Eurovision 2018, intervista a Rasmussen: “Ascoltiamoci di più nel mondo. Meta e Moro? Tipi fighi!”


Il suo nome d’arte è in realtà il cognome, è corregionale di Emmelie de Forest (l’ultima a portare la Danimarca alla vittoria all’Eurovision) e succede ad Anja Nissen: stiamo parlando di Rasmussen, in gara quest’anno con Higher Ground dopo aver vinto il Dansk Melodi Grand Prix.

In attesa di vederlo nella seconda semifinale, in programma il 10 maggio alle ore 21, in diretta su Rai4 e con l’Italia avente diritto di voto, abbiamo intervistato per voi l’artista di Viborg, 33 anni, già padre di due figli.

Ciao Jonas. Come ti sei sentito quando hai vinto il Dansk Melodi Grand Prix, guadagnando il diritto di rappresentare la Danimarca?

Ciao! Mi sono sentito sopraffatto, orgoglioso ed estremamente felice e non vedo l’ora di andare a Lisbona.

Hai scelto di esibirti col tuo cognome. Cosa c’è dietro questa decisione?

Mi esibisco col mio cognome perché è ciò che sono. Il mio nome non dice molto del mio retaggio più ampio, ma il mio cognome è Rasmussen e ha questo suono nordico che si lega molto con la mia persona.

Sei stato il cantante e frontman della cover band Hair Metal Heröes. Per quanto tempo hai lavorato con loro, e come definiresti la tua esperienza? Potresti dirci quali canzoni hai preferito maggiormente cantare?

Beh, in verità sono tuttora il cantante della band (sorride)! Suoniamo insieme da 5 anni circa ed è uno spasso. Amiamo molto suonare la Musica, calarci nelle parti e celebrare l’Hair metal degli Anni ’80 con il pubblico. Le canzoni che preferisco maggiormente cantare sono forse Livin’ on a Prayer, Here I go again, Pour some sugar on me e To be with you.

Hai anche lavorato come attore nei musical: quale ruolo ti è piaciuto di più?

Una volta ho interpretato sia Oberon che Teseo nel Sogno di una notte di mezza estate, è stato molto divertente.

Sappiamo che sei stato parte di un coro che si è esibito sul palco con i Rolling Stones. Com’è stato cantare così vicino a tali leggende della musica?

Folle, surreale, travolgente e assolutamente impressionante. Tutto sembrava come fosse finito in 10 secondi, ma il ricordo di quei momenti mi è tuttora molto chiaro.

Parliamo di Higher Ground. La canzone è fortemente legata alla storia, in quanto parla di Magnus Erlendsson, venerato come Santo dalla Chiesa cattolica: fu l’uomo che rifiutò di combattere nella Battaglia di Anglesey, nell’attuale Galles, nel 1098. Cosa significa per te mettere in relazione quest’antico episodio storico con un pubblico moderno? Credi nella sua lezione di non violenza?

Assolutamente. Innanzitutto oggi ci troviamo in un tempo diverso. Per lui, così, quella di rifiutarsi di contrattaccare è ovviamente una grande responsabilità. Credo che, nel nostro tempo, ci sia più un fatto di capirsi l’uno con l’altro o perlomeno la buona volontà nell’ascoltare un’altra persona.

Non siate testardi e non tenete le braccia incrociate, ma ascoltate le persone a braccia aperte. Non dico che tutti, in qualunque luogo, debbano esser d’accordo su tutto, ma meno chiusura può quasi sempre essere abbastanza per raggiungere l’obiettivo di capirsi.

Conoscevi già Niclas Arn e Karl Eurén, gli autori della tua canzone, prima del Dansk Melodi Grand Prix?

No, li ho incontrati per la prima volta quando ho registrato la canzone.

Il palco dell’Eurovision Song Contest non avrà alcun ledwall quest’anno. Cosa pensi di questa decisione?

Va bene, sono certo che sarà un grande show in ogni caso.

Hai già ascoltato alcune delle canzoni in gara quest’anno? Quali ti piacciono di più?

Ho ascoltato alcune di esse, ed è difficile scegliere fra tanti differenti tipi di canzoni. I vostri rappresentanti sono fantastici (Ermal Meta e Fabrizio Moro, NdR), tipi fighi!

Rasmussen

Rasmussen | Credits: Philippe Jessen

Quali sono state le tue canzoni preferite della Danimarca all’Eurovision Song Contest?

Under stjernerne på himlen della Tommy Seebach Band, New Tomorrow degli A Friend in London e Only Teardrops di Emmelie de Forest.

Quali sono i tuoi artisti preferiti in Danimarca e quali in generale?

I miei artisti preferiti sono The Beatles, Queen, Michael Jackson, Led Zeppelin, Billy Joel, Mötley Crüe, Adam Lambert e un sacco d’altri. In Danimarca: D-A-D, Dizzy Mizz Lizzy, Anne Linnet tra gli altri (molti).

Hai in programma il rilascio di un album? Se sì, quale genere di canzoni dovrebbe aspettarsi di trovare la gente?

Spero di riuscire a fare un po’ più di musica, quando avrò tempo nel mio calendario.

Cosa ti piace fare nel tuo tempo libero?

Mi piace passare il tempo con la mia famiglia e i miei amici.

Grazie per la disponibilità e un grande in bocca al lupo per Lisbona 2018

Grazie infinite a voi!


Oltre 120 interviste ai protagonisti dell’Eurovision (e non solo)!


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+