La tv pubblica ucraina a rischio chiusura: in forse la partecipazione all’Eurovision 2018?


L’EBUEuropean Broadcasting Union – ha rilasciato oggi un comunicato nel quale si ragiona sulla situazione della tv pubblica ucraina, l’UA:PBC. L’emittente, che ha festeggiato da poco il suo primo anno di vita, rischia la chiusura già il prossimo mese di aprile se non verranno trovati sufficienti fondi.

UA:PBC

Di seguito il comunicato integrale dell’EBU (qui l’originale in inglese):

Parlando a una conferenza del Consiglio d’Europa a Kiev la scorsa settimana, i manager dell’UA:PBC hanno sottolineato l’urgenza di trovare adeguati finanziamenti per l’emittente, che ha funzionato con appena la metà del budget prescritto dalla legge ucraina.

L’UA:PBC, che ha celebrato il suo primo compleanno poco tempo fa, sta attraversando un impegnativo processo di ristrutturazione per consolidare 28 unità regionali nel Paese, ridurre l’organico e compiere il passaggio al digitale.

Alla conferenza della scorsa settimana, membri del parlamento, esperti di servizio pubblico, istituzioni rilevanti e rappresentanti della società civile si sono incontrati per discutere modelli di finanziamento e buone prassi per il servizio pubblico.

Trovare un finanziamento sostenibile per il servizio pubblico in Ucraina è un’ambizionea lungo termine, che richiederà cambiamenti nel quadro giuridico e un nuovo meccanismo di raccolta. Allo stesso tempo, l’emittente necessita di un’urgente soluzione a breve termine in modo tale che possa continuare a funzionare fino alla fine dell’anno.

Il capo delle Relazioni con i Membri CEE, Radka Betcheva, ha detto: “Siamo estremamente preoccupati per il fatto che la mancanza di finanziamento sostenibile per l’UA:PBC possa soffocare la crescita e lo sviluppo di quest’importante istituzione demografica e sta minacciando la sua esistenza allo stato attuale.

Questo potrebbe mettere a rischio il dialogo per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea e, guardando avanti, minacciare futuri aiuti finanziari da parte dell’UE.

Sebbene non se ne faccia menzione, la possibilità che l’UA:PBC sia soggetta a chiusura potrebbe mettere a rischio la partecipazione dell’Ucraina al prossimo Eurovision Song Contest, che si svolgerà a Lisbona dall’8 al 12 maggio (rappresentata da Melovin, con la canzone Under the ladder).

Casi simili si sono già verificati anche di recente. Nel 2016, nonostante ripetuti solleciti, la TVR (emittente pubblica rumena) non ripianò il pesante debito che aveva contratto verso l’EBU, che le tolse così l’accesso ai suoi servizi in aprile, squalificando in questo modo la Romania dall’Eurovision ad artista (Ovidiu Anton) e canzone (Moment of silence) già scelti.

Nel 2017 la stessa sorte toccò alla Bosnia & Erzegovina: quell’anno la Romania è tornata in gara, la Bosnia & Erzegovina no. Sempre nel 2017, a Israele fu concesso di gareggiare anche se l’IBA stava chiudendo i battenti, con l’Eurovision che fu di fatto l’ultimo programma tv trasmesso dall’emittente, oggi sostituita dall’IPBC.

Negli scorsi mesi, era stata in dubbio anche la partecipazione della Macedonia sempre per ragioni finanziarie. L’EBU, in questo caso, ha concesso un certo periodo di tempo alla MRT per affrancarsi dal ruolo di debitrice, cosa che è avvenuta e che ha così permesso al Paese di presentarsi in gara quest’anno.

UPDATE: In un tweet, la tv ucraina ha smentito che la partecipazione sia in dubbio: “Stiamo continuando i preparativi per Eurovision 2018 e non ci stiamo ritirando. Ma l’intero futuro della tv dipende dai finanziamenti del Governo”

 


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

Una risposta

  1. protovit ha detto:

    Come? Dopo aver speso un botto di soldi appena lo scorso anno per aver organizzato l’edizione 2017 dell’Esc, avendo vinto nel 2016 con Jamala, adesso non hanno, addirittura, i soldi per rimanere aperti? Mah! :o))

Commenta questa notizia...