L’intervista a Carolina Di Domenico, al commento dell’Eurovision 2018 su Rai4


Commenterà le due semifinali dell’Eurovision Song Contest 2018 su Rai4 (insieme a Saverio Raimondo) così come la finale su Radio 2 Rai insieme alla collega e amica Ema Stokholma.

Parliamo naturalmente di lei, Carolina Di Domenico, nell’intervista che potete leggere qui di seguito e grazie alla quale abbiamo scoperto che segue l’Eurovision ancor prima del nostro ritorno in gara e molto altro ancora!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ciao Carolina, grazie innanzitutto per il tempo che ci dedichi. Raccontaci un po’ di te, dagli inizi alla recente esperienza del Dopofestival… 

Ho iniziato con la TV per i Ragazzi facendo Disney Club per 5 anni dal lontano 1999 con Giovanni Muciaccia, per poi passare ad MTV per altri 4 anni, iniziando con le classifiche poi TRL e altri programmi più d’approfondimento come “A night with…”.

Nel 2009 passo a Rai4 dove ho condotto il programma “Sugo” e due anni dopo su La7 alla conduzione di “Dottori in prima linea”, affiancata da medici esperti. Sono seguite altre esperienze fino al 2012 dove ho affiancato Fabio Troiano nella prima edizione di The Voice of Italy.

Lì è stata una bella sfida, perché mi occupavo della parte web/social del programma ed era una delle primissime volte dove si portava questo mondo in tv e quindi era un po’ da gestire come situazione, sopratutto far capire che spesso quello dei social è un mondo dove è più facile trovare la critica negativa o ironica di un programma piuttosto che di elogio… quindi dovevamo mediare in questa situazione in cui non bisognava offendere la Carrà però i tweet ironici che arrivavano erano davvero tanti e un po’ da filtrare… non è stato facilissimo.

Oltre sei anni fa ho iniziato a fare radio su Radio 2 Rai con questo programma insieme a Pierluigi (Ferrantini, suo compagno e leader dei Velvet), che ora si chiama Rock and Roll Circus, un programma musicale con puntate a volte tematiche o di novità nella scena rock – indie rock ma anche hip hop…

L’esperienza più recente poi è con il Dopofestival quest’anno… una parte nuova per me, andare in onda a quasi le 2 di notte per una che tendenzialmente alle 22:30 già crolla (ride)… è stata anche quella una bella sfida… però in realtà il Festival l’avevo vissuto varie volte, un po’ la radio, un po’ con TIM Music, dove da circa sei anni faccio le interviste e le radio playlist con gli artisti per questa piattaforma di TIM.

Quest’anno tra il lavorare di giorno per TIM Music e la notte per il Dopofestival, diciamo che sono tornata a casa un po’ provata da questa situazione… con i due bimbi che non mi vedevano da dieci giorni, ma siamo riusciti ad organizzarci e alla fine è stata una bella esperienza, con degli ottimi compagni di viaggio.

A proposito di bambini, ne hai due uno di 6 e l’altro di 10 anni, cosa dicono della mamma quando la vedono in tv o la ascoltano in radio (se ti seguono ovviamente)?

Quello più grande ogni tanto viene anche con noi ai concerti, ha già i suoi personalissimi gusti in fatto di musica… noi abbiamo provato ad instradarlo verso della buona musica ma poi alla fine si ascolta Sfera Ebbasta e in auto abbiamo dovuto tenere il suo disco in rotazione. D’altronde bisogna anche lasciare la libertà, purtroppo, ai propri figli… (ride)

Io cerco di fargli sempre passare il messaggio che il nostro è un lavoro come un altro per cercare di evitare che magari un giorno si vantino di frequentare degli artisti e magari crearsi anche delle antipatie. Per noi genitori è una cosa normale, perché li frequentiamo per lavoro o alcuni sono anche amici, per loro che sono piccoli è più difficile capire questa cosa e magari finisce che il giorno dopo va in classe e agli amichetti dice “io ieri ho incontrato Lorenzo…”… Insomma, non c’è modo migliore per farsi odiare (ride).

Sarai al commento dell’Eurovision 2018 insieme a Saverio Raimondo per le due semifinali trasmesse su Rai4 e poi, nella finale, ti ritroveremo su Radio 2 Rai insieme a Ema Stokholma… Conosci già questo evento?

Assolutamente, lo conosco da diversi anni e pensavo proprio questa mattina al cambiamento che ha fatto nel tempo. Fino ad un po’ di anni fa era quasi considerato un evento kitsch, c’era chi lo guardava con ironia, perché vedevi magari dei personaggi così diversi/estremi rispetto al nostro standard mentre negli ultimi anni mi sembra che abbia acquisito tanta credibilità e serietà rispetto agli anni precedenti… ma forse è solo una percezione nostra e probabilmente è sempre stato così.

