Germania, 10 in corsa per l’Eurovision: c’è un brano di Ralph Siegel


Dopo la bufera legata alla scelta, poi ritrattata nel volgere di pochi giorni, di Xavier Naidoo, la Germania è tornata al sistema di selezione nazionale che la caratterizza da anni. Unser Lied fur Stockholm (leggero cambio rispetto al passato, quando il nome era Unser Star) vedrà ai nastri di partenza 10 artisti e gruppi, col solito mix tra nomi noti e nomi in cerca di fama. Eccoli:

Luxuslarm

  • AvantasiaMystery Of A Blood Red Rose
  • Alex DiehlNur ein Lied
  • Ella EndlichAdrenalin
  • GregorianMasters Of Chant
  • Jamie-Lee KriewitzGhost
  • JocoFull Moon
  • KeomaProtected
  • Laura PinskiUnder The Sun We Are One
  • Luxuslärm Solange Liebe in mir wohnt
  • Woods of BirnamLift Me Up (From The Underground)

Il nome più pesante è senz’altro quello dei Gregorian, che hanno 15 cd e 6 DVD all’attivo dal 1991. Si tratta di una ensemble che rivisita nel canto gregoriano canzoni moderne, generalmente pop e rock: curiosamente 10 dei loro 15 album portano lo stesso identico titolo del brano che presentano in concorso, vale a dire “Masters of Chant”. Tra i suoi membri passati, figura Sarah Brightman, celebre soprano crossover britannica. I Gregorian sono in 10, quindi in caso di vittoria, dovranno necessariamente fare una scelta su chi lasciare fuori (il numero massimo di persone presenti sul palco è 6).

Ma meritano una citazione anche i Luxuslärm, band pop rock già vincitrice degli importantissimi ECHO Awards, gli Oscar della musica tedesca, che festeggia quest’anno 10 anni di carriera con risultati di medio riscontro discografico, ma ottimo a livello di critica.

Troviamo un po’ tutti i generi in questa finale nazionale, come nella più classica tradizione tedesca: c’è lo schlager di Ella Endlich, così come c’è l’indie-pop del duo Joco, ma abbiamo anche gli Avantasia col loro “bombastrock” (sono parole dell’ideatore del progetto Tobias Sammet). C’è Jamie-Lee Kriewitz, vincitrice di The Voice of Germany. Non lo trovate tra i partecipanti, ma c’è lo stesso: stiamo parlando di Ralph Siegel, il santone dei compositori dell’Eurovision, che ha deciso di lavorare al brano di Laura Pinski (ex Das Supertalent, la versione nazionale di Got Talent) dopo diversi anni passati alle dipendenze di San Marino.

Tre sono i nomi, se vogliamo, un po’ particolari: i Keoma, un duo che porta l’Australia in concorso anche qui, essendo uno dei due membri australiano (Kat Frankie, cantante folk; l’altro, Chris Klopfer, è un cantante rock); i Woods of Birnam, capitanati da Christian Friedel e che operano anche in teatro col loro frontman in veste di attore; Alex Diehl, la cui Nur en Lied è dedicata a coloro che hanno perso la vita nei terribili attentati di Parigi. L’appuntamento, in questo caso, è per il 25 febbraio.