Eurovision 2015, ci sarà anche l’Australia


SBS OneLa macchina eurovisiva prosegue la sua marcia. E mentre l’EBU a dicembre nell’assemblea generale, toglierà il velo sugli ultimi dubbi relativi agli stati in gara, chi sa già di esserci si è messo in moto con largo anticipo.

Dopo la clamorosa notizia del rientro in gara della Repubblica Ceca, arriva dalla SBS, uno dei servizi pubblici australiani, la notizia che saranno anche loro a Vienna dal 19 al 23 maggio prossimi. Non solo per coprire l’evento, come fanno dal 2009, con la presenza sul posto di Julia Zemiro e Sam Pang, ma anche con qualcosa di diverso.

SBS

Non si sa ancora se nell’interval act come l’edizione scorsa, quando nella seconda semifinale si esibì la cantante Jessica Mauboy, o nell’ambito di un progetto più importante (resta da vedere in che modo, visto che è una tv non europea e non membro EBU, ma solo associata).

A questo proposito, l’EBU non ha ancora deciso, ma certo visti gli ascolti ed il successo dell’evento in Australia, nonostante la differita, difficilmente rinuncerà alla loro presenza.

Nella nota diffusa da SBS si legge:

L’Eurovision è diventato uno degli eventi televisivi più popolari in Australia. L’anno prossimo è il 60° anniversario della rassegna  e con il tema ufficiale ‘”Bulding bridges,  già annunciato dal paese ospitante l’Austria, SBS può rivelare che i nostri due “ingegneri eurovisivi” stanno già lavorando su come possiamo costruire un ponte con Vienna e unirci  all’Eurovision song Contest nel 2015“.

Dunque, non resta che attendere.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

3 Risposte

  1. Francy ha detto:

    Se l’EBU vuole fare grandi numeri (ovvero superare abbondantemente i 40 Paesi partecipanti), ha solo due strade:
    1. Aprire alle tv commerciali (previo pagamento di una quota di partecipazione, anche se non membro o associato EBU)
    2. Valutare di aprire a Paesi come Australia e ad altri, a turnazione, senza partecipare alla gara, ma portando un loro artista ad esibirsi in uno dei vari interval acta semifinali e finale.

    Non sarebbe poi una così brutta idea, anzi. :)

  2. Misia ha detto:

    Per farli partecipare potrebbero creare un “posto ad invito” dove ogni anno si invita un paese extraEBU preferibilmente diverso …

  3. Anto ha detto:

    Quella dello scorso anno è stata una bella trovata. Contento di sapere che anche per l’Eurovision 2015 ci sarà ancora il loro coinvolgimento. E brava SBS che ci crede! :)

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: