La Romania pagherà i debiti all’EBU: ritorno all’Eurovision 2017?


Qualcosa di nuovo sul fronte orientale. La televisione nazionale rumena, TVR, quest’anno spedita fuori dall’EBU a causa di un debito di 17 milioni di franchi svizzeri (quasi 16 milioni di euro), potrebbe avere un fondamentale aiuto dal governo nel pagamento di tale debito.

TVR

In particolare, è stata messa in moto una vera e propria procedura legislativa d’emergenza con la quale il Parlamento rumeno ha, per farla breve, reso possibile l’uso del denaro pubblico allo scopo di pagare il debito della TVR. L’alternativa, per il pubblico rumeno, sarebbe stata quella di un’estate senza diversi eventi sportivi, quali Europei in Francia e Olimpiadi a Rio de Janeiro, in Brasile.

Il potenziale pagamento del debito potrebbe rimettere la TVR nelle condizioni di mandare un rappresentante della Romania all’Eurovision 2017: su questo punto, però, l’ultima parola spetterà all’EBU.

La Romania, a causa di questi debiti, era stata esclusa dall’Eurovision 2016 a sole tre settimane dall’inizio del concorso, a giochi fatti e a scenografia già praticamente progettata. La selezione nazionale aveva dato a Ovidiu Anton il diritto di eseguire la sua Moment of Silence sul palco della Globe Arena, se tutto fosse andato per il verso giusto (e non ci è andato). A Stoccolma, tributi a Ovidiu Anton sono stati posti in essere all’interno della sala stampa.

Commenta questa notizia...