L’ultima volta che l’ho visto mi ha fatto venire in mente un po’ quei mega show alla MTV Europe Music Awards di una volta. Sono rimasta impressionata dalla macchina organizzativa e produttiva… dalla velocità con cui tutto è pronto in pochi secondi, tra una esibizione e l’altra, una cosa incredibile. Una cosa che in Italia ci sogniamo. Trovo che facciano davvero un lavoro eccezionale.

Non hai seguito dunque solo le edizioni più recenti ma anche quelle precedenti al nostro ritorno?

Sì l’ho seguito anche prima del nostro ritorno, perché mi ha sempre incuriosito molto vedere come viene vissuta la musica negli altri paesi. In alcuni casi vedi un approccio diciamo internazionale, a volte emulando quello che va di moda in quel momento in paesi come USA o UK etc etc… Paesi da cui ti aspetti una identità forte e invece ti ritrovi un tipo che canta in stile Justin Bieber… altri casi dove vedi invece un orgoglio nazionalista molto forte, magari portando un brano nella loro lingua. Sono affascinata da tutto questo.

Cosa pensi delle nostre ultime partecipazioni?

Penso che quel palco per noi italiani sia un po’ difficile… lo è un po’ per tutti in realtà, ma in linea di massima noi facciamo quell’errore di dire o voglio strafare o voglio creare una cosa che magari poi è lontana dall’artista stesso. Secondo me ci sono stati vari casi in cui o si è veramente esagerato oppure invece al contrario si è andati totalmente spogli e quindi magari inadatti ad una situazione del genere… sicuramente trovare un equilibrio non è proprio facilissimo.

Hai apprezzato qualcuno più di altri?

Mi è piaciuto molto Mengoni, sicuramente… un grande talento, un personaggio che secondo me è figo a prescindere, che se lo metti sul palco ha comunque una interpretazione che non ha bisogno di chissà quante cose… lo apprezzo moltissimo come artista.

E dei nostri attuali rappresentanti?

Quest’anno per esempio arriviamo con un pezzo che se capisci l’italiano bene, altrimenti è molto difficile. Poi Ermal e Fabrizio sono due personaggi che non è che spicchino proprio per una presenza scenica per le quali dici “Oh Dio”…  e lo sanno perché glielo dico sempre (sorride) … anche se son due bei ragazzi, quello sicuramente.

Ora non so cosa abbiano preparato, magari ci stupiranno con qualcosa di pazzesco, però rimane comunque il fatto che loro sono due cantautori, due interpreti che sono molto intensi quando si esprimono e questo secondo me arriva comunque, però c’è una grande quantità di testo da capire, un testo molto serrato che è difficile per chi non conosce la nostra lingua o la conosce poco.

Hai dei generi musicali che preferisci rispetto ad altri?

Mi piacciono vari generi musicali, l’indie rock, ma anche l’hip hop, ma non solo, ho un’anima molto pop. Il modo di fruire la musica è molto cambiato negli ultimi anni, non è più come nei ’90 che quando ascoltavi un genere per te c’era solo quello. Ora è molto diverso. Per esempio alcuni giorni fa abbiamo fatto una puntata a Rock and Roll Circus con i ritornelli più famosi e di successo e io ho scelto Kylie Minogue & Co. ..  ho un’anima molto Britney Spears insomma… (ride)

E’ la tua prima volta al commento come voce fuori campo per un programma tv?

Sì… ma diciamo che siamo abituati ad un commento del genere in radio, avendo fatto cose tipo The Voice con il commento in radio, così come per altri eventi musicali, come i Wind Music Awards etc etc…

Mentre per la finale sarai con Ema Stokholma al commento per Radio 2 Rai. Come vi siete conosciute?

Ci siamo conosciute grazie ad Andrea Delogu, che è amica in comune e poi ovviamente in radio quando è arrivata a lavorare a Radio 2 Rai e ci siamo anche ritrovate a fare insieme i giurati per Sanremo Giovani 2016. Sono naturalmente capitate anche diverse occasioni in cui ci siamo ritrovate fuori dal contesto lavorativo.

Siete amiche anche oltre il lavoro quindi…

Si assolutamente, Ema è un personaggio molto divertente. Quando capita di stare insieme a lei mentre fa qualche dj set, ci si diverte  tantissimo.

Ricordiamo che potete ritrovare Carolina Di Domenico martedi 8 e giovedi 10 maggio al commento delle due semifinali dell’Eurovision Song Contest 2018 insieme a Saverio Raimondo a partire dalle 21… rigorosamente in diretta! Sarà ancora lei, ma affiancata da Ema Stokholma, a commentare invece la finale di sabato 12 maggio su Radio 2 Rai (qui la nostra intervista).


Oltre 130 interviste ai protagonisti dell’Eurovision (e non solo)!


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

Advertisements

Commenta questa notizia...