Eurovision 2015: Elina Born e Stig Rästa per l’Estonia!


Elina e StigDall’Estonia una notizia che conferma tutti i pronostici della vigilia (e dei bookmakers). Ebbene sì, saranno proprio Elina Born e Stig Rasta a rappresentare il paese baltico all’Eurovision Song Contest 2015 con “Goodbye to yesterday“, una canzone che ha già riscosso moltissimo successo mediatico tra eurofan e non, con quasi 900.000 visualizzazioni su youtube e giudizi molto positivi, fin dalla sua uscita.

Basti pensare che appena si sono aperte le quotazioni per scommettere sulla canzone vincitrice (che, ricordiamo, soprattutto così presto, vanno poco considerate) l’Estonia è balzata in testa alla classifica, a quanto pare proprio per il consenso a dir poco unanime del pubblico per questa canzone.

La scelta, come spesso accade, è il risultato delle preferenze del pubblico e della giuria al 50% (tra la giuria anche Tanja, rappresentante estone dello scorso anno, che però non riuscì ad arrivare in finale). Ecco la canzone:

Entrambi già ex finalisti del concorso estone (Eesti Laul), i due vengono da due mondi abbastanza diversi: se Stig ha avuto un passato non solo da musicista, ma anche da produttore e naturalmente autore di numerosi singoli, Elina proviene dal mondo dei cosiddetti talent, arrivando seconda al format estone di Pop Idol.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

5 Risposte

  1. A87 ha detto:

    Non conosco le altre canzoni in gara al concorso nazionale, ma per me questo è un bel pezzo, mi ha sorpreso al primo ascolto e credo anch’io sia il favorito per ora, rispetto alle altre canzoni già selezionate per l’Eurovision 2015, anche se mancano ancora più di 20 nazioni e di canzoni da scoprire. Si sente che questo Stig Rästa ci sa fare con la musica, portare una canzone così è già un bonus per una competizione che di solito ospita canzoni che non vale la pena tenersi nel proprio lettore mp3. La proposta estone dell’anno scorso, invece, faceva pena a mio parere. Dei brani dell’anno scorso mi piaceva quello del duo olandese.

  2. vike ha detto:

    In linea con le scelte estoni degli ultimi anni (2014 a parte), forse qualcosina in più… personalmente però credo che manchi di quello slancio necessario a vincere una competizione come questa, e vedo che qualcuno la pensa come me

  3. Cristian Scarpone ha detto:

    Rispetto alle canzoni scelte finora è un ottimo pezzo, anche se non mi strappo i capelli a differenza di quasi tutti gli eurofan che leggo in giro. Farà bene? Probabile.

  4. Mattia ha detto:

    L’Estonia quest’anno si è comportata bene! Ha fatto la scelta giusta, non come l’anno scorso, quando tutti invocavano Sandra ma all’ESC mandarono la brutta copia di Loreen.

    Il pezzo di Stig Rasta non era forse il migliore in gara in maniera assoluta, ma è stato praticamente invocato dal popolo eurovisivo. Ed è giusto così.

    Resta il fatto che una finale come quella dell’Eesti Laul 2015 resterà negli annali! Non c’era un solo pezzo brutto! Fossero tutte così…

  5. pointless_nostalgic ha detto:

    davvero non capisco l’appeal di questo pezzo, piatto e abbastanza anonimo per quanto mi riguarda…

Commenta questa notizia...