece 110 milioni i telespettatori americani che hanno seguito il SuperBowl 54.6 milioni gli europei che hanno visto la finale dell’Eurovision Song Contest. E proprio la finale dell’Eurovision Song Contest è stato il programma non sportivo più seguito in tutta Europa, quarto se invece si conta la finale di Champions League, le qualificazioni per la Coppa del Mondo FIFA 2014 e la finale di Wimbledon.

Tecnologia. L’87% delle famiglie europee ha guardato la tv in tecnologia digitale durante il 2013. Nello specifico, il 33% delle famiglie europee ha ricevuto il segnale televisivo via satellite; il 29% in digitale terrestre, il 14% via cavo; l’11% via IPTV. La Francia detiene il record per l’IPTV, con un picco di ben il 40%, mentre la Germania è ferma al 5%. In Europa, il 97% delle famiglie ha un televisore (di questi il 77% HD-Ready) e il 56% ha un televisore secondario. In crescita le Smart TV, che raggiungono quota 20% (sempre in Europa), con un picco in Germania, dove sono a quota 29%.

Aumenta la fruizione della tv anche su smartphone e tablet. In Europa, il 64% dei cittadini ha uno smartphone, con la Finlandia in vetta (94%), seguita da Paesi Bassi (85%) e Regno Unito (84%). Negli Stati Uniti la media è del 74%. Opposta la situazione dei tablet, dove la media in Europa è del 18% (con un picco del 32% in UK) mentre negli USA la penetrazione è del 32%. Questi solo alcuni dei dati estrapolati dal report  Television International Key Facts 2014, dove ancora una volta viene confermato (se ce ne fosse il bisogno), l’impatto mediatico dell’evento musicale più apprezzato d’Europa: l’Eurovision Song Contest.

* I dati pubblicati, sono quelli resi pubblici dall’emittente tedesca RTL. Il report completo nazione per nazione può essere acquistato online su ip-network.com a 950 euro + iva.