Eurovision 2019, KAN ‘spinge’ Tel Aviv: “La EBU accetti questa proposta”


La tv israeliana KAN vuole portare l’Eurovision Song Contest 2019 a Tel Aviv. Questo è quanto emerge da una indiscrezione del quotidiano Israel Hayam, secondo il quale non solo l’emittente che organizza il concorso sarebbe orientata a scegliere Tel Aviv ma si attende anche una risposta positiva da parte della EBU. Più che una raccomandazione insomma.

La location ci sarebbe già, il Tel Aviv Fairgrounds,  o Tel Aviv Convention Center, per la precisione il secondo padiglione del grande centro congressi internazionale, che può ospitare 10.000 persone.  Un segnale forte ed importante, anche verso il Governo che come è noto ha opposto più di qualche resistenza sul fronte dell’ulteriore aiuto economico e del premier Benyamin Netanyahu che invece vorrebbe portare lo show a Gerusalemme per proseguire l’operazione di accentramento di tutto ciò che conta dalla metropoli alla città sacra.

Così si ricorderà Netanyahu aveva già twittato, nell’immediatezza della vittoria di Netta Barzilai, proprio in favore di Gerusalemme, già due volte sede dell’evento (nel 1979 e nel 1999).

La scelta di Tel Aviv, è inutile dirlo, avrebbe un significato particolare: è infatti la città della ‘movida’ israeliana, è una città dall’impronta laica – nei giorni scorsi era arrivato anche l’invito chiaro da parte della EBU a non ‘ostacolare’ la presenza dei visitatori ed a non fare resistenza sul fronte religioso-  e dichiaratamente LGBT friendly. Inoltre, Tel Aviv non ha mai ospitato la rassegna visto che nelle due volte in cui l’evento si è tenuto in Israele (nel 1980 il Paese non ospitò e non partecipò), fu appunto Gerusalemme la sede scelta.

Dal canto suo, il sindaco di Tel Aviv Ron Huldai, ha annunciato che se la città dovesse essere scelta, il costo sarà coperto dal comune di Tel Aviv-Jaffa e che ci sarebbero già pronte le location accessorie: Eurovision Village più largo rispetto a Lisbona, con bar, ristoranti e spettacoli, probabilmente a Charles Clore Park, un parco a sud est di Tel Aviv con vista sul mare, tradizionale sede conclusiva del Pride.


Non perderti nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook Twitter Instagram Google+

 

Emanuele Lombardini

Giornalista, ternano, cittadino d'Europa

Commenta questa notizia...