Junior Eurovision 2018: confermato il ritorno in gara della Francia


Dopo l’annuncio del debutto in gara del Galles, arriva una nuova conferma: lo Junior Eurovision Song Contest 2018 vedrà il ritorno della Francia sul palco della competizione canora europea dedicata alle giovane voci di età comprese tra i 9 e i 14 anni, che quest’anno si terrà a Minsk il 25 Novembre.

L’ultimo (e unico) partecipante francese fu Thomas Pontier (in foto a sinistra)

Non si tratta, dunque, di un debutto, ma di un rientro: per la Francia l’unica partecipazione è avvenuta nel lontano 2004, alla seconda edizione dello Junior Eurovision, che si tenne quell’anno a Lillehammer, in Norvegia. Mentre a trionfare fu la Spagna, con “Antes muerta que sencilla”, la Francia si posizionò – con “Si on voulait bien” – in un lusinghiero sesto posto su diciotto piccoli cantanti in gara.

L’annuncio del ritorno è avvenuto a margine dell’Eurovision “dei grandi”, conclusosi ieri con la vittoria dell’israeliana Netta. La direttrice di France Télévisions, in visita alla Altice Arena di Lisbona dopo una riunione col supervisore esecutivo dell’Eurovision Jon Ola Sand, ha affidato l’annuncio a Twitter.

Sarà la rete ammiraglia France2 a curare la trasmissione dell’evento, forte degli ottimi risultati ottenuti all’Eurovision Song Contest di quest’anno. La selezione sarà però interna, come chiarito dal capodelegazione francese Edoardo Grassi:

Solleciteremo i coach vocali e le scuole di canto, inoltre lanceremo un questionario in rete per le candidature, al fine di designare, internamente, il nostro candidato. Lo Junior Eurovision permetterà di rinnovare il marchio “Eurovision” anche nella stagione televisiva autunnale. Nonostante al momento sia molto orientato verso i paesi dell’Europa orientale, l’EBU (che organizza l’evento) ha voluto rendere il programma più moderno.

La direttrice dell’intrattenimento di France2 – Marie Genest – ha confermato gli intenti della rete televisiva:

Questa decisione è parte del nostro desiderio di proporre dei talent show rappresentativi di ciò che vogliamo fare e che non vediamo altrove. L’evento contribuisce alla dimensione europea che vogliamo dare ai nostri programmi.

La Francia si unisce dunque agli altri 9 paesi già confermati in gara, ossia Armenia, Bielorussia, Georgia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Russia e Galles. Ancora niente di nuovo per l’Italia, ma non mancheremo di informarvi non appena ci saranno novità.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

Advertisements

Commenta questa notizia...