Eurovision 2018, scommesse pre-semifinali: Italia nona, Israele davanti, rimonta di Cipro e Moldavia


Da questa sera, l’Eurovision Song Contest entrerà nel vivo: anche se in tv cominceremo a vedere tutto domani, all’Altice Arena di Lisbona, tra poche ore, i 19 artisti della prima semifinale saranno impegnati al fine di convincere 22 giurie (le 19 di questa semifinale più due Big 5 e Portogallo) delle loro proposte. La valutazione dei giurati vale per il 50% del risultato.

Andiamo, dunque, a verificare cosa dicono le agenzie di scommesse prima che tutto cominci. I dati sono raccolti, come sempre, da Oddschecker. Facciamo notare che, per molti Paesi, la quota indicata da uno dei siti che il collettore di agenzie osserva, Hatchbook, si discosta assai dai valori medi osservati, e per tale ragione non lo includeremo nelle nostre valutazioni in merito alle medie.

L’aggiornamento è relativo alle ore 16.

Come ormai da quasi due mesi, Israele (NettaToy) è al comando per tutte le agenzie di scommesse. La media delle quote cui viene pagato un successo israeliano è di circa 2,8, con punta realistica di 2,6 e peggior dato di 3.

Al secondo posto, da giorni infuria la battaglia tra Estonia (Elina NechayevaLa forza) e Norvegia (Alexander RybakThat’s how you write a song): al momento è seconda l’Estonia con una quota media di 6,9, migliore di 6 e peggiore di 8,84, mentre la Norvegia balla tra una media di 7,2, una migliore di 5,5 e una peggiore di 8,25 (ma le quote sono spesso leggermente più alte di quelle estoni).

Chi sta godendo di un momento particolarmente felice è Cipro: le prove particolarmente positive di Eleni Foureira in Fuego hanno fatto schizzare l’isola, nel giro di una settimana, dal 19° al 4° posto, con una media quote di 8,6, una migliore di 8 e una peggiore di 10.

Qui finiscono i miglioramenti, perché da un paio di giorni tutti gli altri Paesi inseriti nelle prime venti posizioni stanno vedendo alzarsi le quote (e non è un bel segnale: nelle scommesse, vedere le quote salire va inteso nel senso opposto rispetto a quello comune).

Quinto posto per la Francia: i Madame Monsieur (Mercy è il loro brano), che già stavano lentamente perdendo contatto col podio, adesso si ritrovano a dover guidare un trittico del quale fanno parte anche Repubblica Ceca (Mikolas JosefLie to me) e Bulgaria (EquinoxBones).

In tutto questo, c’è un Paese che non s’è mai mosso, nemmeno per sbaglio, neanche per sogno e neppure per idea: è la Svezia (Benjamin IngrossoDance you off), che da una settimana, incurante di tutti gli spostamenti, è ottava e sembra fare da spartiacque per chiunque, con una media quote appena superiore a 22.

update 7 maggio

Al nono posto, da diversi giorni, c’è l’Italia (Ermal Meta e Fabrizio MoroNon mi avete fatto niente), che pur vedendo diventare mediamente peggiori le proprie quote mantiene una distanza equa sia dall’ottavo che dal decimo posto, appannaggio della Moldavia (DoReDoSMy lucky day): quest’ultima è l’altra entrata in scena della prima settimana, dal momento che prima delle prove era notevolmente al di fuori delle prime venti posizioni.

Crollo dell’Australia (Jessica MauboyWe got love): il Paese, originariamente issatosi fino in terza posizione, è ora quattordicesimo, appena davanti alla Germania (Michael SchulteYou let me walk alone), che invece ha beneficiato della bontà delle proprie, di prove.

San Marino non riesce a schiodarsi dall’ultima posizione (che, in questa fattispecie, è la quarantatreesima).

Esistono anche alcune scommesse collaterali, per esempio quelle relative alle semifinali: nella prima, fatti salvi i Paesi già citati, vengono dati per finalisti Grecia, Austria, Lituania, Armenia e Belgio. Nella seconda, invece, ci sono un paio di incertezze che riguardano Lettonia e Russia. Va però osservato che nelle semifinali tutto può essere diverso dalle previsioni, perché molti si dimenticano una variabile fondamentale: in semifinale, non vota tutt’Europa, ma solo metà di essa (quella impegnata nella serata).


Altre risorse utili sull’Eurovision 2018


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+