Sanremo 2018: Meta e Moro restano in gara, rivolta in sala stampa


L’ufficio legale della Rai ha sentenziato che Ermal Meta e Fabrizio Moro resteranno in gara al Festival di Sanremo 2018 con la canzone “Non mi avete fatto niente“.

Sembrerebbe finire così, dunque, la querelle che durava da un giorno e mezzo e che metteva in relazione il brano del terzo classificato a Sanremo 2017 e del vincitore di Sanremo Giovani 2007 con “Silenzio” di Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. Entrambe le canzoni, infatti, portano la firma dello stesso autore, Andrea Febo.

LEGGI ANCHE: Scoppia il “caso Meta-Moro”, saranno squalificati?

© ANSA

Riportiamo di seguito stralci di quanto è stato dichiarato in conferenza stampa proprio in questi minuti.

A seguito delle valutazioni tecniche effettuate, la Rai ritiene che non si debba escludere dalla gara la canzone interpretata da Ermal Meta e Fabrizio Moro, dal titolo “Non mi avete fatto niente”, in quanto conforme al requisito di novità previsto dal regolamento di Sanremo in vigore dall’anno 2013.

In base al regolamento, è consentito l’utilizzo di stralci di canzoni già edite, nei limiti di un terzo della canzone nuova. Il brano “Non mi avete fatto niente” contiene stralci del brano “Silenzio” in misura inferiore al terzo della sua durata complessiva, pertanto la circostanza che il brano “Silenzio” sia stato pubblicamente già fruito, non inficia la novità della canzone in gara.

Questi per trasparenza gli esiti delle analisi tecniche che hanno portato alla decisione. Sebbene i ritornelli delle due canzoni siano parzialmente sovrapponibili, nella musica e nel testo, la somma degli stralci utilizzati non supera il minuto e tre secondi sulla durata totale del brano stesso di tre minuti e ventiquattro secondi, ed è pertanto inferiore al terzo dell’intero brano. Le due canzoni dunque, pur presentando analogie per una frase musicale testuale, non sono la stessa canzone, quindi il brano resta in gara”.

Nel momento in cui scriviamo, la conferenza stampa è ancora in corso e si stanno susseguendo le domande sulla questione, con i giornalisti in subbuglio che stanno domandando in maniera calorosa allo staff del Festival e a quello di Rai1 in merito a svariati fattori.

Durissimo Marco Mangiarotti del Quotidiano Nazionale: “Non sono stati in grado di scrivere mezza canzone, portando un pasticcio”.

EUROVISION – Teniamo a ricordare che, sebbene tuttora in gara al Festival di Sanremo, non è chiaro se “Non mi avete fatto niente” possa essere presentata all’Eurovision Song Contest, nel caso in cui Ermal Meta e Fabrizio Moro portino a termine il Festival con la vittoria finale e accettino il biglietto per Lisbona. Non mancheremo di aggiornarvi anche su questo particolare aspetto della situazione.

Questa sera, dunque, riascolteremo “Non mi avete fatto niente”, che nell’ordine di uscita dei Big è la settima canzone che verrà ascoltata dall’Ariston e dall’uditorio televisivo.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

Advertisements

5 Risposte

  1. Simone ha detto:

    Purché ci si accerti in fretta se l’EBU accetterebbe o meno la canzone, magari già in questi giorni (ore?), poi ci si ritroverebbe a far tutto di corsa. Con tutto che spero che non tocchi a loro, perché a me la canzone non piace…

  2. Luca ha detto:

    Quell’inutilità che è la Sala Stampa finalmente (forse) si rivelerà utile per affossare un duo che doveva essere buttato fuori dalla gara, ma non è stato fatto per pure logiche di ascolti, guadagni (televoto) e chissà, probabilmente inciuci con il concorrente che questa settimana ha sospeso la programmazione di tutti i suoi programmi di punta…

  3. ma io mi chiedo, la sala stampa che ora è in “rivolta” quando hanno fatto il pre-ascolto a gennaio, non si erano accorti di questa cosa? dato che quasi tutti li hanno idolatrati da subito, propendo per il no, si vede che qualche rivale o qualcun’altro, ha poi segnalato la cosa ad un giornalista compiacente e allora tac scatta la rivolta…
    P.S.:
    la sala stampa si dimostra essere, come ho sempre pensato, una manica di raccomandati che non sanno nulla o quasi di musica -.-

    • protovit ha detto:

      Non è un caso se l’Italia è 52esima per libertà di informazione secondo il rapporto di Rsf dello scorso anno. E l’anno prima era addirittura 77esima. Tra l’altro 25 posizioni recuperate in un anno fanno molto sospettare… :o(

  4. steve ha detto:

    per quale motivo questa canzone, se vincesse Sanremo, rischia di non poter essere presentata a Lisbona? questo capolavoro deve essere portato a conoscenza di tutta Europa.

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: