Eurovision 2017: la webstar Marzia Gaggioli invia un brano per la selezione polacca


Ha 32 anni, è nata a Roma, e per qualche strano motivo è famosissima in Polonia. Se non sapete chi sia Marzia Gaggioli, colmate subito le vostre lacune cercando i suoi video su YouTube.

Entrerete in una dimensione parallela, fatta di una miriade di lingue, un utilizzo del chroma key e degli effetti audio ai limiti del grottesco e motivetti strampalati e datati, ma obiettivamente orecchiabili. L’apotesi dell’autoproduzione casalinga.

Tutto ruota attorno a Marzia: è lei a scrivere testi e musica dei suoi brani, è lei a girare i suoi video (con il prezioso aiuto di sua madre), è lei ad interpretare – con l’utilizzo di costumi e parrucche – tutti i personaggi presenti nelle clip, il resto lo fanno i suoi adulatori in rete, che tra serio e faceto, hanno spinto il suo canale oltre 8 milioni di visualizzazioni.

Numeri da capogiro per un’autodidatta che ha regalato agli estimatori del trash perle come “Oggi il sole non c’è“, “Disperata“, “Mamma non sa” e “L’autoscuola“.

Marzia non si limita all’italiano. La sua discografia vanta brani in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, giapponese, russoromeno, ungherese, olandesearabo e hindi.

Ma senza dubbio le soddisfazioni più grandi arrivano dalla produzione polacca, basti notare le visualizzazioni dei video dei pezzi in lingua, che battono di gran lunga tutte le altre proposte. Dalla trascinante “I don’t speak Polsku” alla discotecara “Jestem tutaj“, la nostra Marzia Gaggioli ha instaurato un forte legame con la nazione dell’Europa Centrale.

Diversi gli articoli a lei dedicati dalla stampa online polacca (ha addirittura una pagina Wikipedia) e tante le testimonianze d’amore dei fan pubblicate sulla pagina Facebook della webstar. Nemo propheta in patria come si suol dire!

Ora è tempo per Marzia di tentare l’impossibile: rappresentare la Polonia all’Eurovision Song Contest 2017. La cantante, più volte sollecitata dai suoi seguaci, ha inviato alla tv polacca TVP il brano “Nie poddam się” (Non mollare), dandone notizia tramite il suo profilo.

Non sarà facile per Marzia salire sul palco di Krajowe Eliminacje. Secondo il regolamento della selezione, i partecipanti devono essere in possesso della cittadinanza polacca, requisito che alla Gaggioli manca.

Tuttavia, una regola potrebbe aprirle le porte: la commissione selezionatrice si riserva il diritto di scegliere una wildcard da far accedere alla gara, anche in assenza dei requisiti base. Marzia potrebbe quindi ricevere il semaforo verde e lanciarsi in un’avventura che potrebbe portarla di fronte a milioni di spettatori in Europa e non solo.

 


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...