Eurovision 2018, ecco quando canteranno in finale i primi 10 qualificati


E’ stato effettuato in tarda serata, il sorteggio delle metà in cui i 10 qualificati della prima semifinale si esibiranno sabato, nella finale dell’Eurovision Song Contest 2018 in programma all’Altice Arena di Lisbona (e trasmessa in diretta da Rai1).

Ieva Zasimauskaite | Credits: EBU / Thomas Hanses – Andres Putting

Vediamo come si è evoluta la situazione della divisione nelle due metà dell’ultimo atto di questa edizione (in grassetto sono indicati i Paesi che si sono aggiunti al conteggio):

PRIMA META’ (si esibiranno tra la posizione 1 e la posizione 13 della scaletta)

  • Portogallo (canta per ottavo) – Claudia Pascoal – O jardim
  • Albania – Eugent Bushpepa – Mall
  • Austria – Cesar Sampson – Nobody but you
  • Estonia – Elina Nechayeva – La forza
  • Francia – Madame Monsieur – Mercy
  • Germania – Michael Schulte – You let me walk alone
  • Lituania – Ieva Zasimauskaite – When we’re old
  • Spagna – Amaia y Alfred – Tu cancion
  • Regno Unito – SuRie – Storm

SECONDA META’ (si esibiranno tra la posizione 14 e la posizione 26 della scaletta)

  • Bulgaria – Equinox – Bones
  • Cipro – Eleni Foureira – Fuego
  • Finlandia – Saara Aalto – Monsters
  • Irlanda – Ryan O’Shaughnessy – Together
  • Israele – Netta – Toy
  • ITALIA – Ermal Meta e Fabrizio Moro – Non mi avete fatto niente
  • Repubblica Ceca – Mikolas Josef – Lie to me

Come è possibile notare, in vista della seconda semifinale sono rimasti da assegnare 4 posti nella prima metà e 6 posti nella seconda metà. Sarà particolarmente difficile sbrogliare la matassa sia da una parte che dall’altra, perché mai come quest’anno l’Eurovision sta mostrando tantissime canzoni forti ed esibizioni non da meno.

Ricordiamo che l’ordine di esibizione completo della finale sarà stilato nella notte tra giovedì e venerdì, al termine della conferenza stampa dei 10 che si saranno qualificati dalla seconda semifinale alla finale. L’appuntamento sarà per la diretta giovedì, ancora su Rai4, ancora col commento di Saverio Raimondo e Carolina Di Domenico.


Altre risorse utili sull’Eurovision 2018


Segui Eurofestival News anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram e seguici su Twitter e sulla principale community italiana Facebook dedicata all’Eurovision. Ti ricordiamo che Eurofestival News è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

4 Risposte

  1. ForestOne ha detto:

    Aspetto con ansia di vedere i Tweet in onda anche sull’Angelus del Papa e sul discorso di fine anno del Presidente della Repubblica… Allora sì che ci sarà da divertirsi!
    Oh, io aspetto, eh!

  2. arual81 ha detto:

    Anch’io penso che il commento su Rai4 non sia adeguato. Ho apprezzato Carolina molto più dei due presentatori dell’anno scorso, ma Saverio Raimondo proprio no: apprezzo che sia autoironico ma ha una voce sgradevole e le sue battute non c’entravano niente e distraevano. Inoltre sono stati di cattivo gusto sia il suo attacco a Gabbani dato per “disperso” solo perché non era riuscito a vincere lo scorso anno (mentre si tratta di uno dei migliori talenti italiani venuti alla ribalta nell’ultimo periodo e ha avuto un grande successo per tutta l’estate post-Eurovision) sia l’ironia sulle identità della cantante di Cipro, poiché a quanto so Eleni aveva nascosto in Grecia le sue origini albanesi per problemi di discriminazione e razzismo presenti verso la sua minoranza e questa è una cosa grave e seria su cui non si dovrebbe scherzare

  3. protovit ha detto:

    Tv8 è un canale generalista, perché no?
    I bassi ascolti di quest’anno saranno stati causati dal deludente commento dei conduttori italiani? Io ad un certo punto, stanco delle fesserie che venivano dette, ho, addirittura, annullato l’audio dei due presentatori italiani e mi sono sentito quello originale delle presentatrici portoghesi. Mi dispiace per Saverio Raimondo, che mi piace molto come comico, ma il suo ruolo, come avevo già previsto, proprio non c’entrava nulla con il commento, da studio, di una rassegna come l’Eurovision. Avessero mai illustrato le parole di una canzone, il significato di un testo. Niente. I loro commenti vertevano sulle località delle cartoline, offensivi, tra l’altro, se pensiamo che l’80% dell’importanza di ospitare un evento simile è la promozione turistica del territorio, oppure sugli outfit dei cantanti, oppure, in maniera autoreferenziale, su come venivano offesi in rete su Twitter, o sull’attualità politica italiana. E meno male che avevano il feedback della loro performance. Pensate se non lo avessero avuto. Non solo, ma ad inizio trasmissione, erano stati loro stessi a puntualizzare che il loro commento sarebbe stato nell’occhio del ciclone. Bah! Stendiamo, poi, un velo pietoso sui tweet. Avevo sperato ad inizio trasmissione, giacchè non ne vedevo in onda, che quest’anno li avessero aboliti. Ma deve essere arrivato, in seguito, qualche solerte funzionario Rai. :o))

    • arual81 ha detto:

      D’accordo sul fastidio dei tweet a schermo, invece dei tweet che si possono leggere su Internet non sarebbe meglio mettere sullo schermo i sottotitoli in italiano delle parole del testo di ogni canzone? Anch’io consiglierei ai commentatori di impiegare il tempo a loro disposizione durante le cartoline introduttive delle esibizioni non con battute inutili ma spiegando piuttosto argomento, significato, genere musicale della canzone che stiamo per ascoltare. Spero che ci penseranno almeno per giovedì quando l’Italia può votare e conoscere meglio le canzoni sarebbe un buon servizio pubblico.
      P.S. L’Eurovision non può andare su TV8 perché non è un canale Rai e l’organizzazione dell’Eurovision è storicamente affidata alle emittenti pubbliche di ogni paese partecipante (secondo me il canale più adatto per l’Eurovision, sia semifinali sia finale con uno stesso commento di qualità, è Rai2, rete molto più accessibile e generalista di Rai4 e con un pubblico più giovane di Rai1, ovviamente in quelle sere niente programmi importanti sugli altri canali Rai, The voice of Italy potevano farlo iniziare e terminare una settimana prima)

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: