Eurovision, Capicchioni (San Marino): “Duplicare il voto dei giurati non è una soluzione”


Continua a far discutere il nuovo sistema di calcolo dei voti dell’Eurovision Song Contest, che come è noto prevede obbligatoriamente la presenza di un televoto visto che giuria e televoto, per ciascun paese, assegnano set separati di punti. La vicenda è stata portata alla ribalta da San Marino, chiaramente penalizzata dal fatto che non ha un televoto e che quindi si è visto “simulare” il proprio tramite una media di alcuni Paesi.

San Marino Eurovision 2016

Tempo fa avevamo riferito della proposta allo studio proprio da San Marino RTV e del fatto che nemmeno la tv sia a conoscenza dei Paesi che sono stati scelti. Oggi torniamo a parlarne perché Alessandro Capicchioni, il capodelegazione sammarinese, intervistato dal sito portoghese Janelaesc mette in piazza altre due questioni.

La prima riguarda la mancata qualificazione di Serhat: “Noi abbiamo portato sul palco una performance che mediava il gusto delle giurie e dei telespettatori, quindi non so dire cosa sia mancato. Ma se guardiamo al voto delle giurie, possiamo notare che c’è un gruppo di paesi nella semifinali che si sono votati tutti fra loro, lasciando indietro gli altri. San Marino non era fra questi.  Quindi le risposte a cosa sia mancato sono molte e differenti. E non parlo sul piano artistico”.

Quando poi il sito portoghese chiede cosa sia allo studio e se per caso non potesse essere una soluzione l’utilizzo dello stesso punteggio della giuria anche per il televoto, la risposta è chiara: “Duplicare il voto della nostra giuria non è assolutamente una soluzione, sarebbe assolutamente sbagliato con questo nuovo sistema di calcolo”, ribadendo che a breve sarà proposta all’EBU la loro proposta alternativa.


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Una risposta

  1. progressive81 ha detto:

    Con qualsiasi sistema salvo che mettano dei paletti specifici… I paesi che faranno cartello ci saranno sempre quindi la vedo dura in un altro cambiamento che possa accontentare tutti… Dal altro canto sono decenni che c’è l’eurovision song contest e ogni tanto viene cambiato il sistema di voting.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: