Eurovision 2017: maxischermo a Carrara per Francesco Gabbani in occasione della finale


E’ ormai febbrile l’attesa per la finale dell’Eurovision Song Contest 2017, dove Francesco Gabbani intende recitare il ruolo di attore protagonista. C’è chi si organizza come può, e poi c’è la città di nascita del rappresentante dell’Italia, Carrara, che organizza un maxischermo in piazza in occasione della notte del 13 maggio.

La serata è organizzata dall’associazione Gli animosi, e in particolare il motore dell’iniziativa è Andrea Fusani. Per l’occasione, l’associazione ha allestito una collaborazione con Radio Nostalgia. Se dovesse esserci maltempo, la finale verrà vista nei locali del Caffè Fuoriporta, che si trova proprio sulla piazza.

Il maxischermo verrà montato in piazza Cesare Battisti, come evidenziato dalla mappa qui di seguito, da cui è possibile ottenere e indicazioni stradali.

 Carrara è la città di nascita di Francesco Gabbani, ma è anche, in sostanza, la terra dell’ultimo vincitore italiano dell’Eurovision: Toto Cutugno, infatti, è nato a Tendola, una frazione del comune di Fosdinovo, che si trova a circa mezz’ora di automobile da Carrara.

La visione della finale su maxischermo nelle città dei rappresentanti italiani non è una novità: si ricordano iniziative simili per Emma Marrone nel 2014 e per ciascuno dei tre membri de Il Volo nel 2015.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | InstagramGoogle+


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Una risposta

  1. Danilo ha detto:

    Ho chiamato il Comune di Carrara per sapere se lo avrebbero montato per l occasione, ma ho trovato ovviamente risposta negativa.
    Meno male che ci hanno pensato dei privati, che, come sempre, arrivano dove il pubblico non arriva. Mi chiedo gli Assessorati al turismo, alla cultura, al tempo libero, in una città che sta per vivere una probabile vittoria annunciata a livello internazionale di un suo concittadino, su quale sagra o bocciofila o altro debbano prioritariamente investire soldi pubblici per richiamare turisti, giovani, appassionati, che invece in questa occasione potrebbero riempire per un giorno una città che non è proprio ai vertici nazionali per richiamo di turisti ?

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: