Eurovision 2017, Salvador Sobral: “Francesco Gabbani il mio preferito, è fuori dagli schemi”


Non sembra fermarsi la scia di dichiarazioni di stima rivolte a Francesco Gabbani dai suoi stessi compagni di viaggio all’Eurovision 2017 di Kiev. Dopo Nathan Trent in un’intervista al portale ESCKAZ, è Salvador Sobral a spendere belle parole per l’artista di Carrara.

Il cantante portoghese, che porterà all’International Exhibition Centre di Kyiv la romantica “Amar pelos dois”, ha espresso parole di apprezzamento nel corso di una conferenza stampa organizzata da OGAE Portugal.

A Sobral era stato posto un quesito in merito al fatto che sia lui che la sorella non avessero seguito in precedenza l’Eurovision, né avevano mai avuto particolare interesse per esso, e se il concorso fosse ciò che si aspettasse e aspettassero.

Il cantante ha così risposto: “No, sono rimasto molto sorpreso dalle cose che Carla [Bugalho, la capodelegazione portoghese] e le altre persone mi han detto su di esso e dalle dimensioni dell’Eurovision. Non sapevo che il concorso attirasse tanta attenzione. Sono rimasto sorpreso quando mi hanno raccontato che c’è un Eurovillage, simile al Villaggio Olimpico nella città ospitante… ma io andrò lì solo per cantare, perché adoro cantare, andrò solo a cantare e a trasmettere le mie emozioni alla gente che guarda”.

– Attorno al min. 24.30 la dichiarazione sull’Italia –

Mi è piaciuta molto la canzone dell’Italia. Amo l’italiano e il ragazzo è anche divertente. È stata l’unica che mi è davvero piaciuta (ride), ma sono sicuro che ci siano altre buone canzoni, perché ho ascoltato solo l’Italia e alcune altre. Lui [Francesco] sembra davvero fuori dagli schemi, quindi mi identifico in lui in quel senso.

La conferenza stampa è stata anche l’occasione per parlare di due nodi importanti, uno sulla partecipazione portoghese nel 2018 e l’altro sulla salute di Sobral, recentemente al centro di alcune esagerazioni di certi magazine portoghesi.

Carla Bugalho ha affermato che, in caso di vittoria del Portogallo, nel 2018 la RTP sarebbe pronta a organizzare l’evento, citando come esempio di organizzazione che ha avuto successo quella degli Europei di calcio 2004, con 10 stadi coinvolti e 31 partite giocate.

Quanto ai progetti futuri, ha affermato che per la partecipazione del 2018 (implicitamente confermata) ancora non ci sono piani perché l’attenzione è tutta rivolta a quest’anno: “Vogliamo avere la miglior performance e il miglior risultato quest’anno” (a questo punto Luisa Sobral, sorella di Salvador, ha scherzato dicendo “Niente pressione per favore!”). Infine, è stato ricordato come l’obiettivo è di avere sempre spazio per l’Eurovision sulla RTP.

A margine delle dichiarazioni di Carla Bugalho, giova ricordare che, al momento, l’unica arena che sarebbe in grado di ospitare l’Eurovision in Portogallo sembrerebbe essere la MEO Arena di Lisbona, conosciuta anche come Pavilhão Atlântico, che può contenere fino a 20.000 persone ed è di recente costruzione (1998, per l’EXPO).

È stato inoltre chiesto a Salvador Sobral di chiarire la questione delle sue condizioni di salute. Nei giorni scorsi, infatti, un magazine portoghese aveva riportato che, oltre ai problemi alla schiena per cui è stato operato di ernia due volte, Sobral avesse anche guai seri al cuore, tali da necessitare un trapianto.

La smentita in merito è arrivata rapida e secca, ma l’eco di quella non-notizia non si è spento. L’artista ha risposto con classe, dichiarando: “Sapevo che questa domanda sarebbe arrivata, perché ai magazine non importa niente delle persone e della loro salute, quello che vogliono è vendere più copie. È triste, ma non sono per nulla sorpreso. Non parlerò mai delle mie condizioni di salute, perché non hanno niente a che vedere con la musica. Quello che voglio è cantare, non voglio parlare di altre cose. Non sono sorpreso, ma non rilascerò commenti ulteriori”.

Il Portogallo, con Salvador Sobral, sarà in gara nella prima semifinale, il 9 maggio. Tramite gli schermi di Rai4, dall’Italia si potrà scegliere se televotare per contribuire a mandare “Amar pelos dois” in finale, in quanto il nostro Paese ha diritto di voto in questa semifinale.

Si ringrazia Daniel Carvalho.


Rimani aggiornato, seguici anche su Facebook | Twitter | Google+