Eurovision 2018: sei aspiranti per il Regno Unito. L’islandese Greta Salóme fra gli autori


Ci avviciniamo, giorno dopo giorno, all’edizione 2018 dell’Eurovision Song Contest. Il concorso musicale, che si terrà a Lisbona il prossimo maggio, vedrà come di consueto fra i partecipanti anche il Regno Unito, da tempo lontano dalle posizioni che contano in classifica.

Per tentare di rinnovare l’interesse del pubblico britannico, e  tenere alto l’entusiasmo degli eurofan d’oltremanica, la BBC ha scelto di importare un recente vincitore eurovisivo: Måns Zelmerlöw.

Lo svedese, che trionfò nel 2015 con “Heroes”, sarà il presentatore della selezione televisiva Eurovision: You Decide, in coppia con Mel Giedroyc.

Asanda, Jaz Ellington, le Goldstone, Raya, SuRie, Liam Tamne

La serata andrà in onda il 7 febbraio e vedrà in gara sei aspiranti concorrenti, metà dei quali passati per esperienze nei talent show. Una di loro è già stata ben due volte sul palco dell’Eurovision.

Per ascoltare i brani, basta cliccare sul loro titolo.

  • Asanda Jezile è un volto che probabilmente i telespettatori ricorderanno. Nel 2013, a soli 11 anni, arrivò in finale a “Britain’s got Talent”, mettendosi in mostra per una voce molto potente dal timbro possente.

Tenterà di volare in Portogallo con “Legends“, scritta da Christopher Wortley, Laurell Barker e Roel Rats.

Del suo brano racconta: “È una canzone unica dal ritmo energetico e dal mood tribale. Credo che la melodia e il testo si uniscano creando un messaggio ispiratorio bellissimo, in cui tutti possono rivedersi“.

  • Jaz Ellington si mise in mostra nel 2012 a “The Voice UK”, arrivando fino alla semifinale come parte del team del produttore e cantante americano will.I.am.

Il brano che porta in gara si intitola “You“ed è scritto da Ashley Hicklin, Herman Gardarfve e Laura White.

È la storia di due persone in una relazione. La persona che parla in prima persona paragona ogni cosa che il suo partner fa, alla persona che ama realmente. È bellissima e triste allo stesso tempo, la amo“.

  • Le Goldstone sono una girlband formata da Aimie Atkinson, Helen Kurup e Rhiannon Porter. Pur non avendo pubblicato singoli da classifica, il gruppo si esibisce assieme da parecchio tempo, non solo in Inghilterra. Tutte le componenti hanno anche esperienze da soliste nel mondo del teatro musicale e della televisione.

La loro canzone si chiama “I feel the love“, scritta e composta da Eric Lumiere, Joakim Buddee, Laura White e Roel Rats.

Le ragazze affermano: “Adoriamo la nostra canzone, è così piena di speranza! E arriva in un momento molto duro con tutto ciò che sta succedendo nel mondo. Ti fa sentire positivo riguardo al futuro. Il messaggio è che non importa chi sei, chi ami o da dove provieni, c’è sempre modo di stare insieme, rimanere uniti“.

  • Raya Clark è uno dei tanti talenti che, pur non avendo ottenuto il successo mainstream, lavorano a stretto contatto con la musica. È cantante, vocal coach, deejay, attrice e ballerina. In carriera ha collaborato con molti produttori ed etichette, incidendo brani di musica dance e non solo. Ha anche lavorato come corista per diversi artisti, tra i quali gli Hurts.

La canzone che presenta è “Crazy“, scritta da Emil Rosendal, Samir Salah Elshafie e Greta Salóme Stefánsdóttir . Sì, proprio lei, la rappresentante islandese all’Eurovision 2012 e 2016.

Raya dice: “Crazy è molto orecchiabile e movimentata, fresca e commerciale. Parla della classica cotta, per un ragazzo o una ragazza. Quella persona che non puoi toglierti dalla testa, per quanto tu possa provarci“.

  • Susanna “SuRie” Cork ha già due esperienze eurovisive alle spalle come corista, entrambe in collaborazione con il Belgio: nel 2015 per Loïc Nottet e nel 2017 per Blanche.

Canterà “Storm“, scritta da Nicole Blair, Gil Lewis e Sean Hargreaves.

Del suo pezzo dice: “È una hit! Una combinazione dinamica dello stile cantautorale, con l’inizio al piano, molto intimo, per poi arrivare a un climax che lo trasforma quasi in un inno pop soul“.

  • Liam Tamne è un rodato cantante e attore di musical. Nel recente passato ha preso parte alla messa in scena di produzioni cult come “The Rocky Horror Show” e “Les Misérables”. Nel 2012 ha partecipato alla seconda edizione di “The Voice UK”, fermandosi alla fase delle battle.

La sua entry “Astronaut” è firmata da Ashley Hicklin, Jacob Pedersen, Jeanette Bonde e Rune Braager.

Una grande canzone, credo che molte persone possano sentirsi legate ad essa. Nel messaggio si riconosceranno in tanti, perché tutti abbiamo bisogno di quel qualcuno che a un certo punto della vita ci sceglie e ci porta via“.

 


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Commenta questa notizia...