Melodifestivalen 2018: Jessica Andersson e Martin Almgren in finale


Si è conclusa da pochi minuti la terza semifinale del Melodifestivalen, il celeberrimo festival della musica svedese utilizzato ogni anno dall’emittente SVT per scegliere il rappresentante della Svezia per l’Eurovision Song Contest. Cala il sipario su un’altra semifinale che non ha di certo spiccato per qualità od originalità delle proposte.

jessica andersson martin melodifestivalen 2018

© Stina Stjernkvist/SVT

Il primo artista a passare in finale è stato Martin Almgren, vincitore di Idol 2015 e con già due album alle spalle. Nonostante non fosse tra i preferiti della vigilia, nel corso delle prove a porte chiuse di ieri sera aveva positivamente impressionato il pubblico, che lo aveva posizionato al secondo posto della classifica di gradimento. “A Bitter Lullaby” è un piacevole country-pop dove la potente voce di Martin può esprimersi al meglio.

A brillare tra tutti è stata senza dubbio Jessica Andersson, che vola in finale con la sua “Party Voice”. La schlagerdiva si riconferma trionfante al Melodifestivalen, dopo la vittoria nel 2003 nel duo Fame e una serie di altre partecipazioni – da solista – dagli alterni successi. Si tratta, in ogni caso, di una big del panorama musicale svedese, avendo all’attivo diversi album e singoli di successo.

Ad accedere al ripescaggio sono stati Mendez e Moncho, dai nomi e dai brani simili. “Cuba Libre” ed “Everyday“, curiosamente allocati nella stessa semifinale, hanno rappresentato il “derby latinoamericano” dell’edizione, da cui nessuno esce – al momento – nè vincitore, nè vinto: solo l’Andra Chansen saprà rivelare il pezzo migliore tra i due.

Il vero fallimento della serata riguarda Dotter, una delle favorite dell’intera gara, che incassa una sonora sconfitta sul palco della Malmö Arena. “Cry” è una popballad dalle sonorità molto – forse troppo – moderne, che non ha fatto battere il cuore del pubblico svedese: per lei solo la sesta posizione.

Quinto posto per la spensierata atmosfera portata sul palco da Kalle Moraeus & Orsa Spelmän con “Min Dröm“, mentre chiude in settima posizione “Stark” di Barbi Escobar, nonostante il tema impegnato della canzone: scritta dalla cantante cilena stessa, ed ispirata dalla morte del padre a causa di una brutta malattia, è un invito ad essere forti e non mollare.

L’appuntamento si rinnova per il prossimo sabato: sul palco del Fjällräven Center di Örnsköldsvik entrerà in scena l’artista forse più attesa del Melodifestivalen 2018: si tratta di Mariette, vociferata dagli addetti ai lavori come possibile vincitrice della selezione svedese.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+