Eurovision, l’ex rappresentante macedone Vlatko Ilievski trovato morto in auto a 33 anni


Vlatko Ilievski, rappresentante della Macedonia all’Eurovision Song Contest 2011 con Rusinka, è stato trovato morto questa mattina.

Il cadavere del cantante, che aveva 33 anni, è stato rinvenuto questa mattina nella sua macchina, sulla 3rd Macedonian Brigade Boulevard (strada tra le principali della capitale macedone). Sono ancora da chiarire i reali motivi del decesso.

Vlatko Ilievski | Credits: ESCUnited

Ilievski era nato a Skopje il 2 luglio del 1985 ed era assurto a fama nazionale come cantante rock. Attivo dal 2000, aveva messo insieme diversi singoli di successo e rilasciato due album. Con la sua prima band, traducibile in inglese come Morality, è arrivato, nel 2005, a fare da support act per il concerto dei Deep Purple a Skopje.

Nel 2007 ha iniziato la sua carriera solista, che dopo tre anni ha visto il suo debutto in concerto in solitario nel 2010, alla Boris Trajkovski Hall di Skopje: a quel concerto ha partecipato anche Tamara Todevska, altra superstar macedone.

In quello stesso 2010, ha partecipato allo Skopje Fest, che fungeva da selezione nazionale per l’Eurovision, terminando secondo. L’anno dopo si è preso la rivincita con Rusinka, con cui si è guadagnato il diritto di rappresentare il suo Paese a Dusseldorf.

Nell’anno del ritorno dell’Italia, Ilievski non ha superato le semifinali, chiudendo sedicesimo nella sua. Della canzone, eseguita in macedone, sono state rilasciate tre ulteriori versioni in inglese, russo e serbo-croato. Ha riprovato ad andare in Europa nel 2015, ma la collaborazione con Risto Samardziev non ha portato grandi risultati.

Come detto, della vicenda che ha portato al termine dell’esistenza terrena di Ilievski non ci sono dettagli precisi. Secondo le informazioni fornite dalla tv macedone, la polizia avrebbe disposto un’autopsia sul corpo del cantante allo scopo di appurare cosa sia effettivamente successo.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

Una risposta

  1. gunnardeckare ha detto:

    Era una triste notizia. R.I.P

Commenta questa notizia...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: