Paolo Bonolis su Sanremo: Ariston luogo troppo limitato. Guardate l’Eurovision…


E’ un pensiero condiviso da molti, addetti ai lavori o meno, e finalmente qualcuno o meglio uno dei volti più popolari della nostra tv, lo ha messo nero su bianco questa mattina: “l’Ariston è un luogo troppo limitato per il Festival di Sanremo…“.

Paolo Bonolis

A parlare, nel corso dell’incontro a Cologno Monzese (Milano) in cui è stato ufficializzato il suo nuovo impegno biennale con Mediaset, è Paolo Bonolis, che con il suo Music ha dimostrato che è possibile fare musica in tv oltre Sanremo o i talent e con un programma “non facile”, portato al 21% di share (e contro Juventus-Atalanta su Rai1 e Chi l’ha Visto su Rai3) sull’ammiraglia Canale 5.

Per quanto mi riguarda Sanremo potrebbe essere nuovamente interessante se potesse cambiare veramente e io credo che all’Ariston il Festival non possa cambiare.

Paolo Bonolis commenta così le voci sul suo possibile coinvolgimento nella conduzione del Festival più famoso d’Italia, confermando di averne discusso in un incontro con il Direttore Generale Rai Campo Dall’Orto.

Fare Sanremo è facile, è un successo in assenza di battaglia perché tutto il resto si ferma. Molto più difficile fare cose nuove, tipo Music su Canale 5.

Difficile dire se cambierà idea sulla conduzione del Festival, di sicuro durante l’incontro dedicato al rinnovo con Mediaset è Piersilvio Berlusconi a dire la sua e a non chiudere definitivamente la porta: “Sanremo è Sanremo per cui non avremmo problemi se Bonolis facesse Sanremo…”.

Mentre Bonolis, nel ribadire la limitatezza dell’Ariston per un Festival così importante, arriva a citare anche l’Eurovision:

A Sanremo io credo bisognerebbe scegliere di abbandonare il teatro Ariston, è una struttura antica e troppo limitata, dove tutto quello che si poteva fare è stato già fatto, sia in chiave scenografica che in chiave di coreografia del momento canoro, si possono solo ripercorrere i sempiterni calli.

Ed è un peccato, guardiamo all’Eurofestival: ecco un modo moderno di presentare la musica in tv, sfruttando tutta la tecnologia possibile. Peraltro il direttore Antonio Campo dall’Orto, quando gli abbiamo parlato, era anche d’accordo su questo. Però capisco che siano decisioni difficili… 

E per capirne la modernità, con un mix perfetto tra musica, tecnologia e organizzazione dell’Eurovision, basta rivedere la finale della scorsa edizione e poi provare a rivedere Sanremo…


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...