Slove’n’aid, eurostars slovene (e non solo) a scopo benefico


Nomi famosi ed emergenti del pop sloveno insieme a scopo benefico. Fra loro tante eurostars. Così nasce il progetto Slove’n’aid, che in questi giorni ha pubblicato il singolo “En svet” (One world),  che servirà a raccogliere fondi per la cooperazione internazionale slovena e per una serie di progetti umanitari. Il supergruppo comprende 16 artisti, alcuni dei quali protagonisti in passato con alterni successi sul palco dell’Eurovision Song Contest.

Slovenaid

Si tratta di Eva Boto (17.posto nel 2012 con “Verjamem”), Daria Svajger (7. nel 1995 con “Prisluhni mi” e 11. posto nel 1999 con “For a thousand years”), Nuša Derenda (7. nel 2001 con “Energy”) and Omar Naber (12. nella semifinale del 2005 con “Stop”), oltre a Katja Koren, tre volte backing voice (con Anzej Dezan, Maja Keuc ed Eva Boto).

Oltre a loro, una serie di big come Alya, Jana Sustersic (vista quest’anno alla selezione nazionale), Manca Špik, Andraž Hribar, Skupina Gadi, Vlado Pilja ed emergenti come Eva Černe, Eva Hren e Nejc Lombardo. Il progetto, che prevede anche altre due canzoni, unite a questa in up EP ha il supporto del ministero sloveno per gli affari esteri e porta la firma di Ziga Pirnat, autore di tre brani nelle varie selezioni nazionali eurovisive.

Commenta questa notizia